Torino-Spal 2-1, veleno in coda per l’arbitro Mariani

3
mariani

Il punto sull’arbitro Mariani dopo Torino-Spal 2-1: la rabbia di Semplici non è giustificata. Buona amministrazione della gara da parte del fischietto di Aprilia

Discreta direzione di gara in Torino-Spal per l’arbitro Maurizio Mariani designato per dirigere l’ultima gara interna stagionale dei granata. Tutto liscio (a parte qualche fisiologica sbavatura) fino al 94’ quando si è verificato l’unico caso rilevante di tutto il match che peraltro potrebbe influire nella lotta per la salvezza. Approccio piuttosto flessibile, nei minuti iniziali l’arbitro della sezione AIA di Aprilia lascia molto giocare non intervenendo in alcune situazioni (vedi fallo su Belotti a metà campo) o chiudendo un occhio su possibili provvedimenti: al 7’ rischia Baselli che ferma Grassi trattenendolo. Al contrario, al 14’, sembra pulito sul pallone l’intervento di Burdisso che il direttore di gara invece punisce ravvisando un fallo su Antenucci. Al 27’ il primo cartellino giallo del match (sacrosanto) è per Schiavon che ferma il pallone con la mano (anche se forse subisce fallo da Ansaldi un attimo prima). Al 31’ giusto offside rilevato a De Silvestri lanciato da Rincon. Al 40’ Schiavon atterra ancora Belotti prendendosi qualche rischio di troppo. Al 60’ ammonito Rincon per una vigorosa spallata a Grassi (il provvedimento è per la natura tattica del fallo, non per il fallo in sé). Al 66’ cartellino giallo anche per Everton Luiz il quale entra in maniera scomposta su Ljajic e al 68’ stesso provvedimento per Cionek che protesta per un fallo di De Silvestri in area in occasione dell’azione – gol di Belotti. Al 77’ ammonizione anche per Kurtic il quale entra in ritardo sul solito Belotti mentre all’81’ rischia il secondo provvedimento Everton Luiz per gioco pericoloso su Nkoulou.

Il punto sull’arbitro Mariani dopo Torino-Spal 2-1: un episodio da moviola

All’84’ ammonito anche il granata Moretti autore di un’entrata in scivolata sui piedi di Everton Luiz. Al 92’ rilevato un dubbio offside a Belotti e proprio all’ultimo minuto di recupero va in scena l’episodio più controverso e importante: in area di rigore granata Moretti viene a contatto con Felipe mentre questi, spalle alla porta, cerca di controllare il pallone. Il difensore del Torino si arrangia come meglio può con braccia e gambe e un leggero contatto c’è ma l’arbitro evidentemente lo ritiene nella norma e lascia proseguire. Da sottolineare che nemmeno il VAR entra in gioco in quanto probabilmente il fallo non è ritenuto solare e che Semplici, stizzito per la mancata concessione del penalty, protesta calciando via il pallone e per questo viene allontanato dal direttore di gara insieme al ds spallino Vagnati. Morale: caso controverso affidato alla discrezionalità dell’arbitro e sul quale rivedendo le immagini rimane qualche dubbio ma che tutto sommato non è stato clamoroso non punire quanto non lo sarebbe stato il contrario. Nella stessa circostanza ammonito anche il biancazzurro Salamon per proteste. Dopo questa partita viene ulteriormente confermato il trend dell’arbitro romano con le due squadre: molto positivo quello del Torino (9 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte), disastroso quello della SPAL (5 sconfitte in altrettanti incontri).

più nuovi più vecchi
Notificami
poggiardo granata69
Utente
poggiardo granata69

direzione di gara buona e decisione giusta quella di lasciar correre sul presunto fallo in area

Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68
Ospite
Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68

Un furto. solo i gobbi possono dire che l’arbitro ha fatto bene a non dare rigore e nemmeno guardare il var, in questo caso.
E, naturalmente, i leccac**o di Cairo che godono di queste grandi soddisfazioni proprio come i loro “cugini”.

tric
Utente
tric

Moretti ha fatto quel che deve fare un difensore in queste circostanze: colpire la palla. E’ evidente che i giocatori erano vicini, ma francamente, a maglie invertite, non mi sarei permesso di invocare un fallo.