Come sempre dopo una partita del Torino, ecco il tradizionale Punto sull’Arbitro del nostro Carlo Quaranta

E’ toccata a Michael Fabbri della sezione AIA di Ravenna la direzione della partita prenatalizia tra Torino e Udinese che si sono sfidate al “Grande Torino” in una partita molto “fisica” ma sostanzialmente corretta che è stata ben diretta dall’arbitro romagnolo il quale ha utilizzato un metro uniforme ed equilibrato, non incappando in errori particolari né nella gestione del match né nelle sanzioni.

Torino-Udinese: gli episodi arbitrali più importanti

Il primo tempo non ha registrato alcun caso e Fabbri ha giudicato bene gli episodi compreso quello al 6’ per un possibile tocco di braccio in area friulana: su cross di Lazaro, infatti, il pallone sbatte sul fianco di Ebosele e giustamente arbitro e VAR lasciano proseguire.
Quattro gli ammoniti, tutti nel corso della seconda frazione: al 48’ il primo a finire sul taccuino del direttore di gara è Kamara per intervento in ritardo su Soppy; al 52’ cartellino giallo pure per Sanabria, autore di un’entrata da dietro su Lovric; al 76’ punito invece per proteste Lucca che si lamenta con Fabbri per la mancata concessione di un calcio di punizione ed al 91’ per Vojvoda che, per rimediare ad un precedente errore, entra in ritardo su Ehizibue. I provvedimenti sono sembrati tutti appropriati e correttamente l’arbitro ha fatto proseguire anche in occasione di un presunto tocco di braccio in area di Vojvoda in caduta e pertanto non punibile.

Seconda direzione stagionale con i granata per Fabbri che aveva diretto anche Lazio – Torino e con il quale nel complesso la compagine del presidente Cairo viaggia in perfetto equilibrio: 5 vittorie, 8 pareggi e 5 sconfitte in 18 incontri.

Michael Fabbri
Michael Fabbri
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 24-12-2023


Marinelli e il Var annullano tre gol

Fiorentina-Torino, buona prova per La Penna