Guida e il Torino, i precedenti con l'arbitro di Torre Annunziata

Guida per Brescia-Torino, l’ultima volta fu la vittoria in rimonta contro il Milan

di Redazione - 7 Novembre 2019

I precedenti dell’arbitro Guida di Torre Annunziata: alla direzione del Torino sono arrivate 8 vittorie, 4 pareggi e 6 sconfitte

Con Guida alla direzione delle gare del Torino i granata hanno fatto registrare un bilancio abbastanza positivo. Con il fischietto di Torre Annunziata, infatti, il Toro ha ottenuto 8 successi, 6 sconfitte e 4 pareggi per un totale di 25 punti conquistati in 17 partite. E il ritorno di Guida alla direzione del Toro sarà contro il Brescia, l’ultima volta fu contro il Milan. L’ultima volta che l’arbitro campano ha diretto una gara dei granata, infatti, è stato proprio in occasione di Torino-Milan lo scorso settembre. Gara nella quale la formazione di Mazzarri strappò una vittoria in rimonta per 2-1. Una sfida nella quale l’arbitro di Torre Annunziata ha avuto il suo bel da fare chiudendola con 8 ammoniti e un espulso. Un rigore assegnato, quello del momentaneo vantaggio rossonero con Piatek al 18′ del primo tempo. Una direzione tutto sommato corretta anche se con qualche sbavatura: tutti alti e bassi però abbastanza comprensibili vista la difficoltà della partita.

Guida e i problemi in Torino-Udinese 1-0

Prima del Milan, sempre nella scorsa stagione, Guida arbitrò di nuovo Torino-Milan, partita che ha visto i granata di Mazzarri vittoriosi per 2-0 contro la formazione di Gennaro Gattuso. In precedenza Guida arbitrò anche Torino-Udinese: i granata vinsero per 1-0, ma la gara fu contraddistinta da diversi episodi controversi, specie nell’utilizzo del VAR (non concesso un rigore al Toro per un tocco con il braccio in area friulana, annullato il gol del pari ai bianconeri per fuorigioco attivo di Lasagna). Lo scorso 15 dicembre, il fischietto campano arbitrò invece il derby della Mole terminato 1-0 per i bianconeri. La sua fu una direzione che fece molto discutere, non tanto per il rigore giustamente assegnato alla Juventus, quanto per i due non fischiati al Torino: uno per una trattenuta di Alex Sandro su Simone Zaza, l’altro per una spinta di Blaise Matuidi su Andrea Belotti.

Arbitro Guida e il Torino: nel 2015/2016 la vittoria contro l’Inter

Nello stesso campionato Guida ha anche arbitrato Chievo-Torino 0-1, partita decisa dal primo gol in granata di Simone Zaza. La vittoria è arrivata anche nella stagione precedente (2017/2018) quando i granata superarono il Crotone in casa per 4-1 nell’unica sfida stagionale arbitrata dal fischietto campano.

Nella stagione 2016/2017, invece, sono arrivate due sconfitte in trasferta contro Genoa (2-1) e Roma (4-1). Due sfide nelle quali non ci furono particolari casi da moviola ma che fruttarono ai granata due Ko. Al contrario, nel 2015/2016, arrivò prima il pareggio contro la Sampdoria (2-2), teatro di una recriminazione per una trattenuta di Ranocchia su Glik, e poi soprattutto la vittoria contro l’Inter a San Siro. In quell’occasione, il direttore di gara fu protagonista di due azioni piuttosto dubbie, una per lato.

La prima riguardò il fallo dubbio di Moretti in area (da terra aveva toccato con il braccio) e il conseguente rigore assegnato all’Inter. Nella seconda occasione, invece, fu il Toro a beneficiare da un tiro dal dischetto per un fallo di Nagatomo (altrettanto dubbio): fu Belotti a trasformare e regalare il definitivo 2-1 ai granata (la rete del pareggio fu siglata da Molinaro).

Arbitro Guida e il Torino: gli altri precedenti

Restando in Serie A, nella stagione 2014/2015 con Guida alla direzione di gara il Toro portò a casa le vittorie in trasferta contro Atalanta (1-2) e Cesena (2-3) e il pareggio per 1-1 contro la Fiorentina, sempre in esterna. Nelle due stagioni precedenti, invece, arrivarono il 3-3 contro la Lazio all’Olimpico e la sconfitta contro la Roma per 2-0.

Le prime occasioni di incrocio tra il Torino e l’arbitro di Torre Annunziata si registrarono invece nella stagione 2010/2011 con il Torino in Serie B. Stagione nella quale i granata stapparono, in ordine di tempo, la sconfitta contro il Varese (1-2), il pareggio con la Reggina (1-1) e una seconda sconfitta con il Vicenza (1-0).