L’esterno nerazzurro ha rilasciato un’intervista a Dazn in vista del match contro il Torino, in cui ha militato dal 2011 al 2015

Alla vigilia del match che vedrà confrontarsi l’Inter padrona di casa e il Torino, Dazn ha intervistato sia Samuele Ricci che Matteo Darmian, uno dei due ex della partita. L’esterno, in granata dal 2011 al 2015, ha detto la sua sulla stagione che vedrà protagonisti i suoi e le sue personali sensazioni. Sarà un campionato equilibrato. Noi siamo convinti delle nostre qualità. Vogliamo fare una bella stagione e sicuramente lavoriamo per questo. I nerazzurri da molti vengono indicati come una delle squadre candidate alla vittoria del titolo. Per Darmian non è un problema: Essere additati come favoriti è una cosa che ci deve dare più consapevolezza dei nostri mezzi, delle nostre qualità. Però, come ben sappiamo, è il campo che poi darà le risposte. Quindi noi dobbiamo concentrarci su quello, lavorare settimana dopo settimana per migliorare e dimostrare in campo.

Darmian: “Critiche fanno parte di questo mondo”

Così come non mancano le critiche, in positivo e in negativo: Quando giochi in una grande squadra come l’Inter. Le critiche magari quando non arrivano risultati, o quando magari non si fa prestazione, ci sono, fa parte di questo mondo però ci devono dare una spinta da una parte per migliorare e da una parte dobbiamo tapparci le orecchie e andare avanti per la nostra squadra. Un metodo che deve avere imparato a menadito per raggiungere il traguardo delle 400 presenze tra i professionisti: E’ un bel percorso, tutto quello che mi sono guadagnato è perché l’ho voluto e ho messo passione, voglia e determinazione in questo sport. Sono orgoglioso, mi fa piacere.

Matteo Darmian
Matteo Darmian
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 09-09-2022


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Cup
Cup
4 mesi fa

Scusami Darmian, ma pero che oggi giochiate molto male, e che riceviate un mare di critiche domani.

La settimana dell’Inter: la batosta nel derby, la Champions per rialzare la testa

Berlusconi esonera Stroppa: Palladino è il nuovo allenatore del Monza