Non perde da tre mesi ma è in emergenza infortuni: ecco che Juve arriva al derby

44
CAMPO, 3.12.18, Torino, Allianz Stadium, TIM Cup, JUVENTUS-TORINO, nella foto: Massimiliano Allegri

I bianconeri sono reduci dal 2-2 contro il Tottenham in Champions, ma in campionato non perdono dal 19 novembre

Sarà una Juventus in corsa su tutti i fronti quella che domenica alle 12.30 arriverà al “Grande Torino”. La squadra di Massimiliano Allegri è al secondo posto in campionato, impegnata nel nell’appassionante duello Scudetto con il Napoli capolista e sarà reduce dalla gara d’andata degli ottavi di finale di Champions League disputata contro il Tottenham. Mancherà certamente qualche energia in casa bianconera, ma dopo il 2-2 rimediato allo Stadium sarà tanta la voglia di ripartire con il ritmo inarrestabile tenuto in questi mesi. Buffon e compagni sono reduci da otto vittorie consecutive in A. L’ultimo passo falso è datato 9 dicembre 2017: 0-0 in casa con l’Inter.

L’ultima sconfitta risale invece al 19 novembre, al 2-3 patito nel Marassi blucerchiato. La sfida di ieri sera, però, ha mostrato qualche crepa, soprattutto nella retroguardia di ferro che aveva permesso ai bianconeri di incassare solo una rete in sedici partite. Un piccolo ritorno al passato, quello di inizio stagione, in cui la Juventus faticava a trovare contromisure efficaci agli attacchi avversari (22 reti incassate nei primi 18 impegni ufficiali).

Non sono solo i gol di Kane ed Eriksen – che complicano, e di molto, la gara di ritorno a Wembley – a crucciare Allegri. Il tecnico toscano, infatti, dovrà far fronte ad una vera e propria emergenza infortuni in vista del derby di domenica. Non ci saranno certamente i lungodegenti Cuadrado e Howedes, mancherà Matuidi, mentre sono ancora in dubbio i recuperi di Dybala e Barzagli. Dopo la sfida contro gli Spurs, poi, ha riscontrato un problema muscolare anche Sami Khedira. Infortunio non troppo serio – ha confermato l’ex allenatore del Milan nel dopogara – ma che potrebbe impedirgli di prendere parte alla stracittadina. Le assenze potrebbero influire sulle scelte per la sfida contro il Toro, in particolare nell’atteggiamento tattico. Nelle ultime gare, Allegri ha impostato la sua Juventus sulla base di un 4-3-3 piuttosto fluido, mutevole a seconda degli avversari e delle situazioni di gioco. Contro il Tottenham, però, la sorpresa è stata il ritorno al 4-2-3-1, con l’inserimento di Douglas Costa alle spalle dello spauracchio Higuain (sette gol nelle ultime quattro) e il duo Bernardeschi-Mandzukic (anche se quest’ultimo è uscito acciaccato) sulle corsie. Due soluzioni tattiche possibili, queste, anche per affrontare il derby. A Mazzarri il compito di trovare le contromisure giuste e ritrovare una vittoria che manca da tre anni.

più nuovi più vecchi
Notificami
Gianky1969 (Giancarlo)
Ospite
Gianky1969 (Giancarlo)

Le gufate collettive di ieri sera sono giunte a buon fine: ottimo Orgoglio Granata, ciao ragazzi e FVCG

CON IL TORO NEL CUORE
Utente
CON IL TORO NEL CUORE

Ok la grinta, ok la rabbia, ma giochiamo in 11vs 11 !
È poi poche punizioni dal limite per favore!

Denis-Joe
Ospite
Denis-Joe

meglio dire che INIZIAMO in 11 vs.11

T
Utente
T

Ma da quando il derby si gioca in 11 contro 11 ????!!!!!! Nei sogni forse!!

masterfabio
Utente
masterfabio

La partenza, nei derby, è 11 contro 12, poi arrivano le espulsioni a nostro sfavore.

Valentino
Utente
Valentino

GOBBI DI MERDA.