Il tecnico granata, come altri quattro colleghi, guadagna 1 milione di euro a stagione. Conte e Inzaghi in testa, chiude Gotti

Un’estate costellata da diversi cambi in panchina quella che attualmente divide l’attenzione tra il mercato e i ritiri precampionato di Serie A. Dalle squadre in lotta per lo scudetto, a quelle che fino all’ultima giornata giocheranno per mantenere la categoria, in poche hanno mantenuto lo stesso staff tecnico della stagione precedente. Ne sa qualcosa anche il Torino, passato dalla gestione Juric – conclusasi allo scadere di un contratto triennale – a quella di Paolo Vanoli, che dopo la promozione in A con il Venezia si è legato al club granata per i prossimi due anni.

Serie A, i cambi in panchina

Come già anticipato, il tecnico varesino non è la sola novità in panchina in vista della prima giornata di campionato. Al Napoli comincia l’era Conte, la Juventus sposa le idee di Thiago Motta. Al posto dell”italo-brasiliano, sulla panchina del Bologna, siede Italiano, il quale a sua volta lascia la panchina della Fiorentina a Palladino. Un valzer che continua con Nesta al Monza, Nicola al Cagliari, D’Aversa all’Empoli e Zanetti al Verona che libera Baroni alla Lazio. In attesa di scoprire Runjaic, a cui è affidata la panchina dell’Udinese, e la nuova sfida di Di Francesco al Venezia.

C’è anche chi resta, da Inzaghi a Gotti

A dare seguito all’annata precedente, sulla stessa panchina, restano i soli Inzaghi, De Rossi, Gasperini, Gilardino e Gotti, oltre ai due neopromossi Pecchia e Fabregas. Quest’ultimo, esordiente in Serie, sicuramente una delle storie più interessanti del prossimo campionato. Dopo la stagione vincente del suo Como, ora si gioca le sue carte in massima serie, dove tra l’altro esordisce come il decimo allenatore più pagato. 1 milione di euro, alla prima stagione in Serie A. Con lui altri quattro allenatori.

Vanoli, 1 milione come Fabregas, Gila, Nesta e Nicola

La stessa cifra è stata concordata con i rispettivi club, secondo dati Transfermarkt, anche da Alberto Gilardino e il Genoa, Nesta e il Monza, Nicola e il Cagliari e infine Paolo Vanoli e il Torino, a cavallo dunque tra parte sinistra e destra degli allenatori più pagati del campionato. Ricordando come Vanoli guadagni una cifra inferiore rispetto al suo predecessore, Ivan Juric, che percepiva 2 milioni di euro a stagione.
Prima piazza condivisa da Antonio Conte e Simone Inzaghi (6.5 milioni di euro). Dietro, a distanza di quasi 3 milioni, Thiago Motta (3.8 milioni di euro), De Rossi (3.2 milioni di euro) e Gasperini (3 milioni). Chiude la classifica Gotti, che guadagna 500 mila euro a stagione.

La classifica completa

  1. Conte (Napoli) €6.5M
  2. Inzaghi (Inter) €6.5M
  3. Motta (Juventus) €3.8M
  4. De Rossi (Roma) €3.2M
  5. Gasperini (Atalanta) €3.0M
  6. Fonseca (Milan) €2.5M
  7. Italiano (Bologna) €2.1M
  8. Palladino (Fiorentina) €1.6M
  9. Baroni (Lazio) €1.5M
  10. Fabregas (Como) €1M
  11. Gilardino (Genoa) €1M
  12. Nesta (Monza) €1M
  13. Nicola (Cagliari) €1M
  14. Vanoli (Torino) €1M
  15. Di Francesco (Venezia) €750k
  16. Runjaic (Udinese) €750k
  17. D’Aversa (Empoli) €600k
  18. Pecchia (Parma) €600k
  19. Zanetti (Verona) €600k
  20. Gotti (Lecce) €500k
Vanoli a Superga
Vanoli a Superga
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 11-07-2024


Iscriviti
Notificami
10 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
direibene18
1 giorno fa

Si punta al NANO posto.

Scimmionelli
1 giorno fa

Certo che dare 3.2M di euro a uno come De Rossi e’ uno scandalo!

Bologna65@
Bologna65@
2 giorni fa

Perfettamente in linea con le ambizioni dell’Urbanese 👍

Filippo Bull
2 giorni fa
Reply to  Bologna65@

Esatto 👍👍👍👍👍👍👍👍👍👍

Serie A, anticipi e posticipi: Milan-Torino sabato alle 20:45, col Venezia di venerdì