I giallorossi si sono rialzati con un netto 7-0 dopo il solo punto raccolto in tre giornata, e ora vogliono fare male anche al Toro

È il momento di guardare avanti, dopo la grande vittoria di Salerno. Il Torino torna in campo domenica in una sfida che sarà tutt’altro che una passeggiata. Al Grande Torino, infatti, arriva la Roma di José Mourinho, sicuramente non la squadra più in forma del campionato ma che, dopo due sconfitte e un pareggio, si è rialzata sconfiggendo l’Empoli per 7-0. Una vittoria che ha risollevato gli animi in casa giallorossa, dopo che la stagione era iniziata nel peggiore dei modi. Adesso, i capitolini non vogliono certamente fermarsi e dare continuità. Di fronte, però, troveranno un gruppo compatto e assolutamente sereno, reduce da due vittorie di prestigio e che vuole risalire ancor di più la classifica.

Toro, occhio alla rosa lunga della Roma

Ma cosa deve temere la squadra di Juric della Roma? Tante cose, ma allo stesso tempo diversi sono i modi per mettere in difficoltà Mourinho e i suoi ragazzi. Uno dei fattori che va a favore dell’allenatore portoghese è sicuramente la squadra lunga. La dirigenza giallorossa, infatti, è intervenuta moltissimo quest’anno sul mercato, garantendo all’ex Inter praticamente due formazioni. Lo stesso Mou, infatti, ne ha approfittato scegliendo di adottare il turnover nella sfida di Europa League di questa sera. Tanti i volti nuovi arrivati dal mercato: dai parametri zero Ndicka e Aouar a Renato Sanches e Paredes, passando ovviamente per Lukaku e Azmoun. La qualità non manca assolutamente in questa Roma, anzi è anche maggiore di quella presente in rosa nella scorsa stagione. Se infatti la difesa può essere considerata il “punto debole” della squadra – considerando anche come Smalling sia in dubbio – dal centrocampo in su sono tanti i giocatori da osservare e marcare bene.

Dal centrocampo in su, cosa temere

Su tutti, ovviamente Paulo Dybala, che in carriera ha il Torino tra le vittime preferite. In 19 scontri contro i granata, l’argentino ha messo a referto 6 gol e 3 assist. Juric sicuramente sta riflettendo su una marcatura ad hoc, per quello che è l’uomo più pericoloso della squadra. Per non parlare ovviamente di Romelu Lukaku, che nelle 4 partite giocate contro il Torino ha fatto addirittura 7, tra gol e assist. Il belga, arrivato in ritardo nella capitale, ha ora trovato la condizione e vuole di nuovo far male ai ragazzi di Juric. Un occhio anche a Andrea Belotti, storico ex della gara che, entrando dalla panchina, potrebbe fare brutti scherzi alla squadra che tanto lo ha amato. In mezzo al campo tanto dipende da capitan Lorenzo Pellegrini. Il nazionale italiano non è ancora al meglio della condizione e, in caso di assenza, farebbe mancare caratteristiche importanti nella mediana della Roma, che verrebbero sostituite da quelle di Renato Sanches (in gol contro l’Empoli). Insomma, nel complesso la rosa dei giallorossi è tra le migliori di tutta la Serie A senza se e senza ma. Sarà difficile ma non impossibile per il Torino, che in passato ha dimostrato di poter oltrepassare muri apparentemente invalicabili.

Paulo Dybala
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 21-09-2023


1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
odix77
odix77
2 mesi fa

va beh ragazzi la rosa è di un altro pianeta inutile stare li.. vedremo.

Le designazioni arbitrali: Torino-Roma a Guida, Di Paolo al Var

Roma, il punto sugli infortunati: Smalling e Pellegrini in dubbio