Atalanta-Torino, i Top & Flop: fine dei giochi, si salvano in pochi

3
Top e Flop

I Top & Flop di Atalanta-Torino 2-1: svaniscono le speranze di arrivare in Europa League, la delusione è tanta. Brutta partita del Toro, troppo arrendevole e poco propositivo: solo Edera, Ljajic e Sirigu emergono

È andata male. Male davvero. Chi riponeva le sue ultime speranze in Atalanta-Torino non può che sentirsi deluso. Il Toro ha fallito l’impresa che sarebbe sembrata difficile, ma non impossibile. E fallendo l’impresa, ha fallito una stagione compromessa da tanti, troppi errori. Atalanta-Torino finisce 2-1, e con essa finiscono i sogni di poter accedere all’Europa League da parte di Belotti e compagni. Ora, sarà necessario fare i conti, capire bene cosa è successo. Ecco intanto i Top & Flop della partita giocata a Bergamo. Con poche cose da mettere in risalto e tante, invece, da non ripetere.

TOP

LE PRESTAZIONI DI EDERA, LJAJIC E SIRIGU: quando la barca fa fatica a navigare, sono i singoli a emergere. E ieri, in effetti, è stato così. Nei Top & Flop di Atalanta-Torino non possono non rientrare loro, i tre singoli che hanno comunque fatto la differenza o che cercano ancora di meritarsi qualcosa: Edera, per esempio, punta a una rinconferma per il prossimo anno; Ljajic, invece, a farsi notare per il Mondiale; Sirigu, infine, per la maglia della Nazionale Italiana. Ecco, quindi, come le motivazioni personali portino a delle prestazioni sufficienti. Le uniche, purtroppo. Le sole.

IL SALUTO A MONDONICO: era la sua partita, e il gemellaggio in nome del Mondo è stato rispettato. L’Emiliano che fu granata e nerazzurro ha dimostrato come di fronte a grandi persone si possano travalicare barriere del tifo altrimenti insormontabili. Non è facile o abusata retorica: è cronaca, verità.

FLOP

L’ATTEGGIAMENTO TROPPO DIFENSIVISTA: si doveva vincere. Si è difeso un pareggio che, alla fine, nemmeno è arrivato. Il Torino schiera in campo quattro difensori centrali (giacché Bonifazi lo è), due centrocampisti particolarmente difensivi (in questo caso, poco si può imputare a Mazzarri) e Ansaldi, terzino dalle più spiccate doti difensive che offensive. Il Toro non solo ha così creato poco, ma si è esposto troppo all’offensiva atalantina. Che ha avuto la meglio.

IL GALLO SENZA CRESTA: niente da fare, Belotti continua la sua stagione no anche contro l’Atalanta. Non pecca di volontà, anzi: ci prova sempre, ma è impalpabile sotto porta, e non arriva praticamente mai a creare problemi agli avversari. Così, purtroppo, non è un valore aggiunto. Deve assolutamente ritrovarsi: da questo gorgo può uscire solo con le sue forze.

più nuovi più vecchi
Notificami
Vanni(La ghisa e' bella)
Utente
Vanni(La ghisa e' bella)

Secondo me Belotti ha le palle piene di sta società di dilettanti. Non vede l’ora arrivi giugno per smammare.

Lamar
Utente
Lamar

In compenso abbiamo un allenatore cosi abile a creare alibi che nemmeno perry mason lo smaschererebbe . poveri noi

Lamar
Utente
Lamar

No no il gallo è proprio con la testa in un universo parallelo . Prova ne sia non aveva nemmeno capito cosa succedesse nei “concitati” minuti finali tanto da far incazzare sirigu . per non parlare di quanto successo al gol contro l ‘inter ,