Il Toro si butta via: sprecata l'occasione di chiudere il discorso salvezza - Toro.it

Il Toro si butta via: sprecata l’occasione di chiudere il discorso salvezza

di Andrea Piva - 27 Giugno 2020

I gol di Bremer e Belotti danno l’illusione della rimonta, poi l’errore di Nkoulou spegne ogni speranza del Torino di ottenere un risultato positivo

Si interrompe la striscia positiva del Torino che alla Sardegna Arena viene battuta 4-2 dal Cagliari. Una partita che sembrava già chiusa a inizio secondo tempo dopo il gol del momentaneo 3-0 di Nainggolan ma che i granata sono riusciti a riaprire ma gli sforzi dei secondi quarantacinque minuti non sono bastati a evitare la sconfitta. I granata restano comunque a più sei dal terzultimo posto occupato dal Lecce.

Cagliari-Torino 4-2: il primo tempo

Senza Zaza, Longo opera un solo cambio, confermando quindi gli altri dieci giocatori. C’è Aina sulla destra e Berenguer più avanzato nel 3-4-3 scelto da Longo. Un buon inizio, almeno nei primissimi minuti, prima che però il gol dell’1-0 del Cagliari cambi i piani di Longo. Al 12′ il gol di Nandez, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, cambia l’inerzia della partita. Il Cagliari prende sempre pi§ coraggio, il Toro si chiude troppo e così al 18′ Simeone sigla il 2-0. La partita potrebbe quasi chiudersi al 42′. Il cross di Nandez viene intercettato da Nkoulou: Mariani non ci pensa due volte e assegna il calcio di rigore, ma il difensore sostiene con forza di averla presa con la spalla. Si va al Var e le immagini danno ragione al difensore granata: l’arbitro cambia idea. Dopo i sei minuti di recupero si va al riposo sul 2-0.

Cagliari-Torino 4-2: il secondo tempo

Nessun cambio all’intervallo per le due squadre. Ci si aspetterebbe di vedere un Torino subito aggressivo e all’attacco ma, dopo appena 50 secondi, Radja Nainggolan con un sinistro dal limite porta il Cagliari sul 3-0. Un inizio di tempo shock per la formazione granata che sembra risentire del contraccolpo psicologico come anche i tanti errori in fase di appoggio nei minuti successivi dimostrano. Moreno Longo prova allora a giocarsi le carte Cristian Ansaldi e Simone Verdi che, al 58′, entrano al posto di Lorenzo De Silvestri e Simone Edera. Le mosse del tecnico granata si rivelano subito indovinate: Ansaldi crossa subito dalla destra, sponda aerea di Aina sul secondo palo per Bremer che da pochi passi batte Cragno. E’ il 14′. La rete rianima il Toro che inizia a premere: al 20′ guadagna un angolo, lo batte Verdi che pesca in area Belotti, la girata al volo del Gallo è splendida e batte Cragno. E’ il gol del 3-2. Tre minuti dopo Nkoulou commette però una grave ingenuità stendendo in area Pellegrini e permettendo a Joao Pedro di presentarsi sul dischetto e siglare il 4-2. Longo prova allora a mandare in campo prima Wilfred Singo e Sasa Lukic al posto di Ola Aina e Tomas Rincon, poi Vincenzo Millico per Alejandro Berenguer. Il Torino si getta tutto all’attacco, Verdi ci prova su punizione ma trova la respinta della barriera, Millico spara alto dal limite. Finisce 4-2 per il Cagliari.

Nkoulou e Izzo, Genoa-Torino
Nkoulou e Izzo si stringono la mano

1 Comment
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
astigranata
astigranata
1 mese fa

non avremmo chiuso nessun discorso per la salvezza vincendo!!!
figuriamoci perdendo….