4 maggio, il caso arriva in Parlamento: “No a Juve-Toro nel giorno di Superga”

di Andrea Flora - 4 Aprile 2019

Derby, i deputati del costituendo “Toro Club Montecitorio” al fianco di Cairo e del Torino: nel giorno di Superga non si può giocare con la Juventus

La questione “derby della Mole” è arrivata fino a Roma, in uno dei palazzi più importanti della vita politica del nostro Paese: la Camera dei Deputati. E’ infatti portata avanti l’iniziativa di far nascere presso la Camera il “Toro Club Montecitorio”, un’associazione spontanea che raccoglie deputati di differenti gruppi politici con l’obiettivo comune di sostenere valori condivisi di socialità e di sport. E la prima azione concreta di questo neo-club sarà quella di comporre un’istanza indirizzata al sottosegretario alla Presidenza del Consiglio, con delega allo sport, Giancarlo Giorgetti in cui verrà chiesto di spostare la data del derby contro la Juventus, che ad oggi coincide con il 70esimo anniversario della tragedia di Superga.

Derby: la nota dei deputati indirizzata a Giorgetti

Nella nota dei parlamentari viene espresso quello che è il pensiero comune con tutti i tifosi granata e non solo: “Comprendiamo le esigenze del calcio moderno, ma riteniamo che si debba individuare una data alternativa per permettere alla comunità granata di poter celebrare degnamente una giornata di lutto che riguarda comunque tutto il mondo dello sport italiano. Auspichiamo che la Figc e la Lega serie A raccolgano la richiesta”.

Richiesta indirizzata al Sottosegretario Giorgetti firmata da: Enrico Borghi, Monica Ciaburro, Flavio Di Muro, Federico Fornaro, Davide Gariglio, Carlo Giacometto, Alessandro Giglio Vigna, Chiara Gribaudo, Augusta Montaruli, Cristina Patelli, Giacomo Portas, Laura Ravetto, Daniela Ruffino. Coloro i quali nei prossimi giorni daranno ufficialmente vita al “Toro Club Montecitorio” presso la Camera.

più nuovi più vecchi
Notificami
Gianluca
Utente
Gianluca

Ormai siamo al delirio collettivo. Povero Toro e povera Italia. Adesso vediamo di caricare a mille gli avversari e il gioco è fatto