Le parole del tecnico dell’Atalanta in conferenza stampa dopo la vittoria contro il Torino che regala ai nerazzurri il sesto posto in classifica

nostro inviato a Bergamo – Una vittoria, quella dell’Atalanta, importantissima: i tre punti contro il Torino permettono infatti alla squadra di Gasperini di superare il Milan in classifica portandosi al sesto posto e diventando la vera favorita per l’Europa League. Ed è proprio Gasperini a commentare il successo dei suoi ragazzi: “Ci sono ancora 4 partite importanti ma quello di oggi è un grande passo. Questo è un gruppo solidissimo. Alcune assenze hanno pesato, speriamo già questa settimana di avere qualcuno in più ma non è cambiato niente. Chi ha giocato ha fatto partite determinanti. Questa è una squadra forte soprattutto a livello mentale. Credo sia stata una delle migliori prestazioni dell’anno, faccio fatica a pensare di poter fare ancora meglio di così”. 

Atalanta-Torino 2-1, Gasperini: “Il gol di Ljajic? Dovrò rivederlo”

“Credo sia stata una delle migliori partite della stagione. Giocavamo anche contro il Torino che è una squadra forte. Il gol di Ljajic? Quello del gol è stato l’unico episodio che dovrò rivedere perché stato incomprensibile ma la reazione è stata altrettanto forte”. Poi sullo stadio di proprietà: “Il presidente lo vuole fortemente e la città anche perché c’è grande unità con la squadra e la città. Sarebbe un punto di riferimento per tutti”. Sul centrocampo nerazzurro: “Il campionato dei centrocampisti è stato superlativo, in questo momento stanno facendo benissimo giocatori che hanno avuto fasi altalenanti, oggi stanno venendo fuori. Questa squadra sta bene, come gambe e come testa siamo nel momento buono. Per noi sarebbe fantastico tornare in Europa, è stata una esperienza indimenticabile quest’anno per noi ma anche per la città”. 

Gasperini sul Torino: “Temevo questa partita”

Sul Torino: “Temevo questa partita, il Torino è squadra di valore, ha cambiato marcia nell’ultimo periodo, ci sono giocatori che conosco e che hanno valore, sono giocatori con cui tre anni fa siamo andati in Europa, parlo di Burdisso, Ansaldi, Rincon. Credo che oggi siamo stati bravi noi, accettando di fare una partita a rischio, perché non è facile scalare alti e andare sull’anticipo quando hai di fronte giocatori come Ljajic e Belotti”. 


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
sofferenza (Ventura umiliato, godimento consolidato)
sofferenza (Ventura umiliato, godimento consolidato)
4 anni fa

Non avevamo dubbi che non ti saresti scansato come fai coi tuoi amici gobbi.

Crop58
Crop58
4 anni fa

Purtroppo il mondo e’ dei furbi e dei disonesti…la giuve e’ maestra di doping…basta guardare il cambiamento nel fisico dei giocatori dopo pochi mesi che arrivano a Torino…e a Bergamo seguono a ruota….noi saremo scarsi …ma loro sono stradopati….

Ivan Groznyj (El Terrible)
Ivan Groznyj (El Terrible)
4 anni fa
Reply to  Crop58

Eh, sì.. sono questi i problemi.

Frase che sarebbe degna del nostro allenatore piagnone.

Ivan Groznyj (El Terrible)
Ivan Groznyj (El Terrible)
4 anni fa

Ti piace vincere facile, eh??

Le pagelle di Atalanta-Torino: Bonifazi sbaglia tutto, centrocampo non pervenuto

Moretti: “Abbiamo provato a fare il massimo, Atalanta più brava negli episodi”