Le parole del tecnico Gian Piero Gasperini nella conferenza di presentazione di Atalanta-Torino, valida per la 21^ giornata di Serie A

Tutto pronto o quasi per Atalanta-Torino, sfida valida per la ventunesima giornata di Serie A, che si giocherà al Gewiss Stadium domani alle ore 15.00. Gian Piero Gasperini, tecnico della Dea che arriva da un insipido 0-0 contro il Napoli in Coppa Italia, commenta così la sfida: “Assenti? Valuteremo in allenamento. Oggi riprendiamo dopo Napoli. Dovrebbe tornare Sutalo, quindi l’unico out è Hateboer. Ha un problema al piede che riguarda una vecchia frattura. Sono quelle cose che se vanno avanti bisogna fare un intervento. Poi se riesce a risolvere così bene, ma c’è un’incertezza sui tempi di recupero. Ha una microfrattura, ha messo male il piede a Milano, ma è difficile. Dipende dalla sintomatologia. Per gli altri non ci sono stati problemi particolari, solo Maehle ha subito un taglio sul piede, ma sembra aver recuperato anche lui.”.

Gasperini: “Il match di mercoledì ha la priorità”

Sulla stagione: “Abbiamo iniziato a giocare più tardi e pensavamo che dopo Natale le cose sarebbero andate diversamente, ma stiamo giocando di più. Stiamo facendo bene, la squadra offre sempre una produzione di azioni buona. Sono soddisfatto per come i ragazzi stanno affrontando questo periodo. Non è facile. A volte siamo stanchi noi a guardare loro che corrono. Abbiamo giocato tutte partite impegnative contro squadre forti. Domani giochiamo contro il Torino e cercheremo di fare il massimo, ma il match di mercoledì in Coppa Italia assume un’importanza notevole perchè si può raggiungere la finale. La priorità è la semifinale. Siamo soddisfatti della partita che abbiamo fatto contro il Napoli. Non è mai facile giocare contro di loro. Alcuni hanno definito il risultato negativo, ma se vuoi andare in finale devi vincere. Al ritorno giochiamo sul nostro campo, giocare in casa ti fa avere dei riferimenti che ti aiutano. Abbiamo giocato un tempo, ora giocheremo il secondo.“.

Il tecnico della Dea: “Ilicic recuperato. Pasalic può giocare qualche spezzone”

Sui singoli: “Se l’Atalanta può dare fastidio? Non c’entra niente la partita con la Lazio, è stato un match soltanto. Poi la Dea può togliere posti, ci sono tantissime big nella zona alta della classifica. C’è chi si chiede cosa ci stia a fare l’Atalanta lì in mezzo. Rientra tutto nella normalità del campionato, dobbiamo cercare di sfruttare di più le opportunità che ci capitano. Le partite vanno vissute nei 90 minuti. Tutte le squadre stanno perdendo qualche punto in più. Kovalenko farà il primo allenamento, è un giocatore che è appena arrivato. Mi sembrava più giusto lasciare giocatori che avevano iniziato la stagione. Ilicic? Lui è un giocatore assolutamente recuperato, poi ha dei momenti come tutti. Giocando così tante gare si corre il rischio di perdere la dimensione, con il Milan sembrava da pallone d’oro, ora un po’ meno. Pasalic? È stato fuori tanto, può giocare degli spezzoni di gara. Sta recuperando ma l’importante è che stia bene fisicamente. Ora comunque ta bene, ha fatto due spezzoni di gara.“.

Gasperini: “Stiamo vivendo una buona evoluzione”

Sul Torino e sulla squadra: “Il campionato quest’anno si sta giocando con la stessa attenzione e con lo stesso agonismo che vengono impiegati nelle ultime partite. L’anno scorso si avvertiva nel finale. Quest’anno anche se si gioca con questa continuità c’è tanto agonismo. Il Toro era partito con altre ambizioni, ma questo è un campionato diverso. Quando una squadra cambia l’allenatore, c’è sempre una reazione da parte dei giocatori. E Davide Nicola ha fatto risultati importanti sia a Crotone che a Genova, anche in situazioni simili di difficoltà. La classifica è cortissima, c’è il rischio di rimanere impelagati in posizioni di classifica non consone. Muriel e Zapata? Abbiamo sempre due giocatori offensivi, anche Ilicic è un’attaccante. Sono i giocatori più offensivi che abbiamo, poi vediamo se cresceranno i vari Malinovskyi, Miranchuk… Ilicic, Muriel e Zapata hanno maggiori qualità offensive se stanno bene. Gli altri sono meno abituati a saltare l’uomo, ad attaccare l’area di rigore. È una squadra che ha avuto una buonissima evoluzione sul piano dei difensori e dei centrocampisti. È una risorsa che la squadra ha sviluppato bene, poi bisogna sempre trovare lo spazio giusto. Stiamo vivendo una buona evoluzione, dobbiamo essere più concreti davanti, ma sono soddisfatto di come la squadra sta giocando le partite, questo ci può aiutare per andare avanti nella stagione“.

Gian Piero Gasperini
Gian Piero Gasperini
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 05-02-2021


5 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Ultrà
Ultrà (@ultra)
9 mesi fa

Loro corrono…noi passeggiamo…

Fabio (febius6)
Fabio (febius6) (@febius6)
9 mesi fa

Ci rendiamo conto??? per l’Atalanta ormai siamo diventati un “fastidio” da affrontare in mezzo alla loro semifinale di Coppa Italia (e magari con la testa già agli ottavi di Champions) e nonostante questo potrebbero farcene tranquillamente 7 come un anno fa…che pena….

Charlie66
Charlie66 (@charlie66)
9 mesi fa

anche se fosse stato il barcellona sarebbe stato un fastidio se hai letto tutto, a loro interessa di più la finale di coppa, che c’è di strano?

Fabio (febius6)
Fabio (febius6) (@febius6)
9 mesi fa
Reply to  Charlie66

Lo strano caro Charlie è che loro (con tutto il rispetto) sono pur sempre l’Atalanta ed è assurdo che una squadra come la nostra debba avere tutto questo divario con loro, sentirli parlare di obiettivo finale di Coppa, di ottavi di Champions, di lotta per le posizioni di vertice mentre… Leggi il resto »

Charlie66
Charlie66 (@charlie66)
9 mesi fa

su questo, purtroppo hai ragione, e non è colpa di gasperini… 😉

Cairo: “Non ci hanno dato un rigore. 15 punti sono pochi, ma c’è chi ne ha di meno”

Nicola: “Atalanta squadra collaudata. Voglio salvare il Toro”