Gattuso: “Contro il Toro ci giochiamo tutto”

di Francesco Vittonetto - 27 Aprile 2019

Prima di Torino-Milan, Gattuso interviene in conferenza stampa: “Questa squadra non ha un’anima, ma se vinciamo può tornare il sorriso”

Scuro in volto, ma non privo della consueta grinta. Rino Gattuso presenta così la sfida contro il Torino. Fondamentale, per i rossoneri, impelagatisi in un momento di crisi culminato con l’eliminazione in Coppa Italia per mano della Lazio: “Per la maglia, per la carriera dei giocatori e per il mondo Milan ci giochiamo tutto domani. Veniamo da un momento non positivo, stiamo arrancando a livello fisico, mentale e di gioco. Stiamo facendo fatica, domani giochiamo contro una squadra che assomiglia molto all’Atalanta, c’è bisogno di forza fisica e brillantezza, abbiamo il dovere di fare qualcosa di meglio”. Anche ritrovando lo spirito, “ma ora non abbiamo l’anima, manca l’anima a questa squadra”.

Gattuso, le parole prima di Torino-Milan

Parola di Ringhio, che poi prosegue: “Se vinciamo può tornare il sorriso ma poi mancheranno altre quattro partite, ma dobbiamo farci trovare pronti per la gara di domani”.

Sulla gestione dello spogliatoio: “Penso di saperlo gestire, poi fare il giocatore e l’allenatore sono cose diverse. Mi assumo le responsabilità, il primo responsabile sono io. La nostra è una squadra che pensa troppo, ci diamo le martellate da soli, dobbiamo essere bravi a far esprimere al massimo i giocatori”.

Gattuso su Bakayoko: “Non vuole andare via per il razzismo”

Gattuso parla poi dei suoi giocatori: “Bisogna avere rispetto di questi ragazzi, dopo tanti anni ci giochiamo finalmente qualcosa di importante, non posso trovare parole dispregiative per questo gruppo, hanno dato tutto”. E sul suo futuro: “Avete cominciato dal luglio a parlare del mio futuro, secondo voi la squadra non rende perché pensa che l’allenatore vada via? Non giochiamo bene perché non siamo in un buon momento, a livello fisico e mentale”.

Su Bakayoko: “Quello che è successo mercoledì lo trovate documentato da foto e video. Ma lui si trova bene e non è vero che vuole andare via per il razzismo, sono d’accordo con Reina quando dice che in Italia siamo rimasti all’Ottocento, ma Bakayoko non ha perso la testa ed è stato bravo”.

Gattuso prima di Torino-Milan: “Deluso da me stesso”

“Sono deluso di me stesso, perché mi aspettavo di entrare meglio nella testa dei giocatori”, è questo il dispiacere più grande di Gattuso, che poi commenta il lavoro dei suoi attaccanti: “Per come vogliamo giocare l’attaccante deve essere servito meglio. Non è vero che non arrivano i palloni, l’altro giorno siamo andati al cross ma spesso non corretti, tante volte pensiamo che l’attaccante in Italia deve stare solo in area, se la manovra è fatta in maniera corretta puoi essere pericoloso, ma ora facciamo fatica a creare occasioni”.

più nuovi più vecchi
Notificami
T
Utente
T

Rocchi al var è una sicurezza. Inutile peraltro, perché facciamo già pena di nostro. Non so dove abbia visto le similitudini con l’Atalanta. Mi sa che stanno facendo il ritiro al Vinum di Alba anziché a Torino.

Cup
Utente
Cup

E poi tranquillo, segnamo generalmente poco e sono 6 mesi che a noi i rigori a favore non li danno più…

tore110
Utente
tore110

La differenza la farà la voglia e gli arbitri

gabbo
Utente
gabbo

sicuramente gli arbitri sanno già come muoversi, se noi evitassimo di aiutarli non prendendo gialli a c*zzo nei primi minuti

tore110
Utente
tore110

a centrocampo siamo stati spesso troppi irruenti , secondo me con l’assenza di Baselli giocherà in mezzo Ansaldi e Ola Aina subito sulla sx