Singo e Vojvoda non riescono a sfondare sulle due fasce, si salvano in pochissimi: le pagelle di Genoa-Torino

BERISHA 4: ha sulla coscienza il gol che permette al Genoa di passare in vantaggio. Esce a vuoto sul cross di Frendrup cogliendo di sorpresa anche Izzo che non riesce a spazzare il pallone e Portanova ne approfitta.

IZZO 5: in campionato non giocava titolare dalla seconda giornata contro la Fiorentina, oggi è chiamato a sostituire l’infortunato Djidji. E’ uno dei grandi protagonisti della partita: prima non riesce ad allontanare il pallone dall’area nell’azione del gol di Portanova, anche se nell’occasione le responsabilità sono di Berisha, poi causa il rosso a Ostigard (anche se il fallo non sembra esserci). Nella ripresa è troppo nervoso.

BREMER 5,5: patisce Destro più di quanto ci si sarebbe aspettati, con il centravanti del Genoa che riesce a procurarsi diverse punizioni a favore. Nella ripresa, quando Destro viene richiamato in panchina, la sua partita diventa più semplice. Anche il brasiliano oggi non è nella sua versione migliore.

RODRIGUEZ 6: copre bene la sua posizione in campo e dal suo lato non fa mai passare i giocatori avversari. Il difensore svizzero è uno dei pochi a meritarsi la sufficienza quest’oggi (st 35′ BUONGIORNO: sv)

(Continua a pagina 2)

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 18-03-2022


26 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
marco ruda
marco ruda
2 mesi fa

che senso ha fare pagelle quando è chiaro che la partita è stata venduta?Ci prendete per il culo anche voi?

Marcorti
Marcorti
2 mesi fa

Per fortuna non l’ho vista

davidone5
davidone5
2 mesi fa

L’unica che si salva è Lukic insieme a Mandragora. Pjaca si è confermato uno scarto inutile, Vojvoda è un buon giocatore ma essendo poco tecnico in partite come questa soffre molto, Izzo sempre indeciso. Dobbiamo assolutamente comprare 3/4 giocatori di qualità, non significa spendere cifre folli significa essere bravi a… Leggi il resto »

Portanova: “Il Genoa deve restare in A, non molleremo”

Zangrillo: “Il pubblico ci stimola e ci carica di responsabilità, Blessin il nostro ‘marziano’…”