Sintesi e commento / Torino mai pericoloso nei primi 45 minuti, Milinkovic-Savic si oppone a Gudmundsson e Malinovskyi

Finisce 0-0 Genoa-Torino, una partita senza particolari occasioni in cui le squadre si dimostrano brave in fase difensive ma costruiscono poco in avanti. Ivan Juric conferma lo stesso undici iniziale visto contro i partenopei, con Djidji confermato in difesa, la coppia Ricci-Ilic in mezzo al campo, Lazaro sulla fascia sinistra e davanti Sanabria e Zapata con Vlasic a supporto. Sin dalle prime battute la partita si mostra equlibrata, con le due squadre che faticano a creare vere e proprie occasioni da rete. Fatica soprattutto il Torino che riesce praticamente mai a innescare le proprie punte e con Vlasic che si vede solo per il giallo che riceva al 16′. Qualcosa in più lo combina il Genoa che al 5′ va al tiro con Gudmundsson da posizione angolata che Milinkovic-Savic respinge. Più complicata la parata che il portiere serbo compie al 22′ quando alza sopra la traversa una gran botta da fuor, comunque centrale, di Malinovskyi. Al 42′ altra occasione per il Genoa con un colpo di testa di Retegui che termina fuori. Dall’altra parte Martinez chiude il primo tempo senza compiere nessuna parata, il Torino nella prima frazione si fa vedere in avanti solamente con un colpo di testa di Buongiorno.

Genoa-Torino 0-0: il secondo tempo

Il copione del secondo tempo, nei minuti iniziali, è lo stesso del primo tempo: squadre molto attente in fase difensiva e, di fatto, nessuna occasione né da una parte, né dell’altra. Come nel primo tempo però è il Genoa ad avere un predominio territoriale sul Torino. Juric al 16′ decide allora di giocare la carta Tameze, togliendo Vlasic e avanzando la posizione di Ricci. Il Genoa continua però ad attaccare e ha due occasioni, sempre da angolo, prima con De Winter, poi con Vazquez: entrambe le volte però Milinkovic-Savic si fa trovare pronto. Al 21′ entra anche Pellegri al posto di Zapata, un minuto dopo il Torino crea la sua prima vera occasione: cross di Buongiorno dalla sinistra, Sanabria in tuffo di testa manda fuori di poco. Al 30′ il Genoa si rifà vedere in avanti con Gudmundson che va alla conclusione dal limite ma non angola il pallone e Milinkovic-Savic para. Tre minuti dopo, da punizione di Ricci dalla trequarti, Pellegri colpisce di testa ma manda alto. Sempre da punizione indiretta, Buongiorno colpisce il palo al 36′ ma l’arbitro fischia il fallo (e ammonisce il difensore) perché la deviazione è stata con il braccio, anche se involontaria. Al 38′ Djidji è costretto a lasciare il cambio per un problema fisico, al suo posto entra Sazonov. Ed esce anche Lazaro ed entra Vojvoda. Ma nonostante i cambi il Torino non riesce mai a creare i presupposti per segnare: finisce 0-0 una brutta partita.

Junior Messias e Duvan Zapata in Genoa-Torino
Junior Messias e Duvan Zapata in Genoa-Torino
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 13-01-2024


15 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Pedric
1 mese fa

Daje

oldbull
oldbull
1 mese fa

certo se non tiri in porta non potrai mai vincere,ancora bene che non si è perso,buona la difesa.

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)

0-0 in casa del Genoa non è un fallimento partita bloccata, poche occasioni, difese che praticamente hanno vinto sugli attacchi. Non siamo il Real che gioca contro una di C. La vittoria è tutt’altro che scontata. Non hanno pareggiato anche altre grandi? Se parliamo di prpestazione opaca, in fatto di… Leggi il resto »

mavafancairo
1 mese fa

detto da chi delle prestazioni opache su questo forum è l’indiscusso numero uno – così come il suo masternano nel calcio da ben 19 anni – c’è da credergli

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
Reply to  mavafancairo

basta ricordare chi sei per non farsi influenzare dalle tue parole al vento

GOBBO 0.3MAVAFA

Genoa-Torino 0-0: il tabellino

Pellegri sotto la gradinata rossoblù: applausi e cori, “salta” insieme ai tifosi