È la vigilia di Atalanta-Torino: Ivan Juric ha parlato in conferenza per l’ultima volta da allenatore dei granata

Manca sempre meno all’ultima, importantissima, sfida della stagione del Toro. I granata scendono in campo contro l’Atalanta per giocarsi una grossa fetta di Europa, in attesa poi di tifare Fiorentina in Conference League. Alla vigilia del match, Ivan Juric ha presentato per l’ultima volta da allenatore del Torino una partita in conferenza stampa.

Le parole di Juric

“Ho guardato la finale di Europa League, è stata una partita dura, l’Atalanta è stata bravissima in fase difensiva e in quella offensiva sono stati cinici, devastanti. Hanno fatto la finale perfetta. Anche domani sarà 3-4-3 contro 3-4-3, l’approccio sarà sempre lo stesso”.

Bellanova, Buongiorno e Ricci sono stati convocati in Nazionale

“Provo una grande soddisfazione, sono orgoglioso per loro. Tre ragazzi che abbiamo cresciuto qua possono andare a giocare l’Europeo con l’Italia, dobbiamo essere tutti orgogliosi per loro”.

Domani affronterete una squadra che ha già raggiunto l’obiettivo

“Il nostro obiettivo è vincere. Manca una partita, contro il Milan abbiamo fatto una grandissima partita e dobbiamo ripeterla domani contro una squadra che ha la mentalità di esprimersi sempre al massimo. Poi vediamo la Fiorentina cosa fa”.

Confermerà la stessa formazione vista con il Milan?

“Mancherà Rodriguez che ha male alla caviglia e non potrà giocare dall’inizio, poi vedremo se ci sarà il bisogno di buttarlo dentro. A parte Rodriguez vorrei confermare la stessa squadra che ha battuto il Milan”.

L’impostazione sarà la stessa dell’andata?

“L’impostazione in questi anni è sempre stata la stessa. Loro hanno tanti giocatori da cambiare, se non gioca Zappacosta c’è Holm, in attacco hanno un altro tridente fresco. Sarà difficile ma dobbiamo avere una mentalità forte, voglia di fare risultato”.

Qual è il tuo stato d’animo prima di questa partita?

“Penso a preparare la partita, nei minimi dettagli. Sono stracontento della squadra, sarebbe la ciliegina sulla torta vincere. Poi bisogna aspettare la Fiorentina ma già fare più punti dell’anno scorso sarebbe bello”.

Torino e Atalanta qualche anno fa erano allo stesso livello, cosa manca per fare quel salto di qualità?

“Gasperini l’ho sentito prima della finale. La crescita dell’Atalanta parte tutta dal Settore giovanile da dove sono usciti tanti giocatori forti, sono riusciti a fare tante plusvalenze, costruire lo stadio, il centro sportivo. Il primo impulso è stato però il settore giovanile, che gli ha portato tanti giocatori come Kessie che hanno poi venduto bene, poi la famiglia Percassi va d’accordo con l’allenatore. Noi in questi tre anni abbiamo fatto cose importanti, è a un buon punto. Devi essere bravo poi a investire. Consigli a Cairo? Non mi permetto di darli, vedrà lui cosa fare. C’è una base di giocatori giovani importanti, deciderà poi la società se tenerli. Bisogna anche vedere cosa vogliono fare i calciatori”.

Il Toro dovrà puntare su Pellegri in futuro?

“Ci sono dei periodi in cui gli infortuni pesano. Il mio rammarico è di non averlo avuto a disposizione tanto in questi anni, se lui continua così può diventare un gran bel giocatore”.

Hai rimpianti per questi tre anni?

“Anche io penso che il Toro sia un’altra cosa, che non può essere questo. Non ho rimpianti, ho tanto orgoglio per quello che ho fatto però non si sono incastrate tutte le cose. Guardando tutto però abbiamo fatto un lavoro enorme, però c’è anche un disprezzo enorme da parte dei giornali. Io penso che ci voglia più unione da parte di tutti. E questa cosa è mancata. Tutti dovrebbero fare due passi in avanti, invece tutti mantengono le loro posizioni e rimane questa sensazione di negatività, se tutti avessero fatto due passi in avanti avremo visto un Torino diverso”.

Domani potrebbe trovare spazio chi non ha ancora giocato domani, come il terzo portiere?

“No, dobbiamo fare la partita della vita. Non è una passeggiata”.

Il tuo è un addio o un arrivederci?

“Non lo so se ho lasciato il segno, penso che non abbiamo vissuto una gioia enorme. Questo viaggio è stato pieno di insidia, adesso voglio che vinciamo, che la squadra dimostri quanto è forte. Poi con tranquillità vedremo”.

Ti rivedremo in Italia o all’estero?

“Non lo so ancora”

Ivan Juric
TAG:
conferenze stampa home

ultimo aggiornamento: 25-05-2024


45 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
beruatto55
beruatto55
20 giorni fa

sento di condividere un pò il pensiero del Pecci, può essere anche una fregatura la conference, al di la del fatto che la squadra non si deve mai scansare, ma se poi non hai la forza e un pò di buona sorte per arrivare in fondo come succede alla viola,… Leggi il resto »

Toro1976
Toro1976
21 giorni fa

“Guardando tutto però abbiamo fatto un lavoro enorme, però c’è anche un disprezzo enorme da parte dei giornali”
E ora dopo i tifosi chi mancava da mettere sul banco degli imputati?? I giornali!! Ma le palle per tirare fuori il vero Juric-pensiero no eh….

guido 75
guido 75
21 giorni fa

Iltorino non andrà in europa questo e sicuro

Rodriguez: “Voglio bene a Juric, sono rimasto al Toro per lui”

Atalanta, la situazione dall’infermeria: fuori tre titolarissimi