La conferenza stampa di Ivan Juric alla vigilia della sfida tra Torino e Empoli in programma domani alle 12.30

Conferenza stampa di presentazione di Torino-Empoli per Ivan Juric. “Il campionato è appena iniziato, la partita l’abbiamo preparata come al solito, l’Empoli gioca sempre lo stesso calcio, ha sempre giocatori per quel tipo di gioco. Sarà difficilissima per noi, loro stanno facendo bene”. Sugli infortunati: “Se giocheranno dall’inizio o no dobbiamo ancora vederlo, ma Pellegri, Ricci e Vojvoda sono tutti e tre recuperati”. C’è in gioco l’autostima? “Sicuramente punti e vittorie aiutano e bisogna farli sempre, è un gruppo che per certe caratteristiche è cambiato, abbiamo perso una cosa e non so se ne abbiamo guadagnato un’altra. A Napoli ho visto belle cose, molte belle cose, sono curioso di capire che strada prenderemo. La mia sensazione è grigia, bisogna prendere la strada positiva ed eliminare i difetti che possiamo avere. Il momento più bello da allenatore è quando senti questo brio e dici ‘Sì ora si riesce ad incanalarla bene’…La mia percezione è questa: errori gravi e puniti, però anche intensità. Ora siamo perdenti: ora dobbiamo trasformarlo in un gruppo vincente, serve anche fare punti in modo sporco”.

“Io e Paro siamo come marito e moglie”

“Paro la vive come me ma la esprime diversamente. Vediamo proprio le cose allo stesso modo. Siamo marito e moglie, siamo sempre insieme. Non c’entra l’allenatore durante le partite, la squadra sa cosa deve fare, Matteo è un grande, in tutti gli aspetti”.

Sui trequartisti

“Abbiamo più opzioni, Mira ha certe qualità che altri non hanno e lo stesso vale per Radonjic. Abbiamo anche Karamoh, Pellegri sta meglio, quindi abbiamo anche i cambi”, ha spiegato Juric.

Su Sanabria

“Ha una costanza, una media gol che è quella, lui nella sua carriera è sempre stato costante. Le sue caratteristiche a noi sono note, ti fa giocare bene, participa molto al gioco, non avrà mai lo scatto di Pellegri o la forza di Belotti ma dentro l’area di rigore può fare ancora di più, la sua media gol si può alzare”.

“Questi ragazzi hanno voglia di imparare, una voglia unica. Veramente mi danno grande soddisfazione in termini di miglioramento, come gruppo e come singoli. Chiaro che la squadra è diversa, se giochi aggressivo e devi rubare la palla e non la rubi…Io devo inventarmi qualcosa? Devo metterli a proprio agio. Non c’è bianco o nero, ma grigio. Devo pensare ad esaltare quella parte non ancora sviluppata e fare una squadra vincente in un altro modo. Ogni allenatore preferisce seguire una certa strada, ma devo essere bravo a cercare altre soluzioni. Le caratteristiche sono diverse rispetto a un anno fa, cose che prima erano vincenti ora sono perdenti”.

“Schuurs deve migliorare”

“Ha una mentalità pazzesca, ci sono cose che lui fa veramente bene, altre in cui deve migliorare tantissimo. Siamo qui da un mese e qualcosa, ci stiamo lavorando come pazzi, anche con i video. Le caratteristiche che ha, il piede, la visione del gioco sono buone, ma poi ce ne sono altre in cui deve migliorare per diventare un difensore importante”.

Juric sulle fasce

“Le fasce? Possiamo fare meglio. Lazaro sta prendendo il ritmo, bisogna lavorare su alcuni aspetti dove altrimenti paghi, come i gol presi. Vojvoda ha avuto questo infortunio, Singo e Aina possono fare meglio, li scelgo in base all’allenamento, a come li vedo”.

Sul momento della squadra

“Mi auguro che la squadra esca il prima possibile da questo periodo, lo scorso anno eravamo molto tosti, ce ne voleva per farci dei tiri a noi. Io volevo il gioco ma non riuscivo, però eravamo tosti. Ora siamo in fase di crescita: siamo tosti a tratti e ancora per certe cose non siamo pronti. Vedo movimenti, situazioni, ma ci manca l’ultimo pezzo. Vorrei che fossero più tosti, non dico come lo scorso anno perché mancano quel tipo di giocatori, e che aggiungessero un po’ di qualità”.

“L’ultima stagione Praet, Belotti, Brelao, Pjaca hanno fatto un tot di gol, oggi prendi Vlasic, Radonjic, Miranchuk e Karamoh e pensi: possono fare quello che hanno fatto gli altri lo scorso anno? Vediamo. In difesa ho perso, in mezzo ho perso”.

Sul centrocampo dello scorso anno e di quest’anno

“Lukic è un giocatore completo, Pobega ha certe caratteristiche, con Ricci immagino una partita di possesso, di dominio. Quando sta bene lega, ti fa respirare, ruba palloni, più di quando è arrivato, comincia a capire, inizia a essere tosto, si sta avvicinando a un giocatore più completo. Quando c’è una partita tosta, tosta vera, gioca un altro”.

Ivan Juric
Ivan Juric
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 08-10-2022


128 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
salacercipersempre
salacercipersempre
1 mese fa

La conf stampa va sentita in originale. Il mister dichiara nettamente che la campagna acquisti sciagurata svolta gli ha indebolito il team e gettato un anno di lavoro. Dice chiaramente: avevo certezze, me le han perse dandomi scommesse e rifiuti di terzi. Più chiaro di cosi…. Società che guarda solo… Leggi il resto »

Steppenwolf
Steppenwolf
1 mese fa

La migliore conferenza stampa di Juric che ho sentito quest’anno. Ha evidenziato le criticità dovute alla perdita di fisicità in mezzo al campo e all’impatto che questo ha sulle varianti di gioco che ora non sono più possibili, ma in modo da non sminuire minimamente i giocatori che ha. Apprezzata… Leggi il resto »

T
T
1 mese fa

Ogni singola conferenza stampa è un elogio sperticato al mercato fatto dagli altri, e un lamentare l’indebolimento nostro. Qui è stato tagliato, ma ha fatto esplicito confronto tra Pobega e Linetty in certe situazioni di gioco. Però il litigio estivo con quel de mente di Vagnati è stata una “cosa… Leggi il resto »

Zanetti: “Il Toro è ferito ma noi siamo arrabbiati per il Milan”

Probabile formazione Torino: Schuurs vuole una chance, ballottaggio a tre in attacco