La sblocca subito Nkoulou, poi il Torino si chiude e la Juventus rimonta nella ripresa: McKennie e Bonucci, gol in fotocopia

In cinque a difendere e tanta attesa. Il Toro, il derby lo comincia così. Ma alla prima occasione passa. Su un angolo battuto da Ansaldi, al nono minuto, Meité sfiora col tacco, Bentancur tocca appena e il pallone finisce su un dimenticato Nkoulou: esterno destro e gol. Granata avanti. La Juve scorre fangosa, Belotti e Zaza provano ad abbatterla al quarto d’ora, ma il lucano, solo davanti a Szczesny, si fa parare il raddoppio. I bianconeri, da lì in poi, tengono il possesso e provano a trovare cross pericolosi: ma la squadra di Giampaolo è ben messa in campo. Tanto che è Lyanco, al 31′, a trovare una conclusione insidiosa: da lontano, il 4 cerca la porta ma manda a lato. Poco dopo ci prova Dybala su punizione, ma il suo tiro – deviato – termina sul fondo. Ancora sugli sviluppi di una palla inattiva, Bonucci svetta su Lyanco ma manda alto. Zaza e Linetty sprecano un contropiede, ma poco prima del gong è Belotti a sfiorare il raddoppio: in semirovesciata, spedisce sopra la traversa.

Derby Juventus-Torino: il secondo tempo

Il Toro comincia la ripresa con piglio, ma subisce alla prima occasione bianconera. Cuadrado riceve al limite la respinta di un angolo e calcia, trovando l’1-1. Il VAR, però, richiama Orsato, che dopo il controllo al monitor annulla la rete per fuorigioco attivo di Bonucci. Passato lo spavento, i granata non si disuniscono. Fino alla mezz’ora non rischiano nulla, pur rinunciando a ripartire. Poi Dybala inventa, Chiesa conclude e Sirigu mette in angolo. I bianconeri lo battono in fretta, la zona del Torino va in confusione e McKennie, appena entrato, ne approfitta per incornare l’1-1 su cross di Cuadrado.

Da lì in poi, i bianconeri aumentano l’intensità delle loro azioni e il Toro va in affanno. Lyanco fa un miracolo su un sinistro a botta sicura di Dybala, ma è il prodromo del sorpasso. Che è una fotocopia del pareggio. Cross di Cuadrado dalla trequarti destra, la linea granata è in ritardo e Bonucci si ritrova tutto solo: di testa, fa 2-1. I cambi di Giampaolo e il recupero non cambiano il punteggio. Il Torino si butta via, rinunciando a giocare dopo il vantaggio, e subisce la rimonta di una Juventus non certo irresistibile. Altri tre punti persi. E questi pesano, più di altri.

Nicolas Nkoulou
Nicolas Nkoulou
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 05-12-2020


44 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite) (@poppi1)
11 mesi fa

Avete sbagliato il titolo…dovevate scrivere..SIRIGU BUTTA VIA IL DERBY E LA PRESTAZIONE DELLA SQUADRA…e altri 3 punti….basta,basta,basta…non se ne può più di un mezzo portiere.

Trapano
Trapano (@claudio69)
11 mesi fa

Giampy, tu non sei il colpevole principale, ma 6 punti su 30 ti inchiodano, svuota l’armadietto e avanti il prossimo

Gigi Meroni
Gigi Meroni (@taurinorum)
11 mesi fa

Veramente il Toro non ha buttato via il derby ma l’ha subito, anche se risultava in vantaggio per 55 min. Basta vedere il possesso palla per rendersi conto che poi il risulato finale premia giustamente i bianconeri. Nel Toro solito copione: assenza di gioco e schemi (e tanti errori). Giampaolo… Leggi il resto »

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite) (@poppi1)
11 mesi fa
Reply to  Gigi Meroni

Il possesso palla conta come il ª briscola..hanno tirato 1 volta in porta.. e i gol sono solo colpa nostra…a meno che non pensassi di dominare a casa loro…che è un’altro discorso..

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
leonardo (Cairo,le scuse sono finite) (@poppi1)
11 mesi fa

Come il 2 a briscola..sorry

Gigi Meroni
Gigi Meroni (@taurinorum)
11 mesi fa

Ma il possesso palla denota il gioco (senza possesso palla che gioco fai?) Il fatto che manchino gioco e schemi la dice lunga sull’allenatore.. Sui tiri nello specchio della porta siamo 4 a 2.

Schermata 2020-12-06 alle 01.02.57.png

Juventus-Torino 2-1: il tabellino

Bonucci: “Il Toro? Ha giocato perchè eravamo spenti. Conta il cuore”