Le pagelle di Fiorentina-Torino - Toro.it

Le pagelle di Fiorentina-Torino

di Valentino Della Casa - 27 Febbraio 2017

Hart sugli scudi, Moretti imprescindibile. Rossettini ripara ai danni macroscopici di Ajeti, mentre Belotti sbaglia ma poi aggiusta da solo. Le pagelle di Fiorentina-Torino

HART 7.5: superlativo. E il pensiero che possa lasciare (esito più che probabile di mercato) il Torino a fine stagione è solo ulteriore fonte di rammarico. Si rende protagonista di tre grandi parate: all’8′, al 16′ e al 32′, tutti del primo tempo. Non può davvero nulla sui due gol subiti, e si dimostra uomo squadra andando a parlare con tutti i compagni. Un grande giocatore, un grande uomo squadra.

ZAPPACOSTA 5: come molti compagni, prova incolore. Ha però l’aggravante di lasciarsi sfuggire Kalinic in occasione del corner che, al 38′ del primo tempo, consente alla Fiorentina di trovare il raddoppio. Poche le discese in fase offensiva, buono solo lo scambio che porta Rossettini a procurarsi il corner da cui nascerà il gol di Belotti.

AJETI 4: partita terribile. All’8′ ha non poche colpe in occasione del tiro di Borja Valero, dal quale scaturisce il gol; al 16′ un suo clamoroso errore difensivo lancia Kalinic che poi sbaglia. Sono solo gli errori più marchiani di una purtroppo lunga serie, che confermano come la valutazione iniziale di Mihajlovic dell’acquisto di Petrachi fosse giusta, cioè “inadatto a questa rosa”. Viene sostituito perché troppo poco sereno (st 1′ ROSSETTINI 6.5: il suo ingresso in campo cambia la partita. Peggio del compagno non poteva fare, ma si guadagna l’angolo dal quale poi scaturisce la rete di Belotti. Puntuale in chiusura, è sicuramente un sollievo per Mihajlovic ritrovarlo).

MORETTI 7: continua a essere il migliore della retroguardia. Un ragazzino di 34 primavere che non smette di stupire, mai. Gioca con testa (e con i piedi), senza mai commettere falli o ingenuità, come al 24′ della ripresa quando un suo intervento in area sventa una potenziale azione da gol. Suo l’assist per la testa di Belotti in occasione del 2-1. C’è ancora bisogno di lui, e lui non si tira mai indietro.

BARRECA 5: come l’omologo di fascia destra, brutta prova. Tenta solo in un paio di occasioni i dribbling, che gli riescono: perché quindi non insistere? Male in difesa, anche lui come il numero 7 è rivedibile nella marcatura a Kalinic.

BENASSI 5: gara nervosa per il capitano del Torino. Nervosa e inconcludente: intorno al 20′ toglie un pallone dai piedi di Falque che avrebbe potuto più facilmente tirare, poi combina davvero molto poco. Anzi, al 34′ del primo tempo viene ammonito per un fallo su Badelj che lo costringerà a saltare la prossima sfida contro il Palermo. Non può essere soddisfatto della sua prova. (st 13′ GUSTAFSON 5.5: entra in campo, ma si nota davvero molto poco. Serve decisamente più personalità, e più velocità in qualche frangente).

LUKIC 5.5: ha la colpa, tutt’altro che veniale, di lasciarsi scappare Saponara all’8′ del primo tempo, quando il viola realizza l’1-0. A volte sparisce dal campo, questa volta incide di meno rispetto alla gara contro la Roma.

BASELLI 6: come per Benassi, ci si aspetterebbe di più. Però non smette di provarci: scompare per larghissimi tratti, ma ha dei numeri di altro livello. La sua partita sarebbe insufficiente non fosse per quell’assist al bacio che confeziona per il piedone di Belotti, in occasione del pareggio.

FALQUE 5.5: questa volta non è tra i migliori. Il suo primo squillo è al 18′ del primo tempo, con un tiro che sarebbe degno di conclusione migliore. Poi non lo si vede per la maggior parte del tempo. Anzi, per quasi tutta la partita. Ma puntare il dito contro di lui sarebbe semplicemente assurdo.

BELOTTI 7: inesistente nel primo tempo, sembra anzi quasi sconsolato. Poi, nella ripresa si rianima ma sbaglia il rigore che al 17′ si stampa sulla traversa. Al 19′ è però bravo a non arrendersi e a gonfiare la rete con un chirurgico colpo di testa, poi al 38′ manca la deviazione decisiva che invece arriva qualche minuto dopo su assist di Baselli. Doppietta preziosa per il Torino e per il giocatore, che resta un trascinatore dal quale sarebbe davvero meglio non separarsi.

BOYÈ 6: partita anonima, per quanto non lesini mai l’impegno. Sembra però spesso avulso dalla manovra, o inconcludente, come per la verità molti dei suoi compagni. Mezzo punto in più perché si conquista il rigore al 16′ della ripresa, ma servono più serpentine come quelle perché si possa davvero imporre nel nostro campionato. (st 24′ LJAJIC 5.5: subito un dribbling, poi più nulla, se non un tiro in pieno recupero che impensierisce Tatarusanu. Così non ci siamo proprio).

All. MIHAJLOVIC 5.5: l’errore di puntare su Ajeti è sembrato davvero macroscopico. Si ravvede, chiedendo a Rossettini un grosso sacrificio, e la fiducia è ben ripagata. Convince poco il cambio di Gustafson per Benassi, quando a disposizione c’era Acquah che avrebbe garantito maggiore fisicità a un centrocampo troppo leggero. Dice che le prestazioni del Toro siano in miglioramento, a differenza dei risultati. Oggi si è percepito l’esatto contrario.

Arb. GIACOMELLI 5.5: poco da rimproverargli, giusta è la segnalazione del rigore concesso a Boyé, mentre resta qualche dubbio di troppo su quello non concesso alla Fiorentina in pieno recupero di secondo tempo. Le ammonizioni sono giuste, gara senza eccesso di personalismi.

56 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
madde71
madde71
3 anni fa

Finisco di rispondere: se son incompetenti o meno.non lo so,so che questa è una generazione scarsina, quindi convocazioni a volte obbligate,sperando nel buon Dio.benassi non è migliorato in tre anni,in quasi nulla..lo convochi perché non ci son più i Gattuso o gli ambrosini, in questo momento il convento da poco.poi,ovviamente… Leggi il resto »

madde71
madde71
3 anni fa

Mv è motivo di vanto per me che tu mi definisca demenziale,se tu mi dessi ragione in qualcosa,sarei davvero preoccupato.benassi s’inserisce e fa 4 gol all’anno.che fenomeno. Ha piedi normalissimi,non ha colpo di testa,non sa smarcarsi,non ha cambio di passo, in difficoltà a leggere le chiusure, personalità di poco livello..però… Leggi il resto »

MV
MV
3 anni fa

Dal punto di vista tecnico Benassi è un centrocampista fisico, giovane, con due piedi discreti, che si inserisce e garantisce 4-5 gol all’anno. Questo dicono tutti quelli che non sono accecati dal pregiudizio e che lo portano regolarmente in Nazionale. Sei tu che non rispondi: sono tutti incompetenti? Perché è… Leggi il resto »