Un Toro che non riscatta la sconfitta interna col Napoli e che perde anche a Genova: ecco le pagelle di Genoa-Torino

HART 5.5: Rigoni lo sorprende perché la difesa granata non lo assiste, mentre in occasione del raddoppio pasticcia con Moretti e la frittata è servita.

DE SILVESTRI 5: non sfrutta l’occasione del ko di Zappacosta. Fatica ad arginare le incursioni del Genoa e non si propone praticamente mai.

MORETTI 5: fino ad oggi aveva portato esperienza ad un reparto troppo spesso – giustamente – sul banco degli imputati. Oggi commette un’ingenuità non da lui, nell’azione che porta il Genoa al 2-0.

ROSSETTINI 5.5: la difesa traballa perché il Genoa spaventa i granata ad ogni affondo. Le prestazioni dell’ex Bologna, pur non segnalandosi errori individuali in occasione delle due reti, sono in netto calo.

AVELAR 4: se Rigoni è libero di inserirsi e battere Hart, nell’azione dell’1-0, è perché il terzino lo perde colpevolmente. Nel secondo gol non è dove dovrebbe e Lazovic fa quel che vuole. In queste condizioni è impresentabile

ACQUAH 5: la sua assenza contro il Napoli si era fatta sentire ma il Toro non si trasforma nemmeno con il suo ritorno (st 15′ MAXI LOPEZ 5: entra e lotta, ma non basta a riaprire la gara)

BASELLI SV: una botta lo mette ko dopo pochi minuti (pt 17′ LUKIC 5: se i compagni sono irriconoscibili lui è troppo nervoso, sin dall’inizio. Il giallo nel recupero del primo tempo lo condiziona)

ITURBE 5: preferito a Falque, non mostra nessun passo avanti rispetto alle ultime uscite. Un gol in quattro mesi e mezzo: e meno male che avrebbe dovuto fare la differenza… (st 23′ FALQUE 5: non incide)

LJAJIC 5.5: il gol non salva la sua prestazione tutta ombre, anche se mette paura al Genoa nel finale. Eppure dovrebbe essere lui ad accendere la luce al momento giusto.

BOYE’ 5,5: si ritrova spesso costretto a coprire i buchi dei compagni in difesa. C’è la grinta, ci sono le idee: ma per essere titolare nel Toro del futuro serve molto di più.

BELOTTI 4.5: un lontano parente del giocatore che finora si era espresso al massimo, anche quando il gol non era arrivato. Passeggia per Marassi perdendo forse l’occasione di continuare ad inseguire la classifica marcatori.

Arb. GUIDA 6: soffre un po’ l’effetto del Ferraris, sventola qualche cartellino di troppo ma non commette errori decisivi.

All. LOMBARDO 5: un giudizio da condividere con Mihajlovic, visto che le scelte di formazione non sono del secondo del serbo. Un Toro che avrebbe dovuto “salvare la faccia”, dare risposte. Quelle che arrivano da Marassi sono pessime.

Genoa (3-4-2-1): Lamanna 5.5; Biraschi 6 (st 32′ Ntcham 6), Burdisso 6.5, Gentiletti 6.5; Lazovic 7, Veloso 6.5, Cofie 6, Laxalt 6.5; Rigoni 7 (st 18′ Munoz 6), Palladino 6; Simeone 7 (st 15′ Pandev 6). A diposizione: Rubinho, Zima, Pinilla, Cataldi, Hiljemark, Beghetto, Morosini, Pellegri, Ninkovic. All. Juric 7


112 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Frank
Frank(@frank)
4 anni fa

Vorrei sapere cosa continuava a farci Avelar in campo con Barreca in panchina ! Anche le partite di fine stagione devono essere giocate con la formazione migliore per fare punti, anzichè diventare passerelle senza senso per provare chi ha giocato poco. Anzi, se è per fare mercato, è meglio che… Leggi il resto »

Max11
Max11(@max11)
4 anni fa

Popolo granata che dire continua il calvario negativo di un toro che non fa nulla di più …mentre le zebre hanno tutto di più che palle credetemi è una sofferenza inutile…
Noi. Tifosi basta essere bravi con giocatori e società,

ferrante9
ferrante9(@ferrante9)
4 anni fa

Hart migliore in campo. Chissà se si è pentinto di venire qui da noi , quando poteva competere per champions e premier

Lombardo: “Troppo brutti per essere veri, ma non tutto è da buttare”

Video / Genoa-Torino 2-1, Ljajic: “Due partite negative non sono la fine del mondo”