Longo: "No ansia da prestazione, ma dobbiamo arrivare a 40 punti il prima possibile" - Toro.it

Longo: “No ansia da prestazione, ma dobbiamo arrivare a 40 punti il prima possibile”

di Andrea Piva - 22 Febbraio 2020

L’allenatore del Torino, Moreno Longo, presenta in conferenza stampa la partita di domani (calcio d’inizio alle ore 15) contro il Parma

Vigilia di Torino-Parma, la squadra granata domani alle 15 affronterà il Parma e cercherà di interrompere la serie di cinque sconfitte consecutive. Il tecnico Moreno Longo presenta così la partita in conferenza stampa: “L’aspetto su cui si denotano dei miglioramenti è quello dello spirito di squadra, della compattezza. Abbiamo capito che serve coesione, un’atteggiamento da squadra che deve diventare la nostra base. In questo i ragazzi mi stanno facendo vedere che migliorano di giorno in giorno”.

Longo: “Il pubblico fondamentale per noi”

Longo ha poi parlato di Edera: “Sono contento della prestazione di Edera a San Siro, non giocava da un po’ e si è fatto trovare pronto. Se giocherà anche domani? Abbiamo ancora un allenamento e poi vedremo”.

“Non dobbiamo avere l’ansia da prestazione, facciamo un lavoro dove dobbiamo essere abituati a gestirla e sono sicuro che la faremo. Bisogna andare in campo senza alcun pensiero che può limitarci nel poterci esprimere”.

“Il pubblico lo ritengo fondamentale perché so quanto può darci. I tifosi fino a questo momento sono stati encomiabili, se dovessi chiedergli qualcosa chiederei loro di aiutarci dal 1′ al 90′, poi al 90′ ognuno può esprimere il proprio pensiero. Dobbiamo fare in modo che l’ambiente sia sempre più positivo grazie a quello che offriamo in campo”.

“Miglioramenti ne ho visti anche in questa settimana. Contro il Milan, una partita che non mi ha lasciato contento perché abbiamo perso, ci sono stati piccoli segnali positivi su cui lavorare”.

Longo ha poi parlato di Zaza e Baselli: “Zaza sta migliorando di giorno in giorno, ci auguriamo di averlo al più presto perché abbiamo bisogno di avere tutta la rosa a disposizione. Baselli è un giocatore che reputo importante per questa squadra, ha caratteristiche diverse rispetto agli altri centrocampisti, alzerebbe il nostro livello qualitativo. E’ difficile che giochi dal primo minuto perché non è ancora pronto, ma speriamo di recuperarlo al più presto”.

“Dobbiamo alzare l’indice di pericolosità, creare di più. Mi piace che le mie squadre siano compatte ma dobbiamo essere anche pericolosi, creare occasioni perché altrimenti può diventare difficile”.

Longo ha parlato anche del Parma: Gervinho è un giocatore che si esprime molto meglio in campo aperto che negli spazi stretti. Dovremo essere bravi nelle chiusure preventive. Ma il Parma non è una squadra che gioca solo di ripartenza, è una squadra che si è evoluta molto. Per questo bisogna fare i complimenti a Faggiano e D’Aversa“.

“Dell’importanza della gara di domani ne siamo consapevoli, ma non tanto per il calendario delle altre ma per noi stesse. Questa partita ci deve portare la vittoria, abbiamo necessità di fare punti, di interrompere l’emorragia che si è creata”.

Longo: “Pochi gol? Dobbiamo lavorare su questo”

Sulla crisi del gol della squadra: “Preoccupato dei pochi gol? No, più che altro questo è un qualcosa su cui dobbiamo lavorare. Già da domani sono convinto che potremmo vedere qualcosa di diverso in avanti”.

A chi gli ha chiesto se sente sua questa squadra Longo ha risposto: “In queste prime settimane ho detto che avevamo denotato una carenza fisica, un’affermazione che ho fatto con dati alla mano, monitorando i giocatori con dati oggettivi. E poi anche perché la squadra aveva l’incapacità di tenere la condizione per novanta minuti. Contro il Milan ho visto uno spiraglio positivo. Oggi sarei presuntuoso se vi dicessi che sento questa squadra mia al 100%, quando un allenatore inizia a lavorare dall’estate a ottobre si dice che ha bisogno ancora di tempo, figuratevi io che sono qui da 18 giorni”.

Sul morale della squadra: “Il morale della squadra? I giocatori sono arrabbiati perché vorrebbero uscire velocemente da questa situazione, c’è invece da capire che per uscire da questa situazione c’è bisogno di un atteggiamento famelico”.

Sulla situazione in classifica della squadra: “Se è per scaramanzia che parlo di salvezza? No, siamo a cinque punti dalla terzultima e in serie A non si può scherzare quando si hanno cinque punti di vantaggio sulla terzultima. In serie A bisogna avere la capacità di non dare nulla per scontato, fare punti in serie A è difficile contro chiunque. Noi dobbiamo arrivare a 40 punti il più velocemente possibile”.

19 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
vecchiamaniera
vecchiamaniera
5 mesi fa

Forza Mister,sempre con te comunque vada.Il piccolo uomo ti ha consegnato una squadra scarna e allo sbando,rigorosamente a mercato chiuso senza uno straccio di svincolato.
CAIRO CANCRO DEL TORO!

urto (andrea)
urto (andrea)
5 mesi fa

Bravo Moreno! faglielo capire a quei quattro pecoroni che bisogna arrivare a quaranta e bon!

Poi…speriamo non ci sia più il nano ad allestire un altro Sontuoso mercato estivo….

Cup
Cup
5 mesi fa

Dal Parma le abbiamo prese anche lo scorso campionato che eravamo meglio impostati, almeno in difesa. Certo che 5 sconfitte di fila sono tante, ma attenzione perché quest’anno stiamo battendo tutti i nostri record negativi…

vecchiamaniera
vecchiamaniera
5 mesi fa
Reply to  Cup

..e mancano 15 partite.
CAIRO SQUALLIDO SCIACALLO!