Longo: "Il mio futuro al Toro? In questo momento l'io va messo da parte" - Toro.it

Longo: “Il mio futuro al Toro? In questo momento l’io va messo da parte”

di Francesco Vittonetto - 12 Luglio 2020

Le parole di Moreno Longo nella conferenza stampa che precede Inter-Torino: ecco come il tecnico ha presentato la partita

E’ la vigilia di Inter-Torino. Moreno Longo, tecnico dei granata, interviene a Torino Channel per presentare la partita della 32^ giornata di Serie A: “Sicuramente questo format era sconosciuto a tutti. Oggi lo stiamo testando settimanalmente, come ho detto la capacità di adattamento deve contraddistinguere tutto: adattarsi è la soluzione migliore”. Sulla condizione del Toro: “Non c’è nessun segreto. Questo format ti impedisce di allenarti, se non per la fase di recupero”. Sulle cinque sostituzioni: “Penso che possa essere un’opportunità anche per il futuro. Penso anche però che non è necessario fare cambi per forza: un allenatore interviene se ci sono problematiche”.

Longo sull’Inter: “Una grandissima squadra”

Longo passa poi ad analizzare la partita: “Andiamo a San Siro ad affrontare una grandissima squadra, con grandissimi giocatori e con l’organizzazione data da un grande allenatore. Dobbiamo fare una grande prestazione per uscire con dei punti. L’Inter lavora sul gioco da fermo e sui cross, è una squadra evoluta e manda in gol tanti giocatori diversi”.

Sull’eventuale turnover: “Come sapete non mi piace dare troppe indicazioni prima della gara, prima di averlo comunicato alla squadra. Cerco sempre di mettere la formazione migliore, giocando ogni tre giorni bisogna valutare ogni aspetto, soprattutto in funzione dei recuperi”.

Le parole su Belotti: “Tocca a noi farlo giocare dove si esprime meglio”

“Io credo che il fattore gruppo, coesione, sia determinante per il raggiungimento di qualunque obiettivo. Io credo che la forza dell’ambiente debba essere per noi un valore aggiunto”.

Belotti? E’ un grandissimo attaccante, è in fiducia e può fare gol in qualunque momento. Da parte nostra c’è la volontà di metterlo nelle condizioni migliori e di farlo giocare dove può esprimersi meglio. Tra di noi c’è grande dialogo, cerco di capire dove lui può trarre beneficio. L’utilità di Belotti è in funzione delle sue caratteristiche”.

Un commento su Meité e Verdi: “Parlare di singoli mi viene difficile. Meité è un giocatore che sta offrendo delle grandi prestazioni, con lui ho un rapporto molto schietto: non abbiamo ancora visto il miglior Meité, insieme stiamo cercando di raggiungere gli step successivi. Verdi? Si è presentato bene dopo il lockdown, ha avuto quel piccolo infortunio, ma anche lui nella posizione corretta e con i giusti palloni, mettendolo più vicino alla porta, può dare il meglio di sé”.

A Longo viene poi domandato se pensa di potersi guadagnare il ruolo di allenatore anche per la prossima stagione: “L’unica cosa che conta è il Toro. Gli interessi personali non possono esistere. Non possiamo dare spazio in questo momento ad altri pensieri. Dobbiamo affrontare queste sette partite che sono molto importanti mettendo da parte l’io e ragionando solo sul noi”.

Moreno Longo
Moreno Longo, head coach of Torino FC, looks on prior to the Serie A football match between Juventus FC and Torino FC.

13 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
1 mese fa

Un miracolo che il lecce non abbia vinto con un Cagliari senza obbiettivi

ardi06
ardi06
1 mese fa

Il lecce ha avuto almeno sei occasioni enormi, speriamo continui a sbagliare e il Cagliari faccia un gol. Da quando è uscito nainggolan, che a noi non serviva, la partita è completamente cambiata a favore del lecce

ardi06
ardi06
1 mese fa

Il Genoa c’è attaccato, il Cagliari non ha più nessuna ambizione in questo campionato, e dopo aver dominato ha fatto due cappelle difensive enormi che il lecce ha sbagliato incredibilmente. Sto pregando, ma nainggolan si è pure fatto male