Martusciello in conferenza stampa per Empoli-Torino: “Sarà un grande piacere ritrovare Valdifiori, dobbiamo ritrovare le nostre caratteristiche migliori”

Il tecnico dell’Empoli Martusciello ha presentato questa mattina in conferenza stampa la sfida di domani pomeriggio contro il Toro. E le prime battute del tecnico azzurro non possono non riguardare il mercato: “L’aspetto di mercato ha influito in maniera positiva questa settimana: la squadra ha recepito quello che deve offrire in maniera positiva il mercato ossia l’ingresso di giocatori nuovi che devono mettersi a disposizione in un contesto nuovo. La settimana scorsa invece il mercato ci ha completamente travolti e i risultati si sono visti. Questa settimana, i primi giorni la squadra ha accusato il colpo ma poi è migliorata soprattutto nell’approccio che ci deve contraddistinguere in una gara contro una squadra forte come il Torino.

Un mercato che ha portato in quel di Empoli l’ex granata El Kaddouri: “L’operazione di mercato andava sulla direzione di trovare un trequartista di ruolo. Le impressioni sono positive, abbiamo completato una casella che era vuota soprattutto perché. Se sarà già pronto per domani? L’abbiamo preso per quello quindi sì. È venuto qui dopo la Coppa d’Africa, si è allenato con noi mercoledì, ha pochi minuti sulle gambe ma giocherà lui perché è nella condizione fisica e mentale da poterlo fare quindi parte sicuramente lui. Il Toro?La forza del Torino è conosciuta, è allenato da un grande allenatore che riesce a dare una grande carica e concetti e sviluppi offensivi importanti abbinati alle caratteristiche dei loro attaccanti che sono notevoli, compreso i movimenti dei centrocampisti come Valdifiori che riesce a dettare i tempi del gioco e i due interni che sono molto bravi negli inserimenti. Sono queste le difficoltà alle quali andremo incontro domani pomeriggio però quello che voglio dalla squadra è che reagisca senza frenesia ritrovando quanto di buono fatto prima della partita di Crotone. Mi aspetto che la squadra rimetta dentro quelle caratteristiche che la squadra ha messo dentro in questo periodo”.

Sul rendimento della sua squadra e sugli obiettivi dell’Empoli ha le idee chiarissime: “Un giocatore solo non vince le partite, il collettivo è quello che fa la differenza e solo con l’insieme possiamo affrontare questo girone di ritorno. La settimana scorsa ci siamo fatti condizionare sulla classifica, ci siamo specchiati nella classifica e abbiamo preso quattro schiaffi: la classifica si guarda a maggio e allora o si sta dentro o si sta fuori. Chi temo tra le altre squadre? Siamo tutti allo stesso livello, non ho paura di nessuno e ho paura di tutti. Noi dobbiamo andare avanti sulla nostra squadra poi la somma delle partite condizioneranno il campionato. Dobbiamo affrontare una partita alla volta e affrontare le difficoltà che si creano di domenica in domenica. Noi siamo dello stesso valore delle altre, dobbiamo fare il nostro”.

E se un ex granata arriva alla corte di Martusiello, il tecnico dell’Empoli ritroverà anche Valdifiori: “È un piacere enorme ritrovare Mirko, ragazzo straordinario e grande calciatore. Un piacere affettivo rincontrarlo ma non ho studiato nulla di preciso. Noi da tempo stiamo dietro a un sistema di gioco e giocheremo così che ci sia lui o un altro”.

 


Mihajlovic: “Il problema è mentale, i più esperti dovrebbero fare meglio”

Benassi: “D’accordo col presidente, è il miglior Toro da quando sono qua”