Probabile formazione Torino / Considerate le tante assenze il tecnico granata pensa a un cambio di modulo: 4-4-1-1 con Ansaldi mediano

“Se il sistema di gioco sarà lo stesso? Non è detto”. Così Walter Mazzarri ha risposto in conferenza stampa a una domanda riguardante il modulo con cui il Torino si schiererà in campo domani contro la Roma. Dietro a quel “non è detto”, pronunciato dal tecnico, c’è la voglia di provare a sorprendere la squadra di Eusebio Di Francesco e anche di sopperire alle numerose assenze, tra infortuni e squalifiche. E’ così che l’allenatore sta valutando l’ipotesi di abbandonare la difesa a tre per passare a un 4-4-1-1 che in fase offensiva diventerebbe poi un 4-2-3-1.

Torino: Lyanco affianca Nkoulou in difesa

Se l’idea di passare al 4-4-1-1, anziché puntare sul 3-4-3, dovesse diventare realtà, la coppia di centrali di difesa davanti all’insostituibile Salvatore Sirigu sarà composta da Nicolas Nkoulou e dal brasiliano Lyanco. Koffi Djidji verrebbe così dirottato nel ruolo di terzino sinistro, in cui ha già giocato varie volte in Francia con la maglia del Nantes, Lorenzo De Silvestri completerebbe invece il reparto posizionandosi sulla destra. Novità anche a centrocampo dove Cristian Ansaldi affiancherà (qualunque dovesse essere il modulo scelto) Tomas Rincon in mezzo al campo: un ruolo non del tutto inedito quello di mediano per l’argentino visto che in quella posizione ha già giocato alcune partite della scorsa stagione.

Torino: ballottaggio sulle fasce

Sulle fasce troveranno spazio due tra Ola Aina, Alejandro Berenguer e Vittorio Parigini. I favoriti a una maglia da titolare sono l’argentino e lo spagnolo, l’ex Primavera potrebbe invece trovare spazio a partita in corso. Per quanto riguarda l’attacco, non ci saranno novità rispetto al solito: Iago Falque agirà alle spalle di Andrea Belotti. Solo panchina quindi per Simone Zaza.

La probabile formazione del Torino

Probabile formazione Torino (4-4-1-1): Sirigu; De Silvestri, Nkoulou, Lyanco, Djidji; Aina, Rincon, Ansaldi, Berenguer; Falque; Belotti. A disp. Ichazo, Rosati, Bremer, Ferigra, Adopo, Lukic, Parigini, Edera, Millico, Zaza. All. Mazzarri.
Indisponibili: Baselli, Moretti
Squalificati: Meité, Izzo.


73 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
prinzheugen
prinzheugen (@prinzheugen)
2 anni fa

I giocatori ci sono….. manca chi li mette in campo e li fa giocare……dandogli un gioco…..

Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro) (@gianky1969)
2 anni fa

Se lo porta per farlo giocare sempre un pò di più, progressivamente, avrebbe un senso compiuto. Programmare e valutare all’altezza un giocatore che ha fatto benissimo fino ad ora. Ma non è da cairese. Scommettiamo che invece è una tantum e ad cazzum? A meno che qualcuno davanti non scappi… Leggi il resto »

Robin
Robin (@robin)
2 anni fa

Kean classe 2000 esordio a 16 anni, Pellegrini classe 2001 esordio a 15. Ma a parte questo penso che le partite giuste per favorire l. inserimento graduale di un primavera sono quelle con le piccole o in C.Italia nei primi turni, in una trasferta tipo oggi ripeto non ha senso.portarlo… Leggi il resto »

Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro)
Giankjc (una testa di ghisa si fida solo di soldatini dai piedi di ferro) (@gianky1969)
2 anni fa
Reply to  Robin

Non parliamo di Donnarumma Calabria e Cutrone.
Italiani che garantiscono un paio di lustri di affidabilità in quei ruoli al Milan.

Mazzarri lancia i Primavera: “Millico ha qualità importanti, Adopo? Se ci fosse bisogno…”

Roma, Manolas ha recuperato. In attacco confermato Dzeko