Le parole dell’allenatore del Torino, Walter Mazzarri, dopo la sconfitta contro il Napoli del Grande Torino

Arrabbiato Mazzarri dopo la fine della partita: “Intanto ringrazio i tifosi. Faccio fatica a fare disquisizioni tecniche e tattiche. Da questa estate la crescita è stata esponenziale, i ragazzi sono cresciuti. Oggi è sembrato come se ci fossimo scordati tutto. Non eravamo in campo tutti, sembravano i fratelli di quelli visti a Udine, meno male che domani non c’è la giornata di riposo. Guarderemo il video e capiremo gli errori.Mi spiace per i tifosi. Il Napoli è fortissimo: ma contro una squadra più forte bisogna correre come loro o di più, essere più organizzati, correre sul loro portatore, il 90% dei giocatori non lo ha fatto, non so perché e lo scoprirò domani. C’è stata una mini reazione tra il primo e il secondo tempo ma dopo il gol ci siamo sciolti come neve al sole. Una spiegazione è difficile: non ho la sfera di cristallo”. 

Mazzarri, la conferenza stampa dell’allenatore del Torino

Durante la conferenza stampa siparietto tra Mazzarri e un giornalista a seguito del Napoli. WM è andato su tutte le furie nel momento in cui il cronista ha domandato se questa non potesse essere considerata una lezione tattica di Ancelotti nei suoi confronti. Stizzita la risposta del tecnico: “Sì, certo. Bravo, ora sei contento?”. Poi Mazzarri ha proseguito: “Il Napoli era affamato, ci facevamo togliere la palla, non eravamo la squadra che ho visto fino a Udine. Anche con l’Inter siamo partiti male ma non come oggi. Spero che sia un episodio”. Poi ancora: “Intensità, corsa senza palla, se non ci si muove è difficile“. 

“Siamo rientrati in campo bene, abbiamo fatto l’elettroshock negli spogliatoi, solo che poi ci siamo di nuovo bloccati tutti. Parigini a Udine ha fatto cose bellissime, oggi almeno ha provato a recuperare un pallone, ma gli altri sono entrati con la marcia bassa. Non è facile spiegarsi”. 


350 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
granata68
granata68
3 anni fa

Rispetto ad Udine giocava Rincon. Quando giochiamo con lui dall’inizio é come giocare in 10

Roberto (RDS 63)
Roberto (RDS 63)
3 anni fa

Hai fatto andar via l’unico che sapeva dare del tu alla palla, l’unico che sapeva batter i calci d’angolo, l’unico che sapeva batter le punizioni, l’unico che metteva la palla buona al Gallo a un metro dalla porta…ora inventati qualcosa.

io
io
3 anni fa

anche tu eri e sei da cambiare !!!!!

Torino, Belotti: “Vista la prestazione abbiamo meritato di perdere”

Gasperini: “Attenta Atalanta, il Torino è costruito per l’Europa”