Il commento di Davide Nicola dopo Torino-Genoa, partita terminata a reti inviolate tra le mura del Grande Torino

Ancora nessuna vittoria in casa per il Torino, che contro il Genoa strappa porta a casa il quarto pareggio consecutivo. Davide Nicola commenta così il match: “I ragazzi erano arrabbiati perchè non vedevano l’ora di strappare una vittoria. In realtà bisogna prima conseguire un’identità e fare un certo tipo di prestazioni, averle nel DNA. Avere la continuità in quetso campioanto è fondamentale. Per la gente un pareggio può valere poco ma per noi significa portare avanti la calssifica. Dobbiamo cercare di salvarci e per farlo dobbiamo essere pronti a raccogliere punti contro chiunque. Ogni cosa ha il suo momento di acquisizione, noi in questo momento siamo sulla strada per percepirci come una squadra che deve salvarsi. Con la continuità nelle prestazioni arriveranno anche i risultati. Contro il Genoa è stata una partita molto combattuta, lottata fino in fondo. Le due squadre si sono annullate a vicenda, cosa che si vede nelle occasioni prodotte. Per noi era importante trovare equilibrio nella fase di non possesso e da questo punto di vista sono soddisfatto. Oggi ho visto una squadra che è stata più squadra in una partita nervosa e maschia. Oggi non abbiamo preso gol e dimosta che è stato fatto un certo tipo di lavoro. Mi è piaciuta l’interpretazione di Rincon, Nkoulou e quella di Sirigu, che ultimamente poteva essere ritenuto non al meglio, ma ha dimostrato di essere invece sulla strada giusta. Se vi parlo sempre di gruppo sembr aun leit motiv. Il gruppo è formato da individui che stanno facendo il massimo. A livello di insimee possiamo migliorare. C’è ancora un lasso di tempo in cui pensiamo prima di aggredire, un pensiero latente. Noi vogliamo determinare però. Noi vogliamo reagire consapevoli che abbiamo le qualità per tirarci fuori da quest asituaizone. Il miglioramento sta nell’interpretazione. Con la continuità nelle prestazioni arriveranno anche i risultati”.

Nicola: “Dobbiamo fare più punti possibile”

Sul Toro: “Al Toro non manca qualità. Oggi abbiamo giocato contro la squadra più in forma del campionato, che sta subendo pochissimi gol. Riuscire a fare risultato è importante, non è un mistero che noi dobbiamo salvarci e dunque dobbiamo fare punti contro chiunque. Dobbiamo puntare a farne il più possibile, ma al momento dobbiamo percepire che siamo una squadra che deve salvarsi. Sanabria? Crediamo in lui ma non mi soffermo sulle assenze, altri giocatori possono essere determinanti Darà il suo contributo come i compagni. Sono soffisfatto di tutti oggi, anzi.. Oggi è stata una gara molto combattuta, con alcune situazioni che potevano essere sfruttate meglio ma i giocatori non devono essere schiavi del risultato, bensì maturare nelle proprie convinzioni. Anche oggi è stato uno scontro diretto. É chiaro che vogliamo ottenere il massimo possibile in ogni partita, ma non dobbiamo essere schiavi di questo pensiero. La fase di non possesso oggi è stata positiva, ma dobbiamo sicuramente migliorare la lettura di alcuni momenti della partita, migliorare nell’ultimo passaggio per creare di più. Allo stesso tempo però non dobbiamo perdere l’equilibrio in ogni situazione, sia nella nostra metà campo che in quella avversaria. Siamo sulla strada giusta, ma le parole non servono”.

Il tecnico granata: “Il debriefing deve suggellare i valori che ci devono contraddistinguere”

Sul cerchio che si fa dopo ogni partita: “Io lo faccio sempre in ogni situazione a prescindere dal risultato, poi è chiaro che i giocatori vengono più volentieri quando si vince. Si vorrebbe sempre vincere, ma non ce la fai se prima non hai dei requisiti. In quelle situazioni a fine partita cerchiamo coerenza con i messaggi del prepartita, è un debriefing a caldo che deve suggellare i valori che ci devono contraddistinguere. E’ una ricerca della coerenza tra quello che ci siamo detti in settimana e quello che abbiamo fatto in partita. Da quando ci sono io questa coerenza c’è stata. Poi è chiaro che in settimana si va a sviscerare quello che è successo. Noi sicuramente dobbiamo migliorare e crescere, comunque Bisogna giocarsi bene le partite. In queste quattro partite sfidavamo avversari competitivi in modo diverso. Credo in questi ragazzi, penso che se credono in loro stessi e in quello che stanno facendo ci siano più possibilità di arrivare al nostro obiettivo”.

Davide Nicola, head coach of Torino FC, gestures during the Serie A football match between Torino FC and Genoa CFC.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 13-02-2021


52 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Maratona 76 (urge derattizzare il TORO)
Maratona 76 (urge derattizzare il TORO)
9 mesi fa

e m con cime entre le maglie GRANATA continuano ostaggio del ratto-pantegana gli Aquilotti volano alto a milano… quanto poco ci vorrebbe, basterebbe un pò di dignità, ma si sà i ratti ravastano tra i rifiuti altro che dignità. E adesso Davide non ti ci mettere pure tu, quella vista… Leggi il resto »

Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68
Simone(Toroxever)dito su👆 per gli anonimi 🐰 🐰 🐰 68
9 mesi fa

Caro Davide, anche tu, dopo i finti sorrisi dei cloni cairoti, inizi ad avere la tua bella razione di coltellate. Abbiamo preso uno scarto dei gobbi dato ad una squadra satellite loro, quindi siamo diventati un cassonetto di squadra satellite gobba con cairo, e questo scarto di scarto, Mandragora, fa… Leggi il resto »

Filippo Bull
Filippo Bull
9 mesi fa

👏👏👏👏

michelebrillada
michelebrillada
9 mesi fa

ma per favore nicola non iniziare anche tu a prendere i tifosi veri per il sedere dai ma dove vuoi andare con zaza (neanche in terza categoria sarebbe titolare)e con il no gioco stiamo tornando a terzino centrale altro centrale altro terzino portiere non un tiro in porta in 95… Leggi il resto »

Sirigu: “Il gruppo c’è, ma certe situazioni dovevamo affrontarle di petto”

Le pagelle di Torino-Genoa: Sirigu si riscatta, la difesa regge, Singo in calo