Le parole del tecnico del Torino Davide Nicola nella conferenza stampa di presentazione del derby contro la Juventus

Quello che andrà in scena domani pomeriggio alle 18 al Grande Torino sarà il suo primo derby della Mole e lo affronterà da allenatore del suo Torino, Davide Nicola, che presenta così la sfida contro la Juventus: “E’ una partita piacevole da giocare, vogliamo scendere in campo. Rappresenta la città, è una gara sentita diversamente. L’abbiamo vissuta bene, abbiamo lavorato bene e c’è curiosità, è la mia prima volta. Abito vicino a Torino, chi ha questi colori come passione basta un cenno e si capisce che è qualcosa di bello da vivere. Chi tifa per l’altra parte, c’è un distacco superiore rispetto ad altri momenti. Non vi dico cosa dirò ai miei ragazzi perché non abbiamo ancora parlato, faremo ancora qualcosa domani. Cercheremo di dare il massimo, mi interessa questo. E serve la voglia e il piacere di confrontarsi“.

Nicola: “I Nazionali? Valuteremo chi è al top”

Il tecnico granata parla poi dei reduci dalle Nazionali: “Sono tornati con gratitudine, è normale sia così. Ma non li abbiamo potuti vivere in queste due settimane. Li valuteremo, vedremo chi è al top e chi ha qualche problemino”.

E sul suo primo derby: “Mi piace immaginare ciò che faccio e poi metterlo in campo. E’ un senso di elettricità, non vedo l’ora che l’arbitro fischi. Partirei adesso, ho grande passione per questo lavoro. I derby con le altre squadre? Non mi concentro mai sul passato, ma solo sul presente. Mi interessa sulla possibilità che ho adesso per giocare una partita che dà elettricità. Vogliamo fare passi in avanti“.

Sugli spalti vuoti: “Un colpo al cuore”

Sarà però un derby anomalo, il primo di Nicola. Un derby senza pubblico: “Gli spalti vuoti sono un colpo cuore. Immaginiamo il rumore che portano i tifosi e che ti smuove dentro. Il calcio di adesso non ha quella valenza, sappiamo che è una mancanza importanza. Siamo nell’era dei social, possono starci vicino mandandoci messaggi. Metteremo in campo idee, organizzazione e che ogni partita è importante“.

Se si gioca con più tattica o più cuore? Non può esistere una cosa o l’altra. E’ importante avere un obiettivo e un percorso per poterlo raggiungere. Se sai cosa devi fare, devi metterci tutto te stesso: così può scattare consapevolezza dentro di noi“.

Il tecnico granata: “Non mi interessano i pronostici: voglio il massimo”

E a chi gli chiede se ha pensato a qualcosa per sovvertire i pronostici: “Dei pronostici non mi interessa, abbiamo giocato con squadre importanti come Inter e Sassuolo e abbiamo dimostrato di fare partite anche magiche. Concentriamoci su ciò che dobbiamo fare, i pronostici valgono per altri. Io scendo in campo per ottenere il massimo“.

Ma in ballo ci sono anche le condizioni di molti granata, a partire da Nkoulou: “Voglio convocarlo, anche se non potrà giocare: è stato a lungo con il Covid, gli serve un percorso di ri-allenamento e valutazione della forma fisica, oltre a esami post-Covid. Per me è un giocatore importante, la mia idea è portarlo per fargli assaggiare il clima e l’adrenalina. Belotti? Sono tutti importanti, per me i giocatori devono avere la consapevolezza di poter fare bene. Il Toro ha dimostrato di avere valori come gruppo e in campo, serve equilibrio per esprimerci e raggiungere gli obiettivi”.

“Juve in difficoltà? In una singola partita può succedere di tutto”

Il Torino affronterà una Juve in difficoltà rispetto al recente passato ma Nicola non ha dubbi sul valore dell’avversario: “Ho rispetto per gli avversari, è un valore fondamentale. E loro nel corso degli anni hanno dimostrato grandi qualità. Se sono primi, terzi o quarti si sono consolidati nel tempo: tu scendi sempre in campo per vincere, i punti determinano le qualità che esprimi ma in una singola partita può succedere di tutto

Davide Nicola, head coach of Torino FC, looks on prior to the Serie A football match between Torino FC and FC Internazionale.
TAG:
conferenze stampa home

ultimo aggiornamento: 02-04-2021


6 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
salacercipersempre
salacercipersempre
2 mesi fa

…tesserati del Torino FC che qui leggete e sarete domani su quel prato in qualsiasi minuto del match lo sarete, sappiate che ci sono milioni di bimbi e adulti nel mondo che hanno tifato e tifano questi colori di morte e sudore ed a cui nulla importa in quei 100… Leggi il resto »

paolo 67 (tabela)
paolo 67 (tabela)
2 mesi fa

Un colpo al cuore è la cairesefc del giornalaio, perdere le partite, i derby nn sono niente in confronto alla miseria a cui siamo costretti, nn c’è una squadra, nn c’è una società, nn c’è una curva, nn c’è un settore giovanile……
CAIRO GAME OVER, VATTENE, LIBERACI.

fringomax
2 mesi fa

già sto pensando oltre!

Pirlo: “McKennie, Dybala e Arthur non saranno convocati per il derby”

La probabile formazione del Toro: Buongiorno titolare, davanti c’è Sanabria