La difesa torna solida, Milinkovic-Savic decisivo su Bonaventura, Zapata generoso: le pagelle

MILINKOVIC-SAVIC 7: al 17′ del secondo tempo interviene – rischiando anche di farsi male – su una conclusione di Bonaventura.

DJIDJI 6.5: ingaggia un duello con Sottil che non lo vede soccombere, col passare delle giornate anche atleticamente sta tornando il difensore dello scorso campionato.

BUONGIORNO 7: torna finalmente in campo dopo l’infortunio di Cagliari di oltre un mese fa e gli tocca subito la marcatura di Belotti. Tiene a bada il Gallo ma è la sua presenza che si sente: in difesa ma pure nelle sortite offensive granata dove il vice capitano c’è sempre.

MASINA 6.5: per l’ex Udinese è la sesta partita di fila. Le ha giocate tutte da quando è arrivato al Torino, stasera di nuovo in difesa nonostante il rientro del capitano granata. Ha un cliente difficile da gestire come Nico Gonzalez ma se la cava.

BELLANOVA 6.5: meno spunti e accelerazioni rispetto alle ultime uscite ma quando ha il pallone tra i piedi e ingrana porta sempre scompiglio su quella fascia.

LINETTY 6.5: il solito lavoro di qualità e quantità in mezzo, Juric nemmeno stasera fa a meno del polacco (st 42′ SAZONOV SV)

ILIC SV si fa male dopo sette minuti (pt 9′ RICCI 5: ingenuità enorme quella di protestare in quel modo dopo essere stato ammonito, lascia la squadra in dieci dopo solo un tempo)

RODRIGUEZ 6: torna titolare dopo l’infortunio ma non si ricompone il terzetto in difesa, non stavolta, perché Juric lo schiera esterno alto laddove solitamente agiva Lazaro, non al meglio. Impegnato più a difendere e aiutare Masina piuttosto che a spingere: ma sono anche le sue caratteristiche

VLASIC 5.5: una conclusione che impegna Terraciano nel primo tempo ma poi poco altro. Un passo indietro rispetto alla sfida che qui in casa, l’ultima volta, lo aveva visto giocare finalmente ai suoi livelli.

SANABRIA 4.5: stavolta non è impalpabile perché c’è e si vede, ma il problema è che non vede la porta a dispetto del numero nove che ha sulla schiena (st 1′ GINEITIS 7: gli basta una giocata a pochi minuti dal suo ingresso per accendere lo stadio)

ZAPATA 6.5: esce accompagnato da una vera e propria ovazione. La solita partita generosa: segna, prima che il Var annulli, gioca in qualunque posizione e lotta come un leone fino a quando non viene sostituito (st 38′ PELLEGRI SV)

All. JURIC 6: costretto subito al pronti-via a cambiare formazione visto il ko di Ilic, stavolta il suo Toro ha il merito di reggere in dieci per tutto un tempo, nonostante una partita viziata da un grande nervosismo. Ha pochi cambi in panchina, anche numericamente, e fa come può.

Antonio Sanabria zio.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-03-2024


45 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
davidone5
1 mese fa

Bene, Bellanova, Vlasic, Zapata e Linetty, ottimi Buongiorno e Gineitis che ha fatto vedere che diventerà un giocatore forte e completo Rodriguez sa fare bene la fase difensiva ma non quella offensiva, non abbiamo una fascia sinistra.

marco ruda
marco ruda
1 mese fa

Pur criticando savic per i suoi sbagli non condivido i fischi tanto piu’ che chi dovrebbe sostituirlo non è certo migliore , le colpe sono del ds che non sa trovare di meglio e del tdc che non apre il “suo” portafogli per il salto di qualita

davidone5
1 mese fa
Reply to  marco ruda

Diciamo che si è voluto non spendere soldi per il portiere per prendere altri giocatori in ruoli diversi, adesso abbiamo certificato che quest’anno per colpa del portiere abbiamo perso almeno 6 punti ed è ora di prendere un buon portiere.

maximedv
maximedv
1 mese fa

I migliori Zapata e Buongiorno. Il peggiore Sanabria che, dopo il rinnovo, è davvero involuto. Masina un po’ più in difficoltà nelle ultime due, ma aveva contro gli avversari di gran lunga più forti

davidone5
1 mese fa
Reply to  maximedv

Sanabria è fuori condizione e lo si vede, deve recuperare sia fisicamente che di testa, deve fare panchina e rientrare quando sarà in forma.

Steppenwolf
Steppenwolf
1 mese fa
Reply to  davidone5

Fisicamente non saprei perchè corre tanto e sulle occasioni c’è (vedi mezza lisciata sul cross e pure l’infame spreco sulla palla regalatagli). Certamente deve resettare la testa perchè sembra essere il primo a non credere in se stesso. Qui è Juric che deve decidere cosa è meglio per la squadra

Il Toro regge anche in dieci: scintille in panchina, Juric espulso nel finale

Italiano dopo Torino-Fiorentina: “Cairo? Stima esagerata, volevo solo salutarlo”