Nel finale del derby il Torino ha giocato senza attaccanti e trequartisti di ruolo, nonostante in panchina ci fosse Verdi: ecco perché non è entrato

Perché nel secondo tempo del derby Ivan Juric non ha messo in campo Simone Verdi anziché adattare Daniele Baselli al ruolo di punta e Tomas Rincon a quello di trequartista? Una domanda che in molti si sono posti vedendo la partita. Dietro al mancato ingresso del numero 24 non c’è però nessun caso: il trequartista questa mattina ha accusato un fastidio al flessore, lo stesso muscolo che nelle scorse settimane lo ha costretto a uno stop. Nonostante il giocatore avesse dato la disponibilità di giocare, Juric ha preferito non rischiarlo per evitare un nuovo possibile infortunio ben più grave rispetto al fastidio accusato questa mattina.

Simone Verdi
Simone Verdi
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-10-2021


26 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ardi06
ardi06
22 giorni fa

il sunto dell’intervista a Juric , vista integralmente, è che come sappiamo da anni, ma solo lui ha avuto il coraggio di esternarlo dall’interno della società, è che ne le strutture, ne lo staff medico, ne le infrastrutture ne le squadre da sempre raffazzonate, ne la società stessa sono a… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
22 giorni fa

Ripeto: il sunto dell’intervista a Juric , vista integralmente, è che come sappiamo da anni, ma solo lui ha avuto il coraggio di esternarlo dall’interno della società, è che ne le strutture, ne lo staff medico, ne le infrastrutture ne le squadre da sempre raffazzonate, ne la società stessa sono… Leggi il resto »

rotor
rotor
23 giorni fa

La partita l’abbiamo persa perche’ quel genio che doveva marcarlo ha lasciato libero di ricevere la palla e di tirare indisturbato Locatelli. Con Verdi giocatore inutile e ininfluente non sarebbe cambiato niente.

madde71
madde71
22 giorni fa
Reply to  rotor

parla la sua carriera,brocco e ne ha sempre una,SEMPRE

Allegri: “Potevamo passare in vantaggio prima”

Mandragora: “Juric dirà dove abbiamo sbagliato, c’è rammarico”