Sassuolo-Torino: la probabile formazione di Giampaolo. Lukic scalpita

Lukic verso la conferma, Bonazzoli affianca Belotti: la probabile formazione

di Francesco Vittonetto - 22 Ottobre 2020

La probabile formazione del Torino contro il Sassuolo. Giampaolo può tenere ancora fuori Verdi: Lukic gli ha dato garanzie. E in attacco…

Marco Giampaolo teme il Sassuolo, che non porta doni come gli achei a Troia bensì un possesso palla che è volontà di dominio e un progetto solido che potrebbe condurre i neroverdi in cima alla classifica della Serie A. Al suo Torino, il tecnico ha chiesto attenzione ai dettagli, ma anche di ragionare sullo spazio e meno sull’uomo. Anche perché gli avversari che i granata affronteranno sono sguscianti e imprevedibili. A Reggio Emilia, il Toro ha bisogno di punti – “portano entusiasmo, fiducia e fidelizzano l’ambiente”, ha riassunto il tecnico – per risollevarsi dal fondo della graduatoria. Per conquistarli, servirà organizzazione, dal momento che gli uomini – invece – non cambieranno di molto rispetto al k.o. subito dal Cagliari.

Rincon in regia, Bremer favorito su Lyanco

Potrebbe rimanere immobile, intanto, Sasa Lukic. Il serbo ha stupito il tecnico, che lo ha provato da trequartista cogliendo indicazioni degne di nota. E’ in lizza per farsi diamante del 4-3-1-2 al posto di Verdi, ma il ballottaggio si giocherà sino all’ultimo. Certo è,che in panchina, a Giampaolo, serve un rincalzo d’attacco in grado di cambiare la partita, posto che Millico e Zaza saranno ancora fuori dai convocati. Il discorso, rispetto alle ore immediatamente precedenti al Cagliari, non è cambiato.

Così il 24 rischia un’altra esclusione dall’undici, con Bonazzoli che invece è il candidato principale ad affiancare il Gallo Belotti in attacco. A centrocampo, nessuna novità. Rincon sarà il regista, Meité e Linetty agiranno da mezzali. Se Vojvoda e Rodriguez veleggiano verso una conferma, l’altro dubbio del tecnico riguarda chi – tra Lyanco e Bremer – affiancare a Nkoulou. Il favorito è l’escluso di domenica scorsa, ovvero Bremer.

Probabile formazione Torino (4-3-1-2): Sirigu; Vojvoda, Nkoulou, Bremer, Rodriguez; Meité, Rincon, Linetty; Lukic; Bonazzoli, Belotti. A disposizione. Rosati, Ujkani, Ansaldi, Lyanco, Murru, Singo, Gojak, Segre, Verdi, Edera. Allenatore. Giampaolo
Squalificato: Milinkovic-Savic
Indisponibili: Izzo, Millico, Zaza

Marco Giampaolo
Marco Giampaolo, head coach of Torino FC, reacts during the Serie A football match between Torino FC and Cagliari Calcio.

24 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
giogranata
giogranata
1 mese fa

Sono fiducioso. A Reggio Emilia, il Torino, può darci una soddisfazione che, ad oggi, molti se non tutti, credono pura illusione. Peccato sia assente Zaza. Visto Bonazzoli contro il Cagliari, il numero 11 Granata potrebbe essere più utile. E, poi, magari avrebbe segnato il goal dell’ex… Mi auguro, davvero, che… Leggi il resto »

Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
Giankjc (più Toro e meno guinzagli&collari)
1 mese fa

Se quel gaglioffo di un proprietario è confermato da 15anni, per lukic e compagnia zoppicante è il minimo!

Mondo
Mondo
1 mese fa

Ancora Meite? non se ne po più!!!!
Ancora rido quando penso alla bufala messa in giro questa estate, addirittura il PSG che lo cercava 😂😂😂

Alex
Alex
1 mese fa
Reply to  Mondo

Infatt, basta, è un anno, almeno, che non va.. I minuti finali a Cagliari Lukic ha meglio di Meite in tutta la partita quando ha preso il suo posto, non capisco che ci vedano tutti quanti in sto Meite, se proprio ha qualcosa di buono che faccia un po’ di… Leggi il resto »

odix77
odix77
1 mese fa
Reply to  Alex

parere mio… tecnicamente è molto forte e lo è anche fisicamente… ma la gestione della partita è imbarazzante, sembra sempre svagato e lento…

Alex
Alex
1 mese fa
Reply to  odix77

È vero

Mondo
Mondo
1 mese fa
Reply to  odix77

Potenzialmente è forte fisicamente, poi va a vedere i contrasti vinti in queste tre prime giornate e ti accorgi che su 29 contrasti ne ha vinti solo 14, un po poco per uno alto 187cm e 80 kg di peso, in quanto all’essere lento non sembra lo è proprio