Sintesi e commento della sfida tra Inter e Torino, vinta dai nerazzurri grazie al gol di Dumfries nel primo tempo

Perde una posizione in classifica, superato dal Bologna, e chiude undicesimo il girone d’andata. Non basta il coraggio visto a San Siro, più che altro nel secondo tempo. Il Torino controlla nei secondi 45′ ma tira poco o niente e alla fine si arrende alla squadra di Inzaghi. Una formazione con tre differenze rispetto alla sfida al Verona. Il Torino a San Siro cambia un giocatore per reparto. In difesa Buongiorno al posto di Rodriguez, a centrocampo, sulla fascia, Aina e non Vojvoda fermato da un virus gastrointestinale, sulla trequarti Brekalo e non Praet, non al meglio ma comunque in panchina. La partita la fa da subito l’Inter, subito col piglio di chi vuole sbloccare il risultato. Al 10′, su calcio d’angolo, Milinkovic-Savic rischia grosso uscendo a vuoto. Tanti i corner che i nerazzurri guadagnano nel primo quarto d’ora anche se il primo grande spavento è tutto dell’Inter. Sugli sviluppi di un angolo, stavolta calciato dal Torino, Pjaca con un tiro a giro per poco non beffa un Handanovic rimasto immobile: la palla esce di qualche centimetro. La risposta è affidata a Bastoni che al momento del tiro la spara altissima. Altra occasione nerazzurra al 25′, quando dalla combinazione tra Lautaro e Brozovic il portiere del Torino è attento sulla conclusione dal limite del centrocampista: bravo anche Martinez a vedere alle sue spalle il compagno dopo essere stato pescato in area da Calhanoglu. Alla mezz’ora però passano i nerazzurri e lo fanno con una micidiale ripartenza: a trovare l’angolino è Dumfries servito da Dzeko. L’occasionissima per il 2-0 capita poi sui piedi di Lautaro Martinez ma incredibilmente l’attaccante dell’Inter conclude fuori. Timidi tentativi di riaffacciarsi dalle parti di Handanovic per il Toro, ma l’Inter si compatta non rischiando nulla. Si va al riposo sull’1-0 per i nerazzurri.

Il secondo tempo: la punizione di Lukic

Nessun cambio nella ripresa: le squadre tornano con lo stesso undici. Al quarto d’ora il primo cambio di Juric: fuori Sanabria, dentro a sorpresa Warming, e non Zaza. Il danese, già in campo nella ripresa ma praticamente quasi a secco in A, va a sistemarsi proprio al posto del paraguaiano. Cresce il Toro col passare dei minuti anche se non riesce a sorprendere Handanovic. A proposito dell’estremo difensore: al 20′ – poco dopo l’ingresso in campo di Mandragora e Rodriguez – Lukic lo impegna non poco, costringendolo a rifugiarsi in calcio d’angolo. Al 25′ ancora un’occasione per il Torino: è la conclusione di Warming che per poco non porta Bastoni, nel tentativo di deviare in angolo, a quello che sarebbe stato un clamoroso autogol. Alza il proprio raggio d’azione il Torino, si difende l’Inter non riuscendo a ripartire. Al 31′ doppio cambio per Juric: dentro Ansaldi e Praet, fuori Singo e Brekalo. Il pressing del Toro non porta però ai risultati sperati: di tanto in tanto l’Inter si affaccia dalle parti di Milinkovic-Savic ma è la squadra di Juric ad avere il pallino fino all’ultimo. Non cambia nulla nei quattro minuti di recupero: finisce 1-0 per l’Inter.

Vanja Milinkovic-Savic
Vanja Milinkovic-Savic
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-12-2021


25 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
suoladicane
suoladicane(@suoladicane)
1 mese fa

non è con l’Inter che devi fare i punti, certo anche con le altre le occasioni non sono fioccate, questo è il problema si crea gioco ma non si finalizza; comunque rispetto agli ultimi 3 anni sono avanti anni luce e questo è merito del mister e in parte dei… Leggi il resto »

MondoToro
MondoToro(@mondotoro)
1 mese fa

Il compianto Maurizio Mosca fosse ancora vivo ci sfotterebbe con il remake di un suo grande classico “aaaah come perde bene il Torino!”

James71
James71(@james71)
1 mese fa
Reply to  MondoToro

In effetti sarebbe stato meglio fare come il Napoli (vittoria a Milano e sconfitte in casa con Empoli e Spezia…) o forse no… ahahah
PS E perdere bene a volte è mooolto meglio che vincere male…

MondoToro
MondoToro(@mondotoro)
1 mese fa
Reply to  James71

A calcio contano sempre i punti, pare strano ma…il Napoli ha più punti di noi? Mi pare di sì, quindi sì, è meglio uno scivolone ogni 10 vittorie, senza dubbio alcuno.

ardi06
ardi06(@ardi06)
1 mese fa
Reply to  James71

Esempio non proprio azzeccato visto che abbiamo perso con spezia e napoli e i liguri hanno vinto sia con noi che con loro

torofab
torofab(@torofab)
1 mese fa
Reply to  MondoToro

Mosca compianto? da te…uno spara minch**te assurde.
Qualcosa da dire per la sconfitta di misura contro la capolista in casa loro?
La tua analisi quale sarebbe? Al pari di mosca? ah beh allora…

T
T(@t)
1 mese fa

Ormai il copione è noto. Sarebbe stato interessante vedere cosa sarebbe successo se per sbaglio avessimo segnato un gol. L’inter, cosi come tutte le altre prima, ha passeggiato. Basta e avanza. Hanno giocato tutte cosi. Ma noi usciamo a testa alta…

James71
James71(@james71)
1 mese fa
Reply to  T

Pjaca c’era andato vicinissimo sullo 0-0 (e non per caso…) e sarebbe stata dura davvero per l’Inter (partita aperta fino alla fine andando in vantaggio figuriamoci dover ribaltare lo svantaggio…) comunque la difesa continua a subire un solo gol a partita… la quarta in serie A… poi se in futuro… Leggi il resto »

T
T(@t)
1 mese fa
Reply to  James71

Si, si… sarebbe stata davvero durissima per loro…

Inter-Torino 1-0: il tabellino

Inzaghi: “Il Toro è difficile da affrontare, non abbiamo rischiato nulla”