Sintesi e commento di Venezia-Torino, sfida valida per la sesta giornata del campionato di Serie A

Un punto. Dopo l’1-1 con la Lazio, ne arriva un altro meno beffardo sì, ma che comunque lascia l’amaro in bocca ugualmente per l’episodio, ancora un calcio di rigore, che condanna il Torino al pareggio. Ancora Djidji protagonista in negativo della partita, dopo che la squadra di Juric si era portata in vantaggio con Brekalo. Aramu va sul dischetto e come nel migliore dei romanzi realizza il primo gol in Serie A proprio alla sua ex squadra, la squadra di una vita.

Primo tempo: il Venezia sorprende

Non si può parlare di turnover per il Torino a Venezia, non del tutto, perché Juric contro i lagunari manda in campo una formazione molto simile a quella vista con la Lazio, con due eccezioni. C’è Ansaldi dal primo minuto (Aina indisponibile per motivi familiari), in mezzo al campo riposa Mandragora, al suo posto insieme a Pobega c’è Lukic. Per il resto la formazione è la stessa che ha pareggiato con la Lazio, anche se in panchina stasera il croato non ha Pjaca, lo spaccapartite. L’avvio del Venezia sorprende i granata: due conclusioni di Okereke, tra il 13′ e il 17′, scuotono il Torino che dalla parte opposta si rende pericoloso con un cross di Ansaldi che per poco non pesca Singo, anticipato in area. Al 25′ va in vantaggio Johnsen ma è evidente la posizione di fuorigioco del giocatore norvegese del Venezia. Al 29′ Pobega pesca Singo, l’esterno prova a mettere in mezzo un pallone che velocissimo attraversa l’area senza che nessuno possa deviarlo. Ancora Ansaldi al 31′: cross dalla sinistra per Sanabria che spizza ma non centra la porta. Al 36′ resta a terra Vacca: non ce la fa a proseguire il centrocampista del Venezia, Zanetti lo richiama e manda in campo Ampadu. Al 39′ Linetty dal limite: tiro centrale che non dà problemi al portiere del Venezia. Il Toro alza il proprio baricentro negli ultimi minuti ma non riesce a sfondare: si va al riposo sull’1-1.

Secondo tempo: i due gol

Nessun cambio nella ripresa per Juric e Zanetti. Equilibrati i primi minuti della ripresa con una occasione per parte. All’11’ però si accende Singo: l’esterno va sul fondo e serve a Brekalo in area un pallone che va solo spinto in rete. Lo fa il croato, realizzando la prima rete con la maglia del Torino. Il Toro sembra prendere più campo: nel frattempo entra Baselli (prima presenza stagionale) che rileva uno spento Linetty. Al 14’ Milinkovic-Savic, a gioco fermo, “nasconde” il pallone ad Ampadu, che lo sbilancia facendolo cadere: l’arbitro ammonisce entrambi. Al 18’ Zanetti si gioca la carta Aramu: l’ex per la prima volta da avversario affronta il Torino. Al 21’ palla di Ansaldi a cercare Sanabria ma fa buona guardia il portiere avversario. Al 26’ Juric richiama Singo e Pobega, per Vojvoda e Mandragora. Il Toro sembra riuscire a controllare la partita ma il Venezia non si arrende e così al 31’, costruisce l’occasione che porta al rigore. Johnsen in area di tacco serve Okereke, Djidji cade rovinosamente su di lui e l’arbitro indica il dischetto, comminando il secondo giallo al difensore, che salterà il derby. Aramu va sul dischetto e non sbaglia, anche se Milinkovic-Savic intuisce. Nel finale il Toro in dieci (con Zima al posto di Brekalo) riesce a tenere a freno un Venezia rinfrancato dal gol. In pieno recupero una punizione pericolosissima battuta dal Venezia trova la deviazione di Milinkovic-Savic, poi sull’incredibile rovesciamento di fronte, Mandragora fa 70 metri di campo ma al momento del tiro centra il portiere. 

Cristian Ansaldi
Cristian Ansaldi
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 27-09-2021


17 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
ilmondoelaradice
ilmondoelaradice
22 giorni fa

Djidji deve giocare sempre, se no chi garantisce un rigore a partita agli avversari? Zima e Buongiorno sono piú scarsi di questo per giocare contro attaccanti da serie B? Milinkovic deve giocare sempre, se no dove lo trovi un portiere da 2 metri e 5 che si tuffa dal lato… Leggi il resto »

ardi06
ardi06
22 giorni fa

Purtroppo se fai le cose all’ultimo momento e senza completare in ogni caso la squadra non può che essere così. Se sei in forma fai anche bene ma alla fine tra gol mangiati e caxxate in difesa perdi punti. Se sei stanco ed hai giocatori rotti per quello che ha… Leggi il resto »

Davide Junior1968
Davide Junior1968
22 giorni fa

Djidji, Rodriguez, ma la vera colpa di chi è se non di chi, per l’ennesima volta ha allestito la squadra scientemente incompleta? Forse di quella faccia da schiaffi che stava in tribuna con di fianco il tronista?

ardi06
ardi06
22 giorni fa

Ecco appunto

Venezia-Torino 1-1: il tabellino

Aramu: “Il Toro mi è rimasto dentro, mai avrei pensato di fargli il mio primo gol in A”