Primo tempo con più Torino che Juventus, poi Allegri cambia e i granata perdono ritmo: nel finale Locatelli colpisce

Il clima infuocato accende subito la Juve e non il Toro. Così il derby della Mole numero 153 in Serie A – il primo dopo il ritorno dei tifosi negli stadi – inizia con tre occasioni bianconere. Monumentali, le prime due: prima Kean sfugge a Bremer, si infila in area ma incrocia fuori, poi Rabiot anticipa Pobega mette dentro per McKennie che sparacchia alto da pochi metri. Il texano non inquadra la porta nemmeno poco dopo, dal limite; stesso destino del pallone calciato da Singo, nel primo squillo di marca granata. L’undici di Juric si scuote e prende campo, quello di Allegri abbassa i ritmi: intorno al ventesimo, Ola Aina catapulta una rimessa lunga, Lukic colpisce di testa ma manda fuori. Gli altri squilli arrivano nel finale di tempo. Brekalo rientra sul destro e calcia da fuori senza centrare lo specchio, poi Mandragora ci prova da fuori e chiama Szczesny alla paratona, infine Locatelli gira dall’interno dell’area ma trova il muro di Lukic in angolo.

Torino-Juventus 0-1: il secondo tempo

Allegri toglie Kean, la prima punta, e mette un dribblomane, Cuadrado. I bianconeri partono meglio e sfiorano il vantaggio: su cross proprio del colombiano, Sandro colpisce di testa in solitudine, trovando sulla strada per il gol la manona di Milinkovic. In dieci minuti, Valeri ammonisce Sanabria, Lukic e Mandragora: la partita si fa più spigolosa e meno divertente. E la Juve guida le danze. McKennie cerca un compagno e non la porta, forse sbagliando, poi Locatelli calcia alto da fuori. Juric si inventa un Toro con Baselli falso nove, ma i suoi perdono metri. Rabiot accelera e mette dentro, Ansaldi evita un facile tap-in. Poi, a tre dal novantesimo, Locatelli riceve da Chiesa al limite e calcia: è un rigore ma dai 18 metri, conclusione perfetta e Milinkovic battuto. Il Toro non reagisce, Kulusevski prende un palo clamoroso. I granata sono senza armi offensive e la Juve fa melina. Finisce così, con un secondo tempo di grave calo, il primo derby di Juric.

Zima e Chiesa
Zima e Chiesa
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-10-2021


12 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
castellini1970
castellini1970
18 giorni fa

squadra migliori di altre di questa sfortunata era ma ugualmente fastidiosa… prendere gol sempre negli ultimi minuti e giocare questa partita come se fosse col parma vorrà pur dire qualcosa…

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
18 giorni fa

Allegri, che a me fa ca.care come tecnico, ha esperienza. Sapeva che il Toro partiva a razzo ma se non era per un colpo di xulo non avrebbe mai spaventato la difesa. Nel 2 tempo ha fatto entrare gente più fresca ed è finito il Toro. Solo il Liverpool tiene… Leggi il resto »

Casao92
Casao92
18 giorni fa

Belotti è fondamentale. Poi Lucca al Pisa sta’facendo benissimo.

Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
Vanni(CAIROVATTENE IN BELIZE)
18 giorni fa
Reply to  Casao92

Ma si. Qui c’è gente che dice che non è indicato a giocare con Juric. Capiscono una fava. Guardate le mer.de con la classe che hanno, senza prime punte, faranno poco in campionato ed Europa. Ci vanno giocatori di ruolo in ogni posto. Certo ora loro, senza punte, giocano così.… Leggi il resto »

Casao92
Casao92
18 giorni fa

5221.un regista e 2 trequartisti.

natali giancarlo
natali giancarlo
18 giorni fa

Come sempre accade sono i “dettagli a fare la differenza” in una partita dove obiettivamente abbiamo fatto il massimo fattibile in rapporto ai ns.evidenti limiti.Saranno le prossime tre con le liguri a dirci qual’è la ns. dimensione,sperando di recuperare qualcuno che “tiri in porta” o tenti di farlo.Direi che siamo… Leggi il resto »

Casao92
Casao92
18 giorni fa

Prendiamo spesso gol negli ultimi minuti.

Torino-Juventus 0-1: il tabellino

Locatelli: “Il gol nel derby? Emozione fantastica”