Davide Nicola ha parlato del primo derby che vivrà da allenatore del Toro, del suo passato e del legame che lo unisce al club granata

Il tecnico granata ha parlato ai microfoni di Dazn. Ovviamente uno dei temi affrontati è il primo derby per Davide Nicola da allenatore del Toro. In vista del match contro i bianconeri il tecnico granata ha dichiarato: “C’è una grande curiosità, una grande voglia di far bene e c’è soprattutto la consapevolezza che il Torino, facendo un certo tipo di percorso, può essere competitivo contro chiunque. Per me la Juve è una grande squadra che ha dimostrato negli anni di esserlo; sono campioni d’Italia, poi se oggi sono primi o terzi non importa”. Invece alla domanda su quale derby gli viene in mente chiude gli occhi e afferma: “Nella storia di questa sfida, penso al derby ribaltato dal Torino dallo 0-2 al 3-2, fu qualcosa di incredibile. Recentemente anche noi abbiamo vinto una partita ribaltando così il risultato ed è gratificante. Il nostro sarà però un altro derby, tutto da scrivere e interpretare nel migliore dei modi”.

Nicola: “Il Toro rappresenta la giusta sintesi professionale e emotiva”

Sul Toro Nicola ha dichiarato: “Per me il Toro rappresenta la giusta sintesi professionale ed emotiva, sono consapevole di essere in una squadra di prestigio, un grande club e la parte emotiva è la soddisfazione e gratificazione di rappresentare la nostra gente”. Sui ricordi in granata ha detto: “Il ricordo più piacevole è proprio il Filadelfia È un centro sportivo che ha una storicità, una storia e anche una magia particolare. Non solo perchè qui giocava una squadra incredibile, ma anche perchè qui fu la prima volta che venni a parlare con l’avvocato Cozzolino per poter entrare nel settore giovanile”. Tornando all’attualità sugli abbracci in cerchio a fine partita ha dichiarato: “Per noi è una cosa molto seria e piacevole, intanto perchè è un briefing, in quel momento è finita la partita e per me è importante consolidare dei messaggi, e ritrovare la coerenza con quello che ci siamo detti prima di svolgere la partita”. 

Belotti, Zaza e… quel profilo Linkedin

Proseguendo nell’intervista Nicola su Belotti ha detto: “Uno dei miei scopi è quello di rendere tutti i giocatori consapevoli che ognuno di loro ha una unicità. Ha una qualità che un altro compagno non ha. Ognuno di noi è unico e nel caso di Andrea, lui è un giocatore che sicuramente ha la capacità di farsi apprezzare, oltre per le sue qualità tecnico-tattiche, anche per il suo spirito indomito di voler lottare su ogni pallone. Trasmette la capacita, a chi lo guarda, di potersi immedesimare. Andrea è anche bravo a fare assist, non un giocatore che è solo bravo nell’essere un finalizzatore.” Invece su Zaza ha dichiarato: “È una persona che ha una sensibilità importante. Io non lo conoscevo personalmente, conoscevo il giocatore ma non conoscevo l’uomo. A me ha dato segnali di grandi valori”. Infine sul fatto che Nicola ha un profilo Linkedin ha commentato: ”È un social specifico, ci si può confrontare. Ovvio che io non lo utilizzo per cercare lavoro, ma per pubblicare argomenti inerenti al mio lavoro.

Davide.Nicola
Davide.Nicola
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-04-2021


3 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
mas63simo
mas63simo (@mas63simo)
7 mesi fa

Più che competitivi con tutti direi più… inadeguati con tutti !

bogaboga77
bogaboga77 (@bogaboga77)
7 mesi fa

E fu così che anche toro.it si è imputtanito di pubblicità.
Occhio a non calcare le orme di altri siti fallimentari prima e dopo le ristrutturazioni…. Però almeno qui ci risparmiamo le faziosità filopresidenziali. Per ora…
Forza Toro e forza Nicola

madde71
madde71 (@madde71)
7 mesi fa
Reply to  bogaboga77

citano il derby del 3-2,icona certo,ma anche il gol di Serena al 9omo,Zaccarelli nel 3-2 del 75 li ho nel cuore

Ansaldi: “Abbiamo giocato molto meglio della Samp”

Pirlo: “McKennie, Dybala e Arthur non saranno convocati per il derby”