Il Torino si prepara ad affrontare il Napoli nella gara valida per la 19ª giornata di Serie A: l’analisi degli uomini di Mazzarri

Archiviata la gara contro la Fiorentina, il Torino prosegue la preparazione per affrontare il Napoli di Walter Mazzarri. Un Napoli che nell’ultimo mese ha attraversato parecchie difficoltà: dalla pesantissima sconfitta in Coppa Italia contro il Frosinone fino alla disfatta dell’Olimpico contro la Roma, dal quale gli azzurri sono usciti in 9, a causa delle espulsioni di Politano e Osimhen. Eppure, dopo l’esonero di Rudi Garcia, il ritorno in panchina di Mazzarri sembrava aver dato un certo brio all’ambiente, che lo aveva accolto con grande entusiasmo. L’avventura sulla panchina partenopea era iniziata nel migliore dei modi, grazie alla vittoria sul campo dell’Atalanta. Poi, anche a causa di un calendario difficilissimo, il Napoli ha raccolto 0 punti nelle successive tre gare, contro Real Madrid, Inter e Juventus. Ora la sfida al Torino dopo il pareggio contro il Monza, con l’obbiettivo di risalire la china.

Gli uomini da tenere d’occhio

In vista della gara contro il Napoli Alessandro Buongiorno e compagni dovranno prepararsi al meglio per affrontare il match con la giusta attenzione. Al Grande Torino mancheranno Victor Osimhen e Zambo Anguissa, partiti per la Coppa d’Africa. Ma al centro dell’attacco gli azzurri dovrebbero affidarsi alla qualità di Giacomo Raspadori, un cliente scomodo per le difese di Serie A. Particolare attenzione anche agli inserimenti di Zielinski, spesso pericoloso tra le linee. Mentre sulla fascia destra bisognerà fare attenzione alle cavalcate del capitano Giovanni Di Lorenzo che sì sa svolgere un’ottima fase difensiva, ma è anche molto bravo ad attaccare gli spazi in area di rigore.

La probabile formazione

Probabile formazione Napoli (4-3-3): Gollini; Di Lorenzo, Rrahmani, Juan Jesus, Mario Rui; Cajuste, Lobotka, Zielinski; Politano, Raspadori, Kvaratskhelia. All. Walter Mazzarri. A disp. Contini, D’Avino, Zanoli, Ostigard, Lindstrom, Zerbin, Gaetano, Simeone.

Walter Mazzarri, head coach of Cagliari Calcio, looks on prior to the Serie A football match between Torino FC and Cagliari Calcio.
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 03-01-2024


7 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Andreas
1 mese fa

ma come si fa a trovare stimoli, grinta, voglia di andare oltre, di riprendere un parziale negativo, di provare a vincerla negli ultimi minuti anche se sei svantaggiato, acquisire una mentalità vincente se non si ha mai un obbiettivo dichiarato? Sta storia di migliorarsi ogni partita come obbiettivo la trovo… Leggi il resto »

oasis torino
1 mese fa
Reply to  Andreas

Questa la sua ultima dichiarazione: “Obiettivi? A fine campionato vedremo” che stimoli può dare una dichiarazione del genere?

Andreas
1 mese fa
Reply to  oasis torino

Frase già sentita “un po’” di volte in casa Toro

Andreas
1 mese fa
Reply to  oasis torino

una non risposta che esprime una risposta lapalissiana ovvero ” non abbiamo obbiettivi”. Nuovamente!

oasis torino
1 mese fa
Reply to  Andreas

Ovviamente…

Filippo Bull
1 mese fa

……e noi cn l’obbligo di rilanciarli? Spero di no ma purtroppo siamo maestri in questo 🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️🤦‍♂️

oasis torino
1 mese fa

E cairese con obbligo di galleggiare fra dodicesimo e nano posto.

Juric: “Non si può prendere un gol così, non meritavamo di perdere”

Mazzarri: “Torino una signora squadra. Politano? Spero di recuperarlo”