Torino, un dubbio per Mazzarri: Zaza favorito in attacco

di Francesco Vittonetto - 31 Luglio 2019

La probabile formazione di Mazzarri per Debrecen-Torino: Zaza più di Rincon e Millico. Per il resto dieci undicesimi del “Moccagatta”

Guai ad abbassare l’intensità, l’avviso di Mazzarri. A Debrecen non sarà un viaggio di piacere per il Torino, che nonostante la vittoria per 3-0 nella gara d’andata di Alessandria dovrà ben guardarsi dalla voglia di rivalsa dei padroni di casa. “Dobbiamo fare il nostro gioco, cercare di prevalere sull’avversario: come è nella nostra mentalità”, ammonisce WM. Che, a coloro che gli chiedono della formazione, risponde con un sorriso sornione. Bocca cucita. Al suo Toro mancheranno Falque, Lukic e Lyanco, oltre ai lungodegenti Djidji, Edera e Parigini. Ma le alternative sono maggiori di quanto non faccia trasparire l’elenco dei convocati, infarcito di ragazzi.

Torino, in attacco favorito Zaza

Proprio un ragazzo può giocarsela per il posto di Iago, là davanti. Millico è infatti tra i candidati per sostituire lo spagnolo nei due che sosterranno il Gallo Belotti – l’altro sarà Berenguer -, sebbene non sia il favorito numero uno. Se la gioca infatti con Rincon – ma per lui c’è l’incognita minutaggio – e Zaza. E ad essere in leggero vantaggio è proprio quest’ultimo.

“Si sta impegnando più degli altri”, lo ha elogiato WM. Dopo il gol all’andata e il ritiro da goleador col sorriso, il lucano potrebbe prendersi l’attacco in un 3-4-2-1 che a tratti diverrebbe più 3-4-1-2. Ma i numeri, compreso il 3-0 dei primi novanta minuti, contano fino a un certo punto. La testa e il fisico saranno cruciali.

Da Izzo a Baselli: le certezze di Mazzarri per il Debrecen

Per il resto nulla cambierà rispetto al “Moccagatta”. Sirigu a guardia dei pali, davanti a lui ancora Bremer in trio con Izzo e Nkoulou. Sulle fasce De Silvestri e Ansaldi, in mezzo Baselli e Meité. Poi, poche alternative in panchina. Detto di Rincon e Millico, che resterebbero i principali candidati a subentrare nel corso del match, Mazzarri avrà con sé Bonifazi e gli ex Primavera Gilli, Singo e Rauti.

Ma poco importa, perché al tecnico tutti danno le giuste garanzie: “Basta vedere il girone di ritorno dello scorso anno: chiunque abbia giocato, ha sempre fatto bene”. Questione di mentalità.

Probabile formazione Torino (3-4-3): Sirigu; Izzo, Nkoulou, Bremer; De Silvestri, Meité, Baselli, Ansaldi; Berenguer, Belotti, Zaza. A disp. Rosati, Bonifazi, Gilli, Singo, Rincon, Millico, Rauti. All. Mazzarri.
Squalificato: nessuno
Indisponibili: Djidji, Edera, Falque, Lukic, Lyanco, Parigini, Zaccagno

più nuovi più vecchi
Notificami
Denis-Joe
Utente
Denis-Joe

a me piacerebbe vedere Bonifazi e capire se ci sono veramente tutte queste buone ragioni per cederlo.
#iosonoapostoanchesenzabonifazi

TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!
Utente
TorinoGranata (ex GD) contento ma non accontentista!

mazzarri non prenderà sotto gamba la partita. metterà la miglior formazione possibile e millico credo a partita in corso. bisogna poi tener presente la condizione no ancora ottimale. quindi anche i cambi vanno gestiti a meglio.

giogranata
Utente
giogranata

Io spero che il Presidente Cairo capisca che la coperta è corta. Serve, oltre a Verdi, pure uno o due innesti a centrocampo, soprattutto in ottica 3 competizioni da affrontare in questa stagione. Zaza, secondo me, farà una grande annata calcistica ma, questa sera, punterei su Millico. Comunque, come ogni… Leggi il resto »