Dai Peones a Lerda e l'inizio dell'era Petrachi: il 2010 del Torino - Toro.it

Dai Peones a Lerda e l’inizio dell’era Petrachi: il 2010 del Torino

di Andrea Piva - 27 Dicembre 2019

2010-2019, la storia dell’ultimo decennio del Torino tra gioie e delusioni, speranze e rammarichi / Parte 1: con il 2010 è iniziata l’era Petrachi

Il decennio 2010-2019 per il Torino non è iniziato nel migliore dei modi: il 2010 è stato un anno di delusioni e di speranze tradite, ma è stato soprattutto un anno di tanta, troppa serie B. E’ stato però anche l’anno che ha segnato l’inizio dell’era Gianluca Petrachi in qualità di direttore sportivo: a fine dicembre 2009 era stato ingaggiato per affiancare Rino Foschi, ma ufficialmente è dal 6 gennaio che è diventato il responsabile del mercato granata. L’anno si è aperto con Mario Beretta come allenatore ma, dopo la sconfitta con il Cittadella del 9 gennaio, è stato esonerato e al suo posto è tornato Stefano Colantuono che ha guidato la squadra fino al termine del campionato 2009/2010. Nella seconda parte dell’anno è stato invece Franco Lerda l’allenatore del Torino.

Il 2010 del Torino: le tre partite

16 gennaio 2010 Torino-Grosseto 4-1: la prima partita del Colantuono bis. In un clima di contestazione, con lo stadio lasciato appositamente quasi del tutto vuoto dai tifosi, il Torino iniziò la propria rimonta in campionato, dopo essere scivolato a metà della classifica di serie B. Dopo la rete di Pichlmann, che permise ai toscani di passare in vantaggio, Bianchi, Leon, Pià e Gasbarroni firmarono la rimonta granata.

13 giugno 2010 Brescia-Torino 2-1: finale di ritorno dei playoff. Dopo lo 0-0 dell’andata, con il gol annullato ad Arma nel recupero e i rigori non dati per le gomitate in area di Mareco su Bianchi, il Torino aveva un solo risultato utile per essere promosso in serie A: la vittoria. Ma al Rigamonti finì 2-1 per i padroni di casa, in vantaggio già nel primo tempo con Possanzini. Nella ripresa raddoppiò Caracciolo su rigore poi, all’86’, Arma riaprì la partita. Ma non bastò.

4 settembre 2010 Torino-Crotone 1-1: dopo due sconfitte nelle prime due partite contro Varese e Cittadella, il Torino contro il Crotone conquistò il primo punto del campionato 2010/2011. Ma quel 4 settembre scese in campo quella che probabilmente è la formazione più scarsa di oltre un secolo di storia granata: Rubinho, Filipe, Carrieri, Rivalta, Garofalo, De Vezze, Zanetti, Sgrigna, Gasbarroni, Iunco, Pellicori. Non a caso quel Torino ottenne il secondo peggior piazzamento della storia granata: ottavo posto in serie B.

Il 2010 del Torino: l’evento

Il 2010 è stato l’anno dei “Peones”. Appena insidiatosi come direttore sportivo del Torino, Gianluca Petrachi mise a segno una serie di acquisti di giocatori poco conosciuti ma che furono autori di un ottimi girone di ritorno del campionato 2009/2010. I cosiddetti “Peones” erano il portiere Davide Morello, i difensori Danilo D’Ambrosio, Rocco D’Aiello, Agostino Garofalo, i centrocampisti Manolo Pestrin, Gael Genevier, Ahmed Barusso, Luigi Scaglia, Giuseppe Statella, Filippo Antonelli Agomeri e l’attaccante Mario Salgado.

più nuovi più vecchi
Notificami
Ultrà
Utente
Ultrà

va beh…gli altri 9 articoli son stati scritti e pronti per essere pubblicati…guardiamo avanti…qualcosa che non sappiamo?