Il difensore albanese paga con un errore decisivo la poca confidenza con il campo, ma Mihajlovic non lo boccia. Le reti subite intanto salgono a 33

Empoli, minuto 47, il Toro sta cercando di amministrare gli ultimi secondi del primo tempo per poter andare al riposo sull’1-0. La palla è tra i piedi di Arlind Ajeti, l’uomo forse più atteso della sfida, che prova con un retropassaggio a servire Hart per mettere in cassaforte i seguenti dieci minuti di tranquillità. Il campo pesante, però, rallenta vistosamente la corsa della sfera: Pucciarelli è lesto ad approfittarne depositando alle spalle del portierone inglese la rete del definitivo 1-1. L’errore di valutazione del difensore albanese è evidente. “Gli ho detto che quando vede un campo in queste condizioni, che ci ha penalizzato, o dà il pallone più forte o lo alza”, il commento a caldo di Sinisa Mihajlovic. Ingenuità fatale che, insieme all’errore di Falque dal dischetto, rimanda ancora l’appuntamento del Toro con la prima vittoria del 2017.

E dire che questa prima occasione in campionato Ajeti, primo acquisto estivo dei granata, la stava aspettando da sette mesi. Nel mezzo solo la passerella contro il Pisa, troppo poco per pensare di insidiare la titolarità di Rossettini, Castan e Moretti. Opportunità macchiata, inevitabilmente, da quell’ingenuo errore. Bocciatura definitiva? Improbabile. Le vetrine per il centrale classe ‘93 non finiranno certamente con la gara del “Castellani” di Empoli. Ora che il fisico gli ha finalmente permesso di mettersi al passo con i compagni, il centrale ex Frosinone ha bisogno di ritrovare la confidenza con le dinamiche e l’agonismo del rettangolo verde, anche quando appesantito da un insidioso diluvio. Mihajlovic, però, ha fiducia nelle sue caratteristiche, uniche nell’organico granata: “E’ uno dei migliori che abbiamo. Sull’uomo è più bravo degli altri, è il classico marcatore”, aveva detto il tecnico alla vigilia.

Se la topica di Ajeti sia figlia dell’ingenuità, della poca sicurezza in campo o, invece, della voglia impulsiva di riprendere sicurezza nei propri mezzi è poco importante. A contare è il fatto che il Toro si sia scontrato nuovamente con la sua più grande debolezza: quella fragilità difensiva che ha causato già 33 gol in campionato. Ora che anche il centrale albanese ha rotto il ghiaccio (seppur in maniera poco convincente) le alternative per mescolare le carte nel reparto non mancano, con l’auspicio che l’alchimia giusta possa finalmente essere trovata.


102 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
io del 1961
io del 1961(@io-del-1961)
4 anni fa

Riguardo ad Ajeti gia’ processato per un retropassaggio, io direi, quanto abbiamo provato MARTINEZ, quanti anni? Quanto abbiamo provato PADELLI? Quanti anni? PRIMA DI BOCCIARLI? Questa redazione gia’ Bocciava Hart ( me lo ricordo bene) dopo tre partite…. Adesso ricominciamo con Ajeti? Ma per piacere, magari e’ solo per fare… Leggi il resto »

Topogigio
Topogigio(@donald-trump)
4 anni fa

@ Redazione e fratelli più moderati – Prima di ritornare nella fogna da dove qualcuno ritiene io provenga una cosa seria la voglio scrivere stasera. Non riesco proprio a capire la deriva autoritaria che ha preso questo forum. Ostaggio di alcuni di loro che, irrispettosi delle opinioni altrui e pronti… Leggi il resto »

max63
max63(@max63)
4 anni fa
Reply to  Topogigio

Ma cosa mi dici mai?

granatina
granatina(@granatina)
4 anni fa
Reply to  Topogigio

“Adolescenti cerebrolesi” invece è da persona educata e soprattutto sensibile. Complimenti per la lezione di civiltà, che dimostra comunque come tu sia della stessa pasta di quelli che accusi.

Topogigio
Topogigio(@donald-trump)
4 anni fa
Reply to  granatina

Non capisco perchè tu mi risponda così. E’ evidente che quella frase si riferisce ad un certo tipo di adolescenti non a tutti ed è altrettanto evidente che io non sono della stessa pasta e soprattutto che tu non fai parte del gruppo degli insultatori seriali.

rimbaud
rimbaud(@rimbaud)
4 anni fa

Fa specie siano stati incassati 15+13+25 =53 milioni dalla difesa e ne siano stati spesi la bellezza di circa 2 tra Rossettini e Carlao..

rimbaud
rimbaud(@rimbaud)
4 anni fa
Reply to  rimbaud

dimenticavo i 4 di De silvestri per un totale di 6..soldi spesi bene..

Baselli-El Kaddouri, il marocchino non si fa rimpiangere

Torino, dopo la pausa si torna a lavorare: pomeriggio in Sisport