Ansaldi: "Europa meritata, adesso dipende solo da noi" - Toro.it

Ansaldi: “Europa meritata, adesso dipende solo da noi”

di Ivana Crocifisso - 12 Luglio 2019

Il terzino del Torino, Cristian Ansaldi, parla dal ritiro di Bormio in conferenza stampa: ecco le sue dichiarazioni

nostro inviato – Dal ritiro di Bormio, è Cristian Ansaldi a presentarsi in sala stampa per un incontro con i media. Il terzino argentino parlerà di questi primi giorni di preparazione, culminati con l’amichevole contro la Bormiese, e dell’avventura in Europa League che attende il Torino. Ecco le sue parole: “Mi sento bene, rispetto ad altri anni ho lavorato di più prima di arrivare a Bormio. Si sta lavorando già forte”. Anche perché c’è l’esordio in Europa da preparare. A proposito di Debrecen: “Impressione mia è che dal punto di vista fisico queste squadre ne abbiano di più. Stanno lavorando da un mese, ma questo non deve essere importante per noi”.

Ansaldi sull’Europa League

Sul traguardo europeo: “Lo avevo detto a un tifoso sui social, questo è l’anno in cui faremo la storia. La stagione è finita così, sentivo che sarebbe successo, adesso dipende da noi. Abbiamo un’opportunità e non vogliamo lasciarla sfuggire per dimostrare ai tifosi che noi teniamo a giocare in Europa League, quello che per noi è un sogno”.

“Uno deve sempre avere fiducia, io ho fede innanzitutto in Dio, quando lui permette le cose c’è un disegno dietro. Se ha visto che noi abbiamo fatto una bella stagione non è una casualità essere qui, abbiamo fatto le cose giuste”.

C’è una forte motivazione, la voglia di vincere, sono tutti carichi. Mazzarri? Lui è il nostro capo, lui è la persona che dobbiamo seguire“. Poi sul futuro: “Mi sento benissimo a Torino, la mia famiglia anche e questo è importante. Io voglio aiutare la squadra e lasciare il meglio di me. Poi questo per noi è un lavoro quindi non si può mai dire”.

Un passo indietro al girone di ritorno che ha portato al settimo posto, con un passo però da Champions: “Ritmo Champions nel ritorno? Credo che nel girone d’andata ci fosse bisogno di capire bene i meccanismi e il lavoro del mister, di solito quando arrivano tanti giocatori ci vogliono almeno cinque o sei mesi. Izzo, Djidji, Meité: sono arrivati ed erano nuovi, ora conoscono tutto quanto bene”. Il quarto posto e quindi la Champions è obiettivo troppo ambizioso? “Io credo che fare meglio credo sia obiettivo di ogni persona, non è solo una prerogativa del calcio, credo faccia parte di qualunque persona migliorarsi ogni giorno e ogni anno”.

E su quello che ancora manca alla squadra: “Forse la maturità, quella che in questi mesi è cresciuta, ora c’è convinzione

Sul sistema di gioco: “Col 3-4-3 devo coprire di più o di meno? Dipende anche da chi c’è di fronte, dipende dagli avversari”. Poi sui numeri di maglia e su Falque: “Il dieci di Falque? A lui piace e credo lo abbia meritato”.

“Questo è il mio quattordicesimo anno da professionista, ho avuto a che fare con tanti spogliatoi ma questo è intanto un gruppo di bravi ragazzi, siamo una bella famiglia”.

“Berenguer ha preso fiducia”

Poi Ansaldi si sofferma su Berenguer, possibile titolare ad Alessandria nel 3-4-3: “Ha qualità, rapidità, la squadra ne ha bisogno, ha preso fiducia giocando nell’ultimo periodo e ha dimostrato che può crescere”.

“Zaza? Un ottimo giocatore, io sapevo quello che poteva dare poi è difficile per un attaccante dato che tutti si aspettano sempre 15 gol. Spesso non si vede il resto, ma lui è anche un difensore in più come il Gallo. Capisco i tifosi, ma non sempre devi aspettarti i gol, contano anche altre cose, come gli assist. Se resta sono contento, certo. Poi come uomo è incredibile, lo conosco come persona e avere persone così aiuta non poco la squadra”.

più nuovi più vecchi
Notificami
Ultrà
Utente
Ultrà

“Il mister ci dice che dobbiamo capire velocemente i nostri avversari. L’anno scorso è capitato che abbiamo giocato bene con il Milan, l’Inter e la Juventus, ma quando si è giocato contro il Chievo o altre squadre meno forti siamo stati meno concentrati ed è questo che dobbiamo superare. E’… Leggi il resto »

Vanni(CAIROVATTENE)
Utente
Vanni(CAIROVATTENE)

Ma glieli darà i premi partita? Una volta si usava.

Ultrà
Utente
Ultrà

è Dio che ha fatto sbarellare i conti al Milan?!?