I precedenti di Fabio Maresca con il Torino: i granata hanno collezionato 6 vittorie, un pareggio e tre sconfitte con il fischietto di Napoli

Pera Milan-Torino ecco che torna Fabio Maresca, fischietto di Napoli, a dirigere la gara in programma per sabato alle ore 20.45. Sono passati pochi mesi dal suo ultimo precedente, che lo ha visto in campo per il derby della Mole giocato a luglio a causa dello slittamento del campionato. L’unico neo di quel match è un rigore dubbio da affidare ai granata per un intervento di Cuadrado ai danni di Belotti, che eprò avrebbe cambiato poco in termini di risultato. Juventus-Torino, terminata per 4-1 a favore dei bianconeri è stata per lui la terza direzione stagionale con i granata, che con l’Udinese hanno strappato una vittoria per 1-0. Si è aggiunta una macchia al suo curriculum nella sfida tra granata e friulani: il fischietto di Napoli ha infatti tolto un gol valido a Simone Edera, che avrebbe portato il Toro al raddoppio, fischiando prima che calciasse e vanificando quindi anche la possibilità di ricorrere al Var.

Toro, Maresca ed il 3-0 contro l’Inter

Il Torino ritroverà di fronte a sé l’arbitro di Napoli Fabio Maresca, che ha diretto i granata anche con l’Inter, lo scorso novembre, 3-0 per i nerazzurri. Una designazione arbitrale che già lo scorso anno con l’arbitro partenopeo aveva visto il fischietto dirigere i granata proprio con l’Inter, nella vittoria del Toro per 1-0. Era il 27 gennaio scorso e in quell’occasione qualche errore Maresca l’ha commesso, risultando a tratti confuso ma senza tuttavia influenzare in maniera negativa il match.

Maresca e il Toro nel 2018/2019

Nella stessa stagione 2018/2019, poi, il fischietto della sezione AIA di Napoli diresse anche la vittoria interna del Torino contro la Sampdoria che si arrese per 2-1. Una sfida decisamente più complicata di quella contro l’Inter nella quale il direttore di gara viene salvato solo parzialmente dall’intervento del Var. La decisione più dubbia arriva al 43′: cross di Baselli, De Silvestri devia di testa ma al centro dell’area ospite è Belotti il protagonista. Il Gallo viene vistosamente strattonato da Andersen e, mentre tutto lo stadio si aspetta il calcio di rigore, per Maresca richiamato anche dal Var ci sono gli estremi solo per una punizione. E per giunta in favore della Sampdoria. Medesima decisione presa in apertura di match quando il braccio di Murru in area non solo non viene punito da Maresca, anche in questo caso richiamato dal Var, ma il direttore di gara concede la punizione agli ospiti per un precedente fallo di Baselli.

Maresca e il Torino: i precedenti dell’arbitro di Napoli

Prima di Torino-Inter e Torino-Sampdoria, Maresca aveva diretto anche la sfida interna contro l’Empoli, a Santo Stefano, vinta dai granata con un netto 3-0. Nella stagione precedente, il campionato 2017/2018, sono invece arrivati un pareggio e una sconfitta. Il pari risale alla sfida interna contro il Milan, chiusa sull’1-1 grazie al gol di De Silvestri in risposta alla rete di Bonaventura mentre la debacle riguarda la sfida persa per 3-0 contro la Roma all’Olimpico. Un match che non ha creato particolari problemi a Maresca.

Tutto liscio anche nel primo precedente della stagione 2016/2017, quando il Torino vinse per 1-0 sul Genoa grazie ad un gol di Belotti e iniziò nel migliore dei modi la sosta natalizia. Il secondo incrocio con Maresca, invece, arrivò nella sfida interna contro il Pescara. Il 5-3 finale – segnato dalla “doppietta” di Ajeti, autore di un autogol e di un gol – non presentò particolari difficoltà.

Nel complesso, il Toro ha disputato ben 10 sfide con Maresca alla direzione e i precedenti sorridono ai granata che da queste hanno ottenuto 6 vittorie, 1 pareggio e 3 sconfitte.

TAG:
home

ultimo aggiornamento: 07-01-2021


2 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
forzapupi
forzapupi (@forzapupi)
11 mesi fa

un nome, una garanzia 😛

maurone
maurone (@maurone)
11 mesi fa

Un arbitro comunque mediocre

Cairo: “La strada è giusta, abbiamo dimostrato di essere compatti e vogliosi”

Un punto d’oro, ma in casa la vittoria manca ancora: i Top e i Flop di Torino-Verona