Romero su Belotti: “Una punta fa molto per la squadra se segna 20 gol”

di Redazione - 19 Febbraio 2019

L’ex presidente del Torino Attilio Romero è intervenuto nel corso di Napoli-Torino per commentare la situazione dei  granata di Mazzarri. E su Belotti…

Non le ha certo mandate a dire, l’ex presidente del Torino Attilio Romero. Nel corso di Napoli-Torino, ai microfoni di Radio Crc, è intervenuto così riguardo al momento recente di Andrea Belotti: “Leggo che fa molto per la squadra. Secondo me una punta fa molto per la squadra se segna dai venti gol in su”. Sulla presidenza Cairo, poi, Romero la pensa così: “Cairo sta facendo bene e sono contento di come sta conducendo il Toro. Se non altro per l’equilibrio finanziario che sta mantenendo. Detto questo un salto, come l’Atalanta, ancora non l’ho visto”.

Romero, ex presidente Torino: “Cairo? Manca il salto di qualità”

Romero ha anche parlato, sempre nell’intervista a Radio Crc, della gestione di Mazzarri nel corso di questa stagione: “Credo stia facendo un buon lavoro. L’area in cui si muove il Torino è alta”, ha chiosato l’ex presidente granata.

più nuovi più vecchi
Notificami
remy
Utente
remy

Crepa tilli, e prendi anche la cristillen di sto ca z zo.

Lovi
Utente
Lovi

Questo era Presidente “senza portafoglio” quando fallì il Toro, Cairo è il Presidente che ha fatto fallire gli ideali, il senso di appartenenza e la comunità granata. Per me sono sullo stesso livello. Indegni per motivi diversi, con la differenza che uno è tifoso e l’altro no.

mcmurphy
Utente
mcmurphy

Beh,con tutta l’avversità che ho verso Cairo e ti assicuro che è tanta,paragonarlo al lecchino seriale degli agnelli,messo lì apposta per fare i loro imbrogli e spingerci verso il baratro è veramente grossa,quell’invertebrato ballava sul ponte mentre la nave affondava e ha coperto tutto,anche le bustarelle dell’altra merd.Mazzola,lasciamo perdere perché… Leggi il resto »

leomaratona
Utente
leomaratona

un presidente del toro che scriveva i discorsi per l’avvocato agnelli… ma perché al toro non arriva un mafioso russo o uno sceicco arabo a fare il presidente invece di questi personaggi penosi?