Belotti, a Superga la lettura dei nomi del Grande Torino: ma la piazza è divisa

41
Belotti Superga
CAMPO, 29.10.17, Torino, stadio Olimpico Grande Torino, TORINO-CAGLIARI, nella foto: Andrea Belotti

Tra calciomercato (le voci sul Milan) e rendimento nel Torino, Andrea Belotti non vivrà il suo miglior 4 maggio a Superga: la contestazione non è un’opzione, ma qualche dubbio sull’attuale capitano resta

Quando la barca affonda, il capitano è il primo responsabile. È così, è sempre così. Andrea Belotti, nel Torino, paga in questo momento l’onere della corona. Perché i tifosi granata si sarebbero aspettati ben altra stagione, e la mancanza di gol e di punti ha chiaramente influito in maniera negativa sull’umore della piazza. Ora, si avvicina il 4 maggio, e a Superga, come sempre, si terrà la lettura dei nomi degli Invincibili: un compito che spetta al capitano del Toro, a Belotti appunto, pur se in questo momento la popolarità del numero 9 granata è tutt’altro che in ascesa.

Torino, crisi Belotti: dubbi su Superga, ma nessuna contestazione

Non c’è dubbio che Belotti venga sollevato dal suo incarico: è il capitano del Torino, sarebbe un evento senza precedenti, e poco giustificato rispetto a momenti ben più duri vissuti dalla storia del Toro, nel periodo di Superga. Anche per questo motivo, nei tifosi i dubbi circa una possibile contestazione alla basilica, nel giorno del ricordo del Grande Torino, sono davvero molto pochi: sarebbe un atto davvero molto grave che non si può considerare e che andrebbe ben oltre il significato profondo della giornata che si vivrà domani. Eppure, Belotti è in un momento particolarmente difficile, e la piazza su di lui è divisa.

Calciomercato Belotti: il Milan è sempre alla finestra. Lui non prende posizione e i tifosi si arrabbiano

Quel che più di tutti sta facendo arrabbiare i tifosi è la non presa di posizione, che dura ormai da una stagione, di Andrea Belotti in tema di calciomercato. Soprattutto perché il Milan continua a farsi sotto per l’attaccante: piace moltissimo a Gattuso, convinto che la crisi che ha vissuto quest’anno sia dovuta principalmente a un fattore fisico, cioè l’infortunio dal quale è guarito forse troppo frettolosamente. Nessun “resto al Toro“, nessuna possibile smentita. È chiaro: l’attaccante vuole fare del suo meglio per la squadra, ed è fuori discussione. Ma questa mancanza di empatia ai tifosi sta piacendo poco, di qui la divisione intorno al tema di Superga. Un tema delicatissimo, che però non cambia la sostanza delle cose: il 4 maggio sarà il giorno del Grande Torino, e della lettura dei nomi da parte di Belotti. Forse per l’ultimo anno? Questo sarà il mercato a stabilirlo.

più nuovi più vecchi
Notificami
vecchiocuore1906
Utente
vecchiocuore1906

Ma cos’è siamo diventati come i gobbi adesso? Ha forse mai fatto mancare l’impegno? Non ha sudato la maglia??? E’ una stagione storta iniziata male ed ovviamente con problemi di forma che si porta tutt’ora. Non lo ritengo un attaccante da 30 gol a stagione e se dopo questo campionato… Leggi il resto »

sololamaglia
Utente
sololamaglia

La moglie gli avrà devastato il cervello: normale che accada ma a quelli deboli come lui ci vuole tempo per abituarsi …..

leonardo (Cairo,le scuse sono finite)
Utente
leonardo (Cairo,le scuse sono finite)

Il 4 maggio è una cosa a parte…..e deve restare il 4 maggio…x come la vedo io…contestazioni e quant’altro devono restare fuori…Non è né il luogo né il giorno….ovunque ma non li…

Lamar
Utente
Lamar

Eppure nel 2009 ? se non ricordo male….