L’alternanza Berisha-Milinkovic non ha eliminato gli errori: in porta il Toro continua ad avere un problema che solo la società può risolvere

Al Castellani il Toro riesce nell’impresa di strappare tre punti in rimonta ma non in quella di mantenere la porta di Berisha inviolata. E soltanto la tripletta del Gallo Belotti salva i granata dalla disfatta. Una situazione che non è certo una novità. E non tanto per i gol del Capitano, da cui non si può certo pretendere che rivesta costantemente i panni del salvatore, quanto piuttosto per l’ennesimo errore tra i pali. Dopo le ottime prestazioni iniziali, che avevano convinto Juric a invertire le gerarchie con Milinkovic-Savic e a lanciare titolare l’albanese, infatti, gli errori contro Genoa e Lazio hanno riportato in auge l’ormai annoso problema portieri. Che, come da copione, si ripete anche contro l’Empoli.

Berisha, l’errore contro l’Empoli

Dopo un primo tempo ricco di occasioni ma terminato a reti inviolate, al 10′ della ripresa arriva il gol che sblocca il risultato. Tiro di Zurkowski dalla distanza, palla non troppo angolata ed Empoli in vantaggio. Il tutto condito dall’errore di Berisha (qui le pagelle del portiere) che su un tiro non impossibile parte in ritardo e si fa sorprendere senza riuscire a deviare il pallone lontano dalla propria porta. Un errore che arriva, appunto, dopo quelli contro Genoa e Lazio, proprio al suo rientro da titolare. E poco importa se Belotti ancora una volta si carica sulle spalle la squadra, aiutato anche dalle decisioni arbitrali più che favorevoli: il Toro ha bisogno di un’alternativa e deve trovarla in fretta.

Toro, da società e mercato deve arrivare la soluzione

Da un lato, infatti, il fatto che il Toro non abbia più assolutamente nulla da chiedere a questo campionato permette a Juric di fare di necessità virtù, giocando sull’alternanza di Milinkovic e Berisha e scegliendo di volta in volta chi gli garantisce maggior affidabilità. Basandosi esclusivamente sull’avversario di turno e soprattutto sulla condizione fisica dei suoi due portieri. Dall’altro, però, è ormai evidente che la soluzione, il Toro, la deve cecare al di fuori della rosa attuale. E che la responsabilità, da questo punto di vista, non possa di certo ricadere sulle spalle dell’allenatore.

Se si vuole permettere a Juric di far fare a questo Toro il vero salto di qualità, permettendogli di lottare per qualcosa di più di una semplice e tranquilla salvezza, gli si dovrà fornire la migliore delle rose possibili. A partire proprio dal portiere: uno che garantisca al Torino prestazioni di alto livello non a fasi alterne. Che diventi il punto di riferimento per la difesa, dandogli certezze e affidabilità a 360°. Basta con chiacchiere e alibi: la soluzione deve arrivare dal mercato.

Etrit Berisha .
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 02-05-2022


40 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
granatadellabassa
granatadellabassa
4 mesi fa

In porta siamo messi male e questo dà ulteriore valore alla stagione. Ma non vedo tanti fenomeni in giro, anzi non ricordo un’annata con così tante papere da parte dei portieri. In Italia, tra i papabili, c’è Cragno ma costerà caro. All’estero chissà, ci sarà pure qualche elemento affidabile e… Leggi il resto »

mavafancairo
mavafancairo
4 mesi fa

sì, c’è Alfred Gomis, del Rennes

Trapano
Trapano
4 mesi fa

Io ho la sensazione che arrivi Gabriel a parametro zero ..

mavafancairo
mavafancairo
4 mesi fa
Reply to  Trapano

molto probabile, una pezza che non serve a niente ma che farà felice il presiniente

Lupo de Lupis
Lupo de Lupis
4 mesi fa

Prenderei Radu e non sto facendo umorismo. Fresco di cappella spaziale, costerà poco ed è un portiere più che buono se gli si dà fiducia.

Djidji: “È la mia miglior stagione: con Juric sono cresciuto”

Toro, 6 perfetto dal dischetto: ma per 29 giornate…