Bonesso alla Primavera: “Ragazzi credeteci, i sogni si possono avverare”

1
CAMPO, 15.5.18, Torino, Teatro Nuovo, Gran Galà Granata 2018, nella foto: Jimmy Ghione, Loris Bonesso, Andrea Pavan

Loris Bonesso sul palco del Gran Galà Granata: “Il ricordo più bello? La marea umana che ci accolse al Filadelfia dopo il derby del 3-2”

Tre minuti e quaranta secondi. Uno lasso di tempo brevissimo, specialmente in una partita di calcio, che è diventato storico per il Toro e per i suoi tifosi. Era il 27 marzo 1983 ed esattamente in quei 3 minuti e 40 secondi i granata trascinati da Dossena-Bonesso-Torrisi ribaltano un derby che fino a pochi secondi prima vedeva la Juventus in vantaggio per 0-2 e ottengono un clamoroso 3-2 finale. Una rimonta fulminea, spettacolare e storica, un debry indimenticabile ricordato al Gran Galà Granata proprio da uno dei suoi protagonisti: Loris Bonesso. L’ex attaccante granata, emozionato nel raccontare quella giornata indimenticabile, ha un’immagine a cui è rimasto particolarmente legato: “L’immagine principale dei festeggiamenti fatti sotto la Maratona quando l’arbitro fischiò la fine sono certamente indelebili. Ma quella più bella riguarda il Filadelfia: c’era una marea umana a festeggiare con noi: abbiamo fatto fatica ad andare a casa. La cosa eccezionale, ripensandoci, è che quella Juventus era quella che pochi mesi prima era stata campione del Mondo. Con aggiunta di giocatori come Platini e Boniek“.

Bonesso: “Sono cresciuto al Filadelfia: giocare con Pulici fu un sogno”

E visto che il Gran Galà 2018 ha vissuto di ricordi memorabili, impossibile per Bonesso non ricordare i suoi primi passi al Toro, incalzato anche da Jimmy Ghione che racconta un aneddoto sull’attaccante: “Loris, ricordi quando in tv venisti inquadrato come raccatapalle proprio alle spalle di Pulici?” Un evento che per Bonesso risultò quasi premonitore: “Io arrivai al Torino l’anno dello scudetto, avevo 14 anni. Sono cresciuto qui al Filadelfia e ho avuto la fortuna di vedere le gesta dell’ultimo scudetto da vicinissimo. Quella domenica pomeriggio ero in campo con  i miei compagni e abbiamo potuto godere di quell’incredibile vittoria insieme ai nostri eroi. Il fatto che dopo 3 anni Radice mi fece giocare per la prima volta insieme a quei ragazzi fu una soddisfazione enorme ma deve essere anche un monito per i ragazzi della Primavera che sono qui oggi. Ragazzi, tante volte i sogni si possono avverare. Pensare che ho avuto l’opportunità di giocare insieme a Pulici, è fantastico“.

più nuovi più vecchi
Notificami
Troposfera Granata
Utente
Troposfera Granata

Dossena-Bonesso-Torrisi BUONO