Il Torino dovrà fare a meno dello squalificato Moretti: Bonifazi è l’unico candidato per sostituirlo. Servirà rimediare alla brutta prestazione contro l’Atalanta

Una bella prova, per rimettere le cose a posto dopo il disastro di Bergamo. Kevin Bonifazi ritroverà, al San Paolo contro il Napoli, una maglia da titolare a due settimane dal buco nero dell’Atleti Azzurri d’Italia dove, inghiottito dal vortice negativo di un Torino annichilito per larghi tratti della partita e spaesato in un ruolo non suo, aveva offerto una prova a dir poco deludente. L’occasione di domenica, dunque, sarà di quelle da non sprecare. Il centrale classe ‘96 prenderà il posto – a meno di clamorosi cambiamenti tattici, e quindi di un ritorno ad oggi improbabile alla difesa a quattro – di Moretti, squalificato dopo la sfida contro la Lazio. Bonifazi troverà così la terza maglia da titolare della stagione, dopo l’esordio ordinato (ma poco impegnativo) contro il Crotone e, per l’appunto, la gara contro l’Atalanta.

Il Torino punta su Bonifazi per il futuro. Ma contro il Napoli non sarà facile…

Opportunità forse necessaria. Per Bonifazi utile a riprendere fiducia, per il Torino come test per un giocatore dalle indubbie prospettive ma ancora da sgrezzare. E il momento della stagione appare propizio, con i granata ormai fuori dai giochi per l’Europa League e impegnati già nel progettare il futuro. Un futuro di cui Bonifazi può (e forse deve) far parte. Prodotto del vivaio, esploso alla Spal e già con alcune esperienze azzurre: le qualità, come detto, sono indiscutibili. Ora è necessario metterle alla prova. Anche, perché no, contro avversari del calibro di Callejon, Mertens, Insigne o Milik.

Mazzarri dà fiducia a Bonifazi. E lui è pronto a sostituire Moretti

Del resto, per Bonifazi, c’è da riscattare il brutto pomeriggio di Bergamo. Negativo, certo, ma condizionato dal ruolo occupato in campo. Decisamente non suo, e lo si è appurato. Una scelta di emergenza, quella di Mazzarri che in conferenza stampa, tanto nel dopogara di Bergamo, quanto alla vigilia di Torino-Lazio, ha giustificato il suo ragazzo, nel quale ripone grande fiducia: “Sta bene. Cerca di rendersi utile. Ha giocato fuori ruolo e si è visto”. A Napoli, però, ogni problema tattico sarà risolto. Lieve dovrebbe essere infatti l’adattamento sul centro-sinistra. Del resto era stato lui stesso ad equiparare così le posizioni della retroguardia, al termine di Cagliari-Torino, la gara dell’esordio in A: “Il tecnico mi ha provato in tutte e tre le posizioni della difesa a tre: per me cambia poco, se non il piede con cui si interviene, ma i movimenti sono gli stessi”. E, contro il Napoli, questi movimenti dovranno funzionare alla perfezione.


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Lamar
Lamar
3 anni fa

e chi marca ? insigne ? ahahahhaha dai continuiamo l’opera di demolizione

mas63simo
mas63simo
3 anni fa

il ragazzo non deve riscattare un tubo non è colpa sua se un testicolo di allenatore lo mette fuori ruolo e poi fa male. mazzarri fai cagare

tric
tric
3 anni fa
Reply to  mas63simo

Chiarissimo!

tarzan_annoni
tarzan_annoni
3 anni fa
Reply to  mas63simo

Perfetto

Napoli, lo scudetto si allontana: tre partite per tentare l’impossibile

Napoli-Torino: l’ultima vittoria targata Rosina e i capolavori di Fusi e Junior