Bremer, il lavoro che paga: Mazzarri ora si fida di lui - Toro.it

Bremer, il lavoro che paga: Mazzarri ora si fida di lui

di Francesco Vittonetto - 3 Dicembre 2019

Bremer, il gol contro il Genoa ma non solo: i segnali di crescita ci sono, al di là delle sbavature. E’ anche una vittoria di Mazzarri

“Lavora, lavora, che il tuo momento arriverà”. Verdi è sulla bandierina. “Lavora, lavora”. Cross, stacco, “Lavora”. Gol. Il momento di Gleison Bremer è il minuto 77 di Genoa-Torino. Quando, d’improvviso, le parole che Mazzarri gli ha ossessivamente ripetuto nel corso del suo primo, e difficile, anno sotto la Mole hanno acquisito un senso del tutto nuovo. Il brasiliano ha regalato ai granata tre punti preziosi – e indispensabili -, ma soprattutto ha vissuto una domenica da eroe. Quello che non ti aspetti. Il suo stacco, imperioso, a sovrastare Sturaro ha mandato in visibilio la truppa granata, corsa verso la panchina per un abbraccio di gruppo. Godersi una (piccola) gioia dopo una settimana – e una partita – di delusioni: era questo, in fondo, uno degli obiettivi dello scoglio di Genova.

Il gol e altri buoni segnali: Bremer c’è

Sia chiaro: il successo non cancella i problemi. Come, nel caso di Bremer, il gol non mette tra parentesi le sbavature di una stagione sì sorprendente fin qui, ma non priva di macchie. Il brasiliano, però, al “Ferraris” si è disimpegnato bene.

Persino in una posizione non sua a tutti gli effetti, quella di terzino sinistro della difesa a quattro che WM aveva impostato per gestire la fase difensiva del suo Toro.

Sbavature da correggere ce ne sono, ma è la strada giusta

Il tecnico si fida del lungagnone di Itapitanga, e questo è lampante. Se non altro perché Bremer è riuscito fin dal ritiro di Bormio a prendersi un posto da titolare poi raramente perso in favore di uno tra Lyanco, Djidji o Bonifazi. Otto presenze dal primo minuto in A, più le sei in Europa League.

Qualcosa, per la crescita definitiva, ancora manca – gestione della linea, efficacia in marcatura (si riveda il gol di Lukaku)… -, ma nel frattempo è arrivato il gol. Quella (piccola) gioia che male non fa, a lui e al Toro. E che si festeggerà alla ripresa al Filadelfia: De Silvestri pretende pure i pasticcini. Qualcosa di più dolce c’è, nonostante le delusioni.

più nuovi più vecchi
Notificami
odix77
Utente
odix77

è un ragazzo con doti fisiche notevoli… giovane, che di sicuro può avere margini…. non è un brocco da serie B e neanche un top player di sicuro non lo è oggi….. ma qui fa moda sfanc.ulare a prescindere i giocatori del Toro quindi tutto nella norma….io lo vedo in… Leggi il resto »

Denis-Joe
Utente
Denis-Joe

il fatto che uolter si fidi di bremer è inquietante.
Si riguardi il derby dell’anno scorso.. ah già, lui guardava chiellini, mica bremer.

mas63simo
Utente
mas63simo

😃😂😃😃😂🤣👏👏👏👏👏

granataenientepiu
Utente
granataenientepiu

Per me rimane solo un giocatore da panchina in una squadra da media bassa classifica. Solo il por.co di Masio può sperare di aver acquisito un altro top player…