L’intervista a Gleison Bremer a due giorni dal derby della Mole: la gratitudine nei confronti di Mazzarri, la lunga attesa prima di diventare un titolare

Sabato scenderà in campo per il derby dopo aver messo definitivamente da parte il Covid. Gleison Bremer nel giro di due anni si è preso il posto da titolare: Mazzarri, Longo, Giampaolo, Nicola. Tutto è partito dal primo, che ha creduto in lui. A Repubblica il difensore sottolinea proprio quanto importante sia stato Mazzarri. Nel frattempo sabato rivedrà quel Ronaldo che una volta lo beffò, pareggiando nel finale. “Mia moglie è ancora positiva, ma sta bene. Io ho avuto dei sintomi ma soprattutto paura. E poi il Covid ti lascia addosso qualcosa: con il Sassuolo non riuscivo a essere il Bremer di prima”. Poi sulla sfida di sabato: “La Juve non sta andando molto bene, è un’opportunità per noi. Nicola è un motivatore e ha già cominciato a caricarci, ma bisogna entrare in campo sereni e tranquilli. Ronaldo? Con l’attenzione continua. Lui appena vede uno spazio si infila”.

Bremer: “Mazzarri ha creduto in me”

A dargli l’opportunità per primo è stato Walter Mazzarri, che ha sempre dimostrato di credere in lui. “Mazzarri continuava a dirmi che se mi fossi allenato duramente l’opportunità sarebbe arrivata. Dimostrò di credere in me: non ebbe paura a scommettere su di me anche se non avevo mai giocato e anche se era la partita più difficile. Meno male che abbiamo pareggiato, perché se avessimo perso non me lo sarei perdonato”. Il riferimento è al gol nel derby di Ronaldo, che nel finale pareggiò i conti. “Proprio all’ultimo ho perso la marcatura e lui ha segnato l’1-1. Avrei dovuto fare di più”.

Sul momento del Toro: “Sulla carta abbiamo ottimi giocatori, ma il riscontro del campo è diverso. Ci è mancato molto il mese di precampionato: avevamo cambiato completamente modo di giocare e avremmo avuto bisogno di più tempo. Se il derby può m motivare? La motivazione massima è la classifica. La retrocessione sarebbe una macchia per tutti”.

Una lunga attesa prima di diventare pian piano un titolare: “Sapevo che l’impatto con l’Europa sarebbe stato duro: se avessi dovuto incontrare dei problemi, era meglio che succedesse subito. Sono cresciuto anche fermandomi dopo gli allenamenti a fare “ripetizioni” di tattica, di aggressività e persino di tecnica. Le qualità le ho, ma qui ho imparato a posizionarmi per ricevere la palla, a marcare in area, a impostare un’azione. In Brasile puoi alzare la testa e giocare con calma, qui invece devi pensare in fretta“, ha spiegato.

Dopo Mazzarri Longo lo ha confermato: “Lo ringrazio perché mi ha dato continuità. Mi sento forte ma non devo pensare che basti. Si può migliorare fino all’ultimo giorno. Volevo l’Europa perché qui so di poter diventare uno dei più forti. A Torino sto bene, soprattutto dopo che ho superato lo scoglio della lingua. Qui è nata mia figlia, abitiamo in collina e con il lockdown è una fortuna stare nel verde. I miei hanno una fattoria e da piccolo davo una mano con le mucche. Non li vedo da due anni, è dura”.

Il Liverpool e… la boxe

L’Inghilterra lo punta, si parla del Liverpool e di complimenti ricevuti dopo l’amichevole di tre anni fa: “Questa cosa è divertente: ne parlano tutti ma io non ne so niente. Ed è una leggenda metropolitana che Klopp venne a farmi i complimenti”. Ha ammesso di aver frequentato, fino alla chiusura, una palestra, dove faceva boxe. “La boxe mi serve per migliorare la rapidità del gioco di gambe”.

Gleison Bremer
Gleison Bremer
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 01-04-2021


4 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
paolo 67 (tabela)
paolo 67 (tabela) (@tabela)
8 mesi fa

“La Juve non sta andando molto bene, è un’opportunità per noi “, noi invece……..

GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo)
GD ( 0.3ini : i migliori alleati di Cairo) (@foreverg)
8 mesi fa

Questo come testa è un altro Belotti. Uno che lavora duramente e si guadagna ogni centesimo. Si sapeva che appena arrivato e per un bel po’ lavorava piu di tutti in allenamento. L’allenatore lo teneva fuori e lui stava lìì il doppio in allenamento. Invece che pian gere col procuratore… Leggi il resto »

duca79
duca79 (@duca79)
8 mesi fa

Questo ragazzo è veramente forte!!

Lazio-Torino, la Procura Federale apre un’indagine sui granata

Belotti, 3 gol alla Juve ma mai decisivi: il Gallo ora vuole fare un regalo al Toro