Alessandro Buongiorno ha partecipato a Dronero all’evento Lo Sport e la Scuola nel mondo del Professionismo

Alessandro Buongiorno questo pomeriggio è stato ospite a Dronero all’evento Lo Sport e la Scuola nel mondo del Professionismo, evento organizzato nell’ambito del Premio Baretti, intitolato all’ex direttore di Tuttosport e presidente della Fiorentina. Il difensore dal palco ha ripercorso la sua carriera: “Ho iniziato a giocare a calcio quando avevo sei anni, poi sono stato chiamato dal Toro: ho fatto i provini e poi mi hanno scelto ma all’inizio non ero sicuro di voler andare. Ho avuto un po’ di titubanza, poi Silvano Benedetti mi ha detto di provare a alla fine direi che è andata bene. Conciliare lo studio con lo sport non è stato facile, soprattutto alle superiori, per fortuna ho avuto professori che hanno capito la situazione e che hanno visto la mia voglia di portare avanti entrambe le cose”.

Buongiorno: “Superga è un’emozione unica”

Buongiorno ha poi parlato delle emozioni provate il 4 maggio a Superga: “Leggere i nomi dei caduti a Superga è un’emozione unica, la prima volta mi sono tremate le gambe. Quest’anno pensavo di riuscire a gestirla meglio, invece no. Si è in un posto inconscio per il Toro, si avverta un’aurea diversa, dove ci sono le anime dei tifosi, dei caduti e dei tifosi. Una connessione unica che viene tirata fuori quando vengono letti i nome. E’ un’emozione che si prova poche volte”.

Infine, sulla partita contro l’Atalanta e su Juric: “Adesso stiamo preparando la sfida con l’Atalanta. Siamo un gruppo bello, tutti diamo il massimo e questi giorni di allenamento li stiamo facendo bene. Quando si arriva verso la fine della stagione si perde qualcosa dal punto di vista fisico ma sono sicuro che arriveremo alla partita nelle condizioni giuste. Lavorare con Juric è stato fantastico, è stato come un padre. E’ un uomo vero, dice ciò che pensa e con lui puoi parlare anche al di là del calcio. Mi ha fatto crescere e maturare e lo ha fatto anche con tanti altri giocatori. E’ un grandissimo allenatore ma prima di tutto è una grandissima persona”.

Alessandro Buongiorno
Alessandro Buongiorno
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-05-2024


73 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Rogozin
Rogozin
23 giorni fa

Essendo un’intervista rilasciata al giornale del padrone, si possono definire inutili caxxate. Il suo silenzio in occasione dei fatti di Superga confermano questa tesi.

mavafancairo
23 giorni fa

capitano, anche quella di coprire il kiulo a chi ha dato dei pdm a gente venuta per onorare gli Invincibili è un’emozione unica ?

mavafancairo
23 giorni fa
Reply to  mavafancairo

sappi solo che un Ferrini li avrebbe presi per il collo e sbattuti giù dal pullmann a calci nei denti o, se non se ne fosse accorto, li avrebbe massacrati dopo.. detto questo, complimenti per la tua crescita sportiva ed in bocca al lupo per il tuo futuro

Last edited 23 giorni fa by mavafancairo
Fandango
23 giorni fa
Reply to  mavafancairo

Sottoscrivo.

Dhrama
Dhrama
23 giorni fa
Reply to  mavafancairo

Bella domanda, una di quelle che non avranno mai risposta.

Scimmionelli
23 giorni fa

Opss… vengo qui, sfoglio i commenti, e che cosa leggo? Gente che si fa le pompe a vicenda manco si fosse su un sito dell’atalanta (gente secondo la quale a rosicare sono sempre gli altri….). E vabbe’, mi dico! Puo’ darsi benissimo che campanadilegno abbia fatto un articolo sull’Europa League.… Leggi il resto »

Last edited 23 giorni fa by Scimmionelli
mavafancairo
23 giorni fa
Reply to  Scimmionelli

sì, ma non andare ancora a dormire tarzanello, ci teniamo moltissimo a sapere cosa hai apprezzato di più quest’anno, da tifoso della cairese, tra:
il perdy d’andata, Scroto che non raggiunge neanche i playoff ed il meraviglioso episodio di Superga

Giro d’Italia, c’è Cairo sull’ammiraglia a seguire la fuga: la foto

Juric, contro Gasperini poche gioie: ma ora serve solo vincere