Cairo e Ventura, idillio finito: la Nazionale divide il duo delle plusvalenze

69

Il presidente del Torino ha criticato duramente Ventura dopo l’esperienza in Nazionale: dopo anni di intesa costante e di affari, i due non sembrano così uniti

Come cambiano le cose, a distanza di pochi mesi. La stima, è bene precisarlo, è rimasta immutata, ma sicuramente tra Urbano Cairo e Giampiero Ventura qualcosa si è incrinato, dopo l’ultimo flop dell’allenatore che fece le fortune del Torino cairota. Pugno duro, da parte di Cairo, che dimostra come le ultime apparizioni dell’ormai ex ct della Nazionale proprio non siano state gradite: “Non è il Ventura che conoscevo“, ha sentenziato il numero uno del Toro, che fino a poco tempo prima della partita contro la Svezia si era comunque esposto a favore dell’allenatore di cui è stato anche testimone di nozze.

L’idillio sembra essersi davvero consumato, e le ferme convinzioni di Cairo sul buon operato di Ventura come selezionatore sono venute sicuramente meno. Anche perché per il Toro, come per tutti gli altri club che vantano giocatori potenzialmente in azzurro (è il caso di Belotti, per i granata), la mancata qualificazione ai Mondiali comporta un danno economico non indifferente, anche per alcune dinamiche di calciomercato. I tempi di Bilbao sono davvero lontani. Lo sono, più in generale, quelli di un Ventura particolarmente apprezzato da Cairo per il suo trascorso in granata. Di quelli, il ricordo resta. Ma le valutazioni recenti sono troppo esplicite per non lasciare il segno, e anche tra Cairo e Ventura, così come tra Ventura e tutto il mondo del calcio, qualcosa da ricostruire c’è. In barba al passato.

69 Commenti

  1. Ci sono aggiornamenti: secondo fonti attendibili, Ventura avrebbe restituito a Cairo lo spremiagrumi elettrico da 18,90 € che gli aveva donato quale presente di nozze. E la situazione è in evoluzione continua.
    Cronisti, prego di aggiornare l’articolo, grazie.

  2. Ma chi non lo vorrebbe come testimone di nozze??? Pensa Ventura come è messo se alla sua età chiede a Cairo di essere testimone di nozze, che persona nulla. Comunque sempre riconoscenza per averci levato dalla melma, anche se non lo rimpiango di certo.

  3. Visita a Torino… “Bella sta città, ma……. Cos’è sto striditio? Avete cicale a novembre inoltrato? Che è…. Nairobi??? “ No no, tranquillo….. Sono vedovelle acide che scivolano inesorabilmente, aggrappate con le unghie sugli specchi….” 😁©GRAZIE GIAMPI

  4. Per me qualcuno si è drogato di perbenismo. La prima parte dell’articolo è praticamente cronaca, se dovessimo lamentarci di questo cosa bisognerebbe dire degli articoli del Fatto quotidiano da una parte e del Giornale dall’altra? La seconda parte dell’articolo esprime un’ipotesi, per niente campata in aria, per noi auspicabile. Ma di cosa stiamo parlando? Mi pare che stiamo diventando un pelo delicatini.

  5. Godo quando leggo i commenti a questi articoli : sono la cosa che più mi diverte.
    Più commentate, più regalate click, accessi e contatti al sito, e più vi lamentate di quanto il sito sia scadente.
    C’è qualcosa di malato in tutto questo.

  6. A monte di tutto potrebbe essere anche che l’atteggiamento di sopraggiunta ostilità nei confronti di Ventura, le picconate al sistema, nonché la lotta nemmeno troppo silente di Cairo sui diritti tv sia il viatico per una ancora segreta ambizione di Urbanuccio: “la Presidenza Federale”. Il Berlusconi de noantri secondo me non riesce più a frenare l’ambizione.

  7. Per farla molto semplice, sembra uno di quegli articoli rivolti a quei lettori che vedono male il “cattivo” Cairo come presidente del Toro per convincerli che non sia così in quanto il “cattivo” Cairo è adesso contro al “SuperCattivone” Ventura e quindi diventa ora un “Buon” Cairo un futuro SuperEroe. Parecchio Elementare…

    • Per me qualcuno si è drogato di perbenismo. La prima parte dell’articolo è praticamente cronaca, se dovessimo lamentarci di questo cosa bisognerebbe dire degli articoli del Fatto quotidiano da una parte e del Giornale dall’altra? La seconda parte dell’articolo esprime un’ipotesi, per niente campata in aria, per noi auspicabile. Ma di cosa stiamo parlando? Mi pare che stiamo diventando un pelo delicatini.

      • Ciao osservatore !! può anche valere 10 milioni..ma io i calciatori del Toro e da Toro li amo e vorrei che il ns presidente faccia altrettanto, ovvero tenga i piu forti e costruisca una squadra vincente per vincere, tutto qua…
        chiedo troppo? Belotti adesso a 70 milioni se glieli danno ancora lo vende…e noi vinciamo il campionato delle plusvalenze

  8. Si arricchisce il logaritmo delle possibili combinazioni litigiose: anti-Cairo vs Cairoti; anti-venturiani vs venturiani; cairoti-venturiani vs anti cairoti venturiani; pro Cairo/anti venturiani vs anti Cairo pro venturiani; pro Cairo contro Ventura vs anti Cairo pro Ventura… chi manca?

  9. Altro articolo basato su supposizioni che vengono fatte passare come notizia. Ma poi voglio dire, Ventura non è più l’allenatore del Toro da un anno e mezzo ormai, cosa ce ne frega a noi di come se la passa? Mi sa che le vere vedove siete voi che non potete fare a meno di parlarne sempre.

    • Noi? Con tutto rispetto a te non frega, a me e ad altri si. Non per questo abbiamo ragione o torto o siamo più o meno granata di altri. Ci frega e basta di non poter vedere l’Italia al mondiale, di aver un bambino di 11 anni con i suoi sogni di gloria infranti e tutto per cosa poi? Perchè siamo scarsi? No, non siamo tanto scarsi da non poterci qualificare. Siamo diventati più scarsi della Svezia perchè Ventura ci ha reso più scarsi di loro. Si sapeva che era difficile arrivare primi del girone, anche non avessimo perso lo scontro diretto si arrivava secondi perchè loro tendenzialmente segnano di più, non è questo il problema il problema è essere arrivati all’appuntamento topico in piena confusione tattica come da copione che conosciamo bene. Che vada ad allenare le primavere se vuole far esperimenti tattici su materiale giovane.

      • @Osservatore Anche a me interessa della nazionale, e il mio non è un interese tiepido o di facciata. Però vado a leggermi le notizie che riguardano l’Italia sulla Gazzetta, non su toro.it. Quello che mi dà fastidio è lo sciacallaggio dei giornalisti che, su un sito che dovrebbe occuparsi di Toro, continuano a tirare in ballo Ventura che con il Toro non c’entra più niente. È evidente la forzatura, dai.

        • Ok. Io però credo che la colpa sia nostra, dei forumisti. Siamo noi i primi che vogliamo gli articoli su Ventura, la redazione ci accontenta, fra l’altro in una settimana di calcio non giocato. Io non me la sento di criticarli per questo peraltro in un sito gratuito, dove la caccia del clik equivale a sopravvivere economicamente. Se pagassimo un abbonamento avremmo più diritto a dettare l’agenda della redazione, almeno questo è quello che penso io. Bye.

          • la caccia ai click la si può fare anche scrivendo articoli di qualità. Questione di scelte e di capacità.

          • tipo così
            http://www.corriere.it/sport/17_novembre_15/italia-fuori-mondiali-calcio-italiano-malato-tecnica-finanza-politica-6bf4853e-c9e2-11e7-8a54-e86623f761be.shtml

          • Io non sono d’accordo. Nel senso che i mali atavici del calcio italiano ci sono e andrebbero risolti ma nulla c’entrano con la nostra eliminazione. Qui non stiamo parlando di una mancata vittoria di un mondiale o un mancato raggiungimento delle semifinali che per i top team è il traguardo minimo, qui stiamo parlando di una mancata qualificazione. La squadra, pur priva di fenomeni, c’era e al ritorno si è pure impegnata. Qui non siamo passati per motivi tecnico/tattici non per motivi politici.

      • Esatto, perché al netto della figura barbina con la Spagna, e di quelle magre con Macedonia e Albania, è proprio il doppio spareggio la nitida fotografia del vate: in più di tre ore di gioco 0 goal a fronte di 5 tiri nello specchio della porta.

    • @Muskar troppo facile. Ci siamo dovuti sorbire il Vate per cinque anni con tutto quello che ne e’ seguito. Ora vi tocca il contrappasso. Abbiamo altri 3 anni e mezzo a credito. Se smettete di rompere i coglioni con rimpianti e vedovellate varie forse qualcosa ve lo abboniamo

  10. comunque col gobbo malefico squalificato,con le lombarde cinesizzate,con lotito ai margini,come i della valle,e con adl poco interessato,in lega il suo potere aumentera’,parlo del bracciamozze ovviamente.Opera nei media,un track record di successo.ha tutti i crismi

  11. Io invece credo che il vero bersaglio di Cairo fosse Tavecchio (il presidente è a capo di una cordata che vuole riformare profondamente il calcio e non perde occasione di dire che servono manager giovani e capaci, che in pratica è come dire che gli attuali sono vecchi e incapaci). Quando dice che non ha visto il Ventura che conosceva e che gli era sembrato più un ospite che un CT il messaggio è chiarissimo: ha subito scelte altrui. Perchè l’ospite, in quanto tale, sta alle regole di casa e non si impone. Ciò senza tacere le responsabilità di Ventura, evidentissime.

  12. Se sono veri i retroscena raccontati pubblicamente da addetti ai lavori(giocatori che si chiudono negli spogliatoi e obbligano il CT a star fuori,Buffone che prende da parte GPV e gli dice “Io devo giocare perché devo fare il record presenze”e questo in risposta a una frase che Ventura avrebbe detto a un suo stretto collaboratore”Buffon nn lo farei giocare neppure nel club”l’ambiente non era certo dei migliori.Ecco perché Cairo ha dichiarato”Negli ultimi tempi nn era il Ventura che conoscevo,mi sembrava un ospite.
    Ci voleva una persona con un atteggiamento da fine psicologo x gestire tutti i rapporti con i calciatori. e GPV in questo è sempre stato pessimo.
    Si capiscono,adesso,meglio le lacrime di Buffone.
    Forse l’unico sincero era De Rossi,forse….

    • Dhea, sapeva benissimo dove andava, accettando la nazionale e soprattutto sapeva che quello, da sempre, è un “covo di serpenti”.

      Ma visto che la boria, la supponenza, la faccia tista e l’arroganza non gli sono mai mancati, olre alla “fame di quattrini”, da buon genovese, ha accettato ugualmente.

      Dunque si fotta…!!!

    • La storia di Bilbao ha rotto i coglioni: e’ stata una delle rare volte che il Guru ha fatto giocare il TorinoFc da Toro e non col frullesco giro palla tarpa grinta, grazie anche a giocatori come Maxi che hanno suonato la carica in un certo modo, modo lontano anni luce dai dettami del Vate.

      • Hai detto giusto, è una delle poche partite in cui siamo entrati in campo per vincere e non per pareggiare in attesa di avere l’occasione per vincere e qui ci vedo lo zampino dei giocatori più anarchici del Toro, ome Maxi, piuttosto che di Ventura.

  13. Io l’ho letta diversamente. Cioè come un tentativo disperato di difenderlo addossando l’intera colpa al blocco di… “senatori” che lo ha esautorato e tagliato fuori. Quindi come dire: lui è e resta bravo, ma in questo caso non ha potuto farci nulla perchè non lo hanno lasciato lavorare.

  14. Cairo evidentemente parla da presidente del gruppo RCS, ed è ovvio che per la Gazzetta sono tantissimi introiti pubblicitari persi la mancata qualificazione. Naturalmente le responsabilità della disfatta vanno equamente divise tra tutti, allenatore, giocatori e dirigenti.

    • Mi pare che tu ci abbia visto giusto: Cairo parla da businessman. Un giornale sportivo e non solo, durante i Mondiali aumenta la tiratura e ovviamente gli introiti della pubblicità. Considera pure anche la mancata visibilità per i giocatori e nello specifico Belotti…

    • E non solo tajarin: aggiungiamoci pure la mancata “vetrina mondiale” del Gallo e, dunque, la sicura svalutazione dei fantomatici 100 milioni di clausola rescissoria.

      In ogni caso, bracciamozze, come volevasi dimostrare, è viscido, falso e bugiardo come giuda: un giorno ti “elogia”, quello successivo ti “accoltella alla schiena”.

      Una vera e genuina “faccia come il culo…!!!