Il presidente del Torino, Urbano Cairo, è intervenuto a margine dell’evento Dla Piper Forum che si è tenuto a San Siro

Urbano Cairo è quest’oggi intervento al Dla Piper Forum che si è tenuto a San Siro. A margine dell’evento ha fatto il punto sul suo Torino parlando inizialmente di Alessandro Buongiorno, protagonista anche della partita dell’Italia contro l’Ucraina che è valsa la qualificazione all’Europeo. “Sono molto soddisfatto di Buongiorno. Ieri sera ho guardato la partita con i miei figli ed eravamo molto orgogliosi dell’Italia, che ha fatto una cosa importante qualificandosi per gli Europei, e poi sicuramente per il nostro Alessandro che ha disputato una grande partita. E non era facile giocare 90 minuti in quel modo, avendo avuto l’ammonizione al 6′. Siamo tutti felici per lui: gli ho mandato un messaggio subito dopo la partita, mi ha risposto, abbiamo parlato ed era molto contento”.

Cairo: “Il rientro di Buongiorno è stato importante”

Cairo ha poi parlato della Nazionale: “Colgo l’occasione per rifare i complimenti ad Alessandro e a Spalletti, che ha davvero dato una notevole inversione di marcia all’Italia. E non era facile dopo tutto quello che è successo, pensando per esempio al tema delle scommesse, con due giocatori che nella sosta precedente sono andati via dal ritiro della Nazionale. E’ stata una cosa molto pesante, ma fortunatamente siamo andati avanti e potremo difendere il titolo Europeo”.

Poi, ancora su Buongiorno: “Quanto vale Buongiorno oggi? Con Alessandro abbiamo parlato la scorsa estate e lui mi ha detto: ‘Rimango volentieri al Toro’. Io gli ho risposto: ‘Alla grande, rimani con noi al Toro e faremo un grande campionato’. Questa è l’intesa tra noi, quindi non penso a vendere Buongiorno. Sarà il capitano del futuro? Lui è nato nel Toro, è entrato nel vivaio a 7 anni, oggi ne ha 24, quindi è in questa società da 17 anni. Adora il Toro, adora la maglia granata ed è un ragazzo per bene, fantastico, splendido e si è anche laureato… Ha pure una fidanzata carina e una famiglia per bene. Insomma, è un ragazzo perfetto. Non è ancora il capitano perché c’è Rodriguez. Come si suol dire, è capitan futuro, però non diciamolo troppo forte perché De Rossi doveva essere il capitano della Roma e lo ha fatto per pochissimo tempo. E’ un caso che il Torino si sia ripreso da quando è tornato Buongiorno? Certamente il suo rientro è stato molto importante però tutta la squadra è migliorata e ha fatto grandi cose”.

Cairo: “Con il Bologna partita importantissima”

Sugli altri calciatori Cairo ha invece detto: “Ho visto uno Zapata cresciuto in maniera notevolissima: ha dato un grande contributo aprendo varchi come sa fare lui con la sua fisicità. Penso però anche a Sanabria, a Gineitis, che ha fatto benissimo, allo stesso Milinkovic-Savic, che ha compiuto grandi parate, in mezzo al campo a Linetty e Ilic, tornati quelli che conosciamo, a Ricci prima di farsi male, a Vlasic in gol con il Sassuolo. Buongiorno evidentemente è un giocatore dalla grande capacità di trascinare il gruppo e ha segnato a Lecce”.

Il presidente granata ha parlato anche degli obiettivi del Torino: “Il Torino punta all’Europa? Certamente la partita con il Bologna è molto importante. Dobbiamo prepararla molto bene, però è presto per dirlo, sicuramente siamo lì: con 16 punti siamo a un passo da tutto. Il quinto posto è addirittura a 20 punti, quindi siamo a 4 lunghezze di distanza. Nonostante abbiamo avuto delle penalizzazioni importanti. Se pensiamo alla partita con il Monza il gol era buono e c’era un rigore per noi… In più ci sono tante altre cose sulle quali non voglio tornare sennò sembra che voglia lamentarmi troppo, però ho visto una statistica, che non ho fatto io, che dice che negli ultimi tre campionati abbiamo avuto oltre 200 penalizzazioni e 50 vantaggi (arbitrali, ndr). E nelle 200 penalizzazioni abbiamo 35 rigori non dati in tre anni. Sarebbe bene che qualcuno avesse un’attenzione maggiore. Non per noi, ma per avere una maggiore oggettività”.

Cairo: “Il Torino l’ho preso dal fallimento”

Già durante il suo intervento all’evento Cairo aveva parlato della sua esperienza al Torino ripercorrendo, ma non nel modo corretto, la storia dell’acquisto della società: “Il Torino l’ho preso dal fallimento, quando non si era iscritto al campionato, nel luglio 2005 (il Torino non riuscì a iscriversi alla Serie A per via del fallimento ma si era invece iscritto alla serie B grazie ai cosiddetti lodisti da cui, successivamente, Cairo acquistò la società, ndr). Acquisendo una società in quelle condizioni ho rifatto tutto da capo. Nel mondo del calcio ho imparato che i ricavi sono molto importanti e il potenziale del calcio italiano è grande. Ecco perché i fondi cercano di entrarci. La vendita dei diritti tv in Italia ha garantito una somma discreta, ma ora bisogna contrastare la pirateria come fanno in Spagna. Il potenziale di crescita maggiore della Serie A è nei diritti esteri: la Spagna ricava 900 milioni, l’Inghilterra è a 2 miliardi, noi a 300-350 milioni. E poi è necessario rinnovare gli stadi per aumentare i ricavi: solo poche squadre di A hanno impianti di proprietà e quindi non si può che migliorare in questo aspetto. Ciò premesso, anche in Premier League, dove arrivano 4 miliardi l’anno dai diritti tv domestici ed esteri, ci sono società importanti che perdono soldi. Come può succedere? Ci sono i procuratori con le loro richieste, i giocatori più richiesti che vogliono più soldi. Aumentare i ricavi è dunque importante, ma è necessario anche un controllo dei costi. Servirebbe un salary cap non solo in Italia, ma a livello europeo”.

Urbano Cairo
Urbano Cairo
TAG:
home

ultimo aggiornamento: 22-11-2023


103 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
bogaboga77
3 mesi fa

Ancora con il fallimento, sono passati 20 anni!
In 20 anni c’è chi passa dal biberon a diventare un porno attore.
Finché nel calcio ci sarà gente come lui, viva la pirateria!

Casao92
Casao92
3 mesi fa
Reply to  bogaboga77

Il Torino mica era fallito. Era iscritto alla serie B se non sbaglio.

Casao92
Casao92
3 mesi fa
Reply to  bogaboga77

La Fiorentina ed il Napoli sono ripartiti dalla Serie D e C se non sbaglio. Sono andati spesso in Europa ed il Napoli ha vinto uno scudetto.

Casao92
Casao92
3 mesi fa
Reply to  Casao92

Fiorentina dalla C2 e Napoli dalla C1.

bogaboga77
3 mesi fa
Reply to  Casao92

Pgiusto

E Viola Park…

thethaiman
3 mesi fa

Lo vende ai gobbi, il c0glion3 TDC l’aveva poi già sbolognato il….”capitan futuro”.

ale_maroon79
3 mesi fa

Capitan futuro incasso.

Verso Bologna-Torino: Zima si candida in difesa

Seck, zero gol e poco spazio: per ora è una scommessa persa